Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Attualità

Disposizioni in materia di Irpef

Tra le possibili novità, anche detrazioni per le spese d’affitto degli studenti universitari “fuori sede”

Thumbnail

Tra le disposizioni inserite nel disegno di legge della Finanziaria 2007, un numero non poco rilevante di esse va a incidere direttamente sulle modalità di determinazione della base imponibile Irpef, nonché sugli adempimenti dichiarativi cui è chiamato il contribuente.
Nell’attesa che il corpo normativo diventi legge, allo stato attuale è senz’altro utile una carrellata su come cambieranno le cose a partire dal prossimo anno.

Spese mediche
Per la deducibilità dal reddito del contribuente dei costi dei medicinali necessari nei casi di grave e permanente invalidità o menomazione (articolo 10, comma 1, lettera b), del Tuir), la spesa dovrà essere certificata da fattura o da scontrino fiscale contenente la specificazione della natura, qualità e quantità dei beni e l’indicazione del codice fiscale del destinatario.
Stessa regola vale anche per la detrazione del 19 per cento, per la parte che eccede i 119,11 euro, delle spese mediche e di assistenza specifica (articolo 15, comma 1, lettera c), del Tuir). I costi, infatti, relativi all’acquisto di medicinali saranno detraibili dall’imposta a condizione che gli stessi siano certificati da fattura o da scontrino fiscale contenente la specificazione della natura, qualità e quantità dei beni e l’indicazione del codice fiscale del destinatario.
La normativa tuttora in vigore prevede, per la fruizione delle agevolazioni appena descritte, il solo possesso dello generico scontrino.

Disabili
Le agevolazioni relative agli autoveicoli utilizzati per la locomozione dei soggetti con ridotte o impedite capacità motorie (tra cui, la detrazione di un importo pari al 19 per cento della spesa sostenuta - fino a un limite della stessa di 18.075,99 euro - per l’acquisto e le riparazioni, l’applicazione, sempre per l’acquisto, dell’aliquota Iva agevolata al 4 per cento, in luogo dell’ordinario 20, l’esenzione permanente dal “bollo”) saranno riconosciute a condizione che i suddetti autoveicoli siano utilizzati in via esclusiva o prevalente a beneficio del disabile.
E’ inoltre prevista la perdita degli illustrati benefici in caso di vendita, o anche di cessione dell’autoveicolo a titolo gratuito, prima del decorso del termine di due anni dall’acquisto, con obbligo di restituzione delle imposte “risparmiate” (detrazione Irpef, differenziale Iva del 16 per cento e bollo auto).
La norma ha il chiaro intento di “arginare il fenomeno elusivo di coloro che acquistano tali veicoli interponendo fittiziamente il nome di un disabile”(relazione tecnica alla Finanziaria).

Obblighi per i condomini
I condomini agiranno come sostituto d’imposta, operando una ritenuta del 10 per cento a titolo d’acconto, all’atto dei pagamenti dei corrispettivi dovuti per prestazioni, relative a contratti di appalto di opere o servizi, effettuate nell’esercizio di impresa.
L’obbligo sussisterà anche se le prestazioni saranno rese a terzi o nell’interesse di terzi, e anche se i corrispettivi si qualificheranno come redditi diversi derivanti da attività commerciale non esercitata abitualmente.

Assegni al coniuge
Bisognerà indicare in dichiarazione il codice fiscale del beneficiario per avere diritto alla deduzione dalla base imponibile dell’importo degli assegni periodici corrisposti al coniuge, ad esclusione di quelli destinati al mantenimento dei figli, in conseguenza di separazione legale ed effettiva, di scioglimento o annullamento del matrimonio o di cessazione dei suoi effetti civili, nella misura in cui risultano da provvedimenti dell'autorità giudiziaria.

Dichiarazione e Ici
Nelle dichiarazioni dei redditi (quadro relativo ai fabbricati) andranno indicati, per ogni immobile, tutti i dati identificativi dello stesso: l’indirizzo, il codice del comune, il foglio, la sezione, la particella e il subalterno. Inoltre, a partire da quelle presentate nel 2008, le dichiarazioni conterranno tutte le informazioni utili ai fini Ici, imposta che sarà, per coloro che si avvalgono dell’assistenza fiscale, liquidata e versata direttamente dal sostituto d’imposta, e che sarà possibile compensare con altri crediti, ai sensi dell’articolo 17, Dlgs n. 241/97.
Chi non presenta la dichiarazione, ma possiede redditi da immobili, verserà l’Ici utilizzando il modello F24.
Già nelle dichiarazioni presentate l’anno prossimo (2007, relative ai redditi 2006) andrà indicato, per ogni fabbricato, l’importo dell’imposta comunale sugli immobili dovuta per l’anno in corso.

