Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Attualità

Caaf Cgil, Ati e Agenzia Entrate:
uniti in direzione del telematico

Civis e Pec, due canali web che possono dare un taglio decisivo alle lunghe file in ufficio. Negli accordi quadro sottoscritti, l’impegno per la loro promozione e diffusione

Thumbnail
Attività fondamentali dell’Agenzia delle Entrate sono la promozione e l’attivazione di sistemi e procedure per la semplificazione del rapporto tra contribuente e Amministrazione finanziaria. Tanti i passi in avanti compiuti in questo senso negli ultimi anni, basti pensare ai diversi strumenti messi a disposizione per fornire un’assistenza sempre più mirata alle esigenze del cittadino e servizi facilmente fruibili.
Indubbiamente, però, il nodo focale strategico su cui punta l’Agenzia per la realizzazione di un “fisco facile” è l’utilizzo del telematico, traguardo che può essere raggiunto speditamente soltanto attraverso la collaborazione degli intermediari abilitati.
 
Ed è stato questo, appunto, il leitmotiv degli accordi quadro firmati dal direttore dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, con il presidente del Consorzio nazionale Caaf Cgil, Mauro Soldini, e con il presidente dell’Associazione tributaristi Italiani, Enrico Peruzzo.
I contenuti basilari dell’intesa intendono sensibilizzare gli iscritti delle due organizzazioni all’utilizzo del web, fornendo anche suggerimenti in merito alle procedure più efficaci e alle eventuali criticità, in modo che l’Amministrazione possa ottimizzare la gestione di tutti i servizi forniti dall’Agenzia.
 
In particolare, l’impegno è alla promozione e utilizzazione di Civis, il canale che consente di risolvere direttamente on line irregolarità emerse dai controlli formali o automatizzati, e della Pec, la casella di posta certificata a cui possono accedere intermediari e contribuenti. Insomma, il punto d’arrivo è ricorrere al “contatto” in ufficio soltanto per situazioni molto particolari.
 
In programma, quindi, l’organizzazione di seminari e incontri di formazione su tutto il territorio nazionale per “invogliare” professionisti e operatori dei Caf all’uso della Rete come mezzo di interscambio con il Fisco.
Al tempo stesso, l’Agenzia delle Entrate si impegna a fornire risposte e assistenza pervenute tramite Civis e Pec, al massimo, entro dieci giorni. Inoltre, gli uffici concederanno un appuntamento prioritario al rappresentante dell’organizzazione sul territorio, nel caso in cui il servizio richiesto non sia disponibile on line oppure se la richiesta di assistenza tramite Civis o Pec non sia stata risolta in modo soddisfacente.
 
Rappresentanti dell’Agenzia delle Entrate, dei Caf Cgil e dell’Ati, infine, daranno vita a osservatori per monitorare il progredire degli obiettivi concordati e segnalare le eventuali problematiche da risolvere.
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/attualita/articolo/caaf-cgil-ati-e-agenzia-entrate-uniti-direzione-del-telematico