Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Attualità

Congresso di e-learning a Milano. L’Agenzia presenta il suo progetto

Per la formazione via web scelti i “controlli automatizzati”, corso già incluso nell’offerta tradizionale

Thumbnail
La formazione e l’aggiornamento del personale costituiscono un’imprescindibile esigenza, ma comportano anche un significativo costo economico e gestionale di cui una grande organizzazione come l’Agenzia deve tenere conto. L’introduzione dell’e-learning nell’offerta didattica delle Entrate, con un progetto sperimentale avviato nel 2009 e conclusosi lo scorso 30 settembre, risponde proprio all’esigenza di abbattere significativamente i costi diretti e indiretti della formazione, oltre che di ottimizzare i tempi e incrementare l’efficacia di percorsi di apprendimento molto articolati.   Le fasi del progetto, il modello didattico adottato e i risultati conseguiti dalla sperimentazione sono stati presentati nella sessione dedicata alla pubblica amministrazione del Congresso SIe-L, l’importante rassegna nazionale organizzata dalla Società italiana di e-Learning, ente no profit che promuove la ricerca, l’innovazione e la diffusione di buone pratiche nel campo dell’e-learning.   La progettazione di nuovi ambienti di apprendimento, focus dell’edizione 2010 del congresso, sollecita una riflessione cui non può sottrarsi un’amministrazione consapevole del valore del proprio know how. Un’amministrazione consapevole altresì che la “net generation” richiede un cambiamento di approccio. E nell’ambito della formazione, gestire questo cambiamento significa anche progettare nuovi ambienti di apprendimento.   Per condurre l’esperienza pilota, l’Agenzia delle Entrate ha scelto di articolare in modalità e-learning un corso già incluso nella propria offerta formativa tradizionale, per poter utilizzare come input per la fase di analisi, informazioni, dati ed esperienza già consolidati.   La fase di analisi, preliminare all’avvio della progettazione, ha portato a individuare il corso d’aula sulle attività del controllo automatizzato delle dichiarazioni. Il fabbisogno formativo su queste tematiche riguarda in termini numerici significativi il personale delle Entrate operativo in uffici distribuiti sull’intero territorio nazionale, e perciò non completamente raggiungibile da percorsi d’aula tradizionale.   I contenuti di questo corso attengono, con tutta evidenza, a un processo cruciale per l’attività istituzionale dell’Amministrazione finanziaria, che eroga servizi di assistenza ai contribuenti. La necessità di un aggiornamento annuale e tempestivo rivolto a tutto il personale coinvolto nel processo è stato un ulteriore elemento che, in fase di analisi, ha fatto ricadere la scelta su questo specifico percorso di formazione.   Selezionato il corso, l’Agenzia delle Entrate ha avviato il processo produttivo, in stretta collaborazione con il LabeL-Cattid, il laboratorio di e-learning della “Sapienza” di Roma, che ha fornito supporto metodologico nella definizione del modello didattico, calibrato sulle peculiarità organizzative e sulle esigenze formative dell’Amministrazione finanziaria.   Il modello didattico messo a punto per le Entrate ha tenuto conto delle linee guida fornite dal Cnipa, ora DigitPA, per la realizzazione di progetti formativi in modalità e-learning nelle pubbliche amministrazioni e ha seguito la traccia dettata da “ADDIE”, il consolidato modello di Instructional system design, che suddivide il processo in cinque fasi: analisi, progettazione, sviluppo, erogazione e valutazione.   I contenuti del corso e-learning “Controllo automatizzato delle dichiarazioni” sono stati organizzati in maniera gerarchica e modulare per soddisfare puntuali obiettivi didattici. Il corso risulta così suddiviso in tre moduli formativi e composto complessivamente da dieci unità didattiche multimediali e interattive, della durata, ciascuna, di circa 15/20 minuti. La realizzazione delle unità didattiche multimediali è avvenuta in collaborazione con Sogei, la Società di Information and Communication Technology del ministero dell’Economia e delle Finanze, che ha gestito anche la piattaforma e-learning su cui è stato erogato il corso.   Per lo sviluppo del corso, l’Agenzia delle Entrate ha scelto invece di mantenere al proprio interno alcuni ruoli chiave (project manager, esperti della materia, e-learning tutor), in modo da far crescere e consolidare un team da coinvolgere in futuro nello sviluppo di progetti analoghi.   Il corso pilota ha interessato nel complesso 1.744 discenti, suddivisi in 52 classi virtuali. Sono state sperimentate due differenti modalità di erogazione. Una modalità totalmente online per circa 1.600 discenti. Una modalità blended, mista, destinata a circa 130 partecipanti. La prima ha previsto l’integrazione di percorsi di autoformazione con momenti di autovalutazione dell’apprendimento, mediante test di verifica, e con momenti di confronto e collaborazione tra i partecipanti in chat e su forum. La modalità blended ha aggiunto alla modalità online anche l’aula tradizionale e l’aula virtuale che si svolge in rete.   La piattaforma di erogazione ha consentito momento per momento il monitoraggio della fruizione del corso e di dare così ai partecipanti supporto organizzativo e metodologico. A offrire questo supporto sono stati gli e-learning tutor, una rete composta da 34 esperti di processi didattici e appartenenti agli uffici formazione di tutte le direzioni regionali dell’Agenzia delle Entrate.   I primi dati raccolti nella fase di valutazione, tutt’ora in corso, indicano che l’88% dei discenti ha completato il corso e che solo un limitato numero risulta averlo abbandonato (7%) o non avervi preso parte (5%). I risultati del progetto pilota, analizzati sia da un punto di vista quantitativo che qualitativo, uniti alle valutazioni di tutti gli attori che hanno contribuito alla sua realizzazione, saranno alla base delle ulteriori iniziative e-learning pianificate per il futuro dall’Agenzia delle Entrate.
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/attualita/articolo/congresso-e-learning-milano-lagenzia-presenta-suo-progetto