Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Attualità

Federalismo fiscale, tutti i modelli in campo (4)

Da quello americano a quello australiano passando per quello canadese varie le soluzioni possibili. Ognuna con una sua peculiarità

Per venire incontro alle esigenze di approfondimento, FiscoOggi pubblica un quarto sintetico focus dedicato ad alcune significative esperienze oltre confine. Nella puntata di oggi l’attenzione si sofferma sul modello applicato in Canada.


Federalismo fiscale, tutti i modelli in campo (3)
Federalismo fiscale, tutti i modelli in campo (2)
Federalismo fiscale, tutti i modelli in campo (1)

La storia politica del Canada ha inizio con la nascita di una prima colonia francese nell’attuale provincia del Quebec seguita da una successiva opera di colonizzazione da parte dell’Inghilterra. Ne derivò un lungo periodo di conflitti culminati con la vittoria definitiva dei britannici nel 1760 e con la Pace di Parigi del 1763. I colonizzatori inglesi tentarono di imporre il proprio modello culturale in tutto il territorio canadese senza però riuscirci. Infatti la componente francofona ha continuato a esistere insieme a quella anglofona ed è da questa convivenza, non sempre pacifica, che scaturisce il bilinguismo del territorio. Esistono poi altre realtà culturali, come gli inuit, gli indiani e i metis che, a varie riprese, hanno ottenuto un proprio riconoscimento politico e culturale.

Il sistema fiscale
I riferimenti normativi del sistema fiscale federale canadese sono contenuti nella carta costituzionale e negli accordi fiscali (fiscal agreement) periodicamente raggiunti tra il governo federale e i governi delle singole province. Per approvare questi accordi non è necessario emendare la carta costituzionale che è di fatto modificata dal recepimento nelle leggi federali. Gli accordi definiscono i criteri per i trasferimenti alle province, individuano i tributi su cui si basano tali trasferimenti e le quote spettanti alle diverse province determinate da precisi criteri. Poiché le diverse province del Canada presentano una marcata differenza della propria base imponibile, il sistema compensa questa differenza attraverso un robusto sistema redistributivo che prevede trasferimenti generali e finanziamenti mirati alle province più deboli a carico del governo federale. Il sistema è quindi caratterizzato da una forte autonomia dei governi provinciali unita a una consistente redistribuzione delle risorse. I comuni canadesi, per contro, anche nel caso delle grandi aree metropolitane, non hanno una propria autonomia finanziaria ma dipendono dalle province.

Le origini del federalismo fiscale canadese

Il federalismo canadese trae origine dalla coesistenza di diverse culture sebbene risulti prevalente il dualismo anglo-francese. L’autonomia del Canada nasce con il British North American Act del 1867, che costituisce la prima carta costituzionale del Paese, tuttora in vigore. In esso sono già contenuti i principali istituti del federalismo canadese. Nel 1982 viene sancita la Costitution Act i cui primi 35 articoli costituiscono la Carta canadese dei diritti e delle libertà (The Chart of rights and freedoms) che contiene i principi fondamentali delle libertà civili e politiche del popolo canadese.

Assetto politico-istituzionale
Il Canada è, dal punto di vista costituzionale, una democrazia parlamentare e uno Stato federale, formato da dieci province e da tre territori, ed è parte integrante del Commonwealth britannico. La legge suprema dello Stato è rappresentata dalla Costituzione che si compone di un testo scritto e di una serie di convenzioni. Il potere esecutivo, che la costituzione attribuisce al monarca (la Regina Elisabetta II) è esercitato da un Consiglio dei ministri attraverso un suo rappresentante, il governatore generale. Le funzioni del monarca del Canada sono delegate al governatore generale nominato dal sovrano su proposta del primo ministro. Il Parlamento canadese si compone della Camera dei Comuni, attualmente composta da circa 308 membri eletti direttamente dal popolo, e dal Senato, composto da 105 membri nominati dal governatore generale su proposta del premier.


Federalismo fiscale, tutti i modelli in campo (5)




Fonte: Rapporto annuale sull’attuazione del Federalismo, ISAE 2003
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/attualita/articolo/federalismo-fiscale-tutti-modelli-campo-4