Pc agli insegnanti
Per il 2007 gli insegnanti delle scuole pubbliche di ogni ordine e grado, anche non di ruolo con incarico annuale, e i docenti di università statali potranno sfruttare la possibilità, non prevista dall’attuale normativa, di acquistare un Pc nuovo detraendo (nei limiti dell’imposta lorda) il 19 per cento della spesa, fino a un massimo di 1.000 euro della stessa.
Per avvantaggiarsi della disposizione le spese devono essere, chiaramente, documentate.

Spese per palestre
Sarà detraibile il 19 per cento della spesa (fino all’importo di 210 euro della stessa) sostenuta per l’iscrizione annuale e l’abbonamento, per i ragazzi di età compresa tra 5 e 18 anni, ad associazioni sportive, palestre, piscine e altre strutture e impianti sportivi destinati alla pratica sportiva dilettantistica.

Affitto studenti fuori sede
Sarà detraibile il 19 per cento della spesa (per un importo non superiore a 2.633 euro della stessa) sostenuta dagli studenti iscritti a un corso di laurea presso una università ubicata in un Comune diverso da quello di residenza, distante da quest’ultimo almeno 100 chilometri e comunque in una provincia diversa, per il canone di locazione (di natura transitoria stipulati o rinnovati in base alle norme sulle locazioni a canone concordato) di appartamenti situati nello stesso Comune in cui ha sede l’università o in comuni limitrofi.

Spese di riqualificazione energetica degli edifici
Il disegno di legge prevede diversi benefici per i contribuenti che sostengano spese di “riqualificazione energetica” degli edifici:

  • detrazione pari al 55 per cento (fino al limite di 100mila euro), da ripartire in tre quote annuali di pari importo, delle spese, documentate, sostenute dal contribuente entro la fine del 2007, per interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti che riducano di almeno il 20 per cento (rispetto ai valori riportati nell’allegato C, comma 1, tabella 1, del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192) il fabbisogno di energia primaria annuo per la climatizzazione invernale
  • detrazione pari al 55 per cento (fino al limite di 60mila euro), da ripartire in tre quote annuali di pari importo, delle spese, documentate, sostenute dal contribuente entro la fine del 2007, per interventi su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari, riguardanti strutture opache verticali, strutture opache orizzontali (coperture e pavimenti), finestre comprensive di infissi, a condizione che siano rispettati determinati requisiti di “trasmittanza termica”, indicati nello stesso disegno di legge
  • detrazione pari al 55 per cento (fino al limite di 60mila euro), da ripartire in tre quote annuali di pari importo, delle spese, documentate, sostenute dal contribuente entro la fine del 2007, per l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici, industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università
  • detrazione pari al 55 per cento (fino al limite di 30mila euro), da ripartire in tre quote annuali di pari importo, per le spese, documentate, sostenute dal contribuente entro la fine del 2007, sostenute per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione e messa a punto di sistema di distribuzione.

Per fruire di tali detrazioni (il cui importo, si ricorda, si detrae dall’imposta lorda fino al limite del suo ammontare), sarà necessario seguire le stesse regole e gli stessi adempimenti previsti per le agevolazioni in materia di ristrutturazioni edilizie, circa le quali il disegno di legge prevede la proroga anche per il 2007, i cui benefici saranno sfruttabili in alternativa a quelli appena descritti.

Ulteriori condizioni sono poi dettate dall’articolo 22, comma 5, del disegno di legge in questione, tra cui l’asseverazione da parte di un tecnico abilitato dell’intervento ai requisiti previsti dalla normativa, e l’acquisizione, da parte del contribuente, della certificazione energetica dell’edificio, ai sensi del Dlgs 192/2005, o dell’attestato di “qualificazione energetica” predisposto e asseverato da un professionista abilitato.

Sostituzione frigoriferi
Sulle spese sostenute, fino alla fine del 2007, per la sostituzione di frigoriferi, congelatori e loro combinazioni con analoghi apparecchi di classe energetica non inferiore ad A+, si potrà beneficiare di una detrazione del 20 per cento (fino a 200 euro per apparecchio), da sfruttare in un’unica rata.

Proroga di benefici
Prorogate a tutto il 2007 le agevolazioni in materia di recupero del patrimonio edilizio (detrazione Irpef del 36 per cento, fino a una spesa di 48mila euro per immobile, e Iva al 10 per cento).

Anche per l’anno prossimo i redditi derivanti da lavoro dipendente prestato, in via continuativa e come oggetto esclusivo del rapporto, all’estero in zone di frontiera e in altri Paesi limitrofi, da soggetti residenti nel territorio dello Stato concorrono a formare il reddito complessivo per l'importo eccedente 8mila euro.

Concessa, anche per il periodo d’imposta in corso (2006) la detrazione del 19 per cento sulle spese (fino a un limite delle stesse di 632 euro per figlio) sostenute dai genitori per la frequenza (rette) di asili nido.

URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/attualita/articolo/disposizioni-materia-irpef