Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Attualità

Focus sulla manovra finanziaria
alla Fiera del Levante di Bari

Agenzia delle Entrate e professionisti a confronto sulle novità nel campo della lotta all’evasione. A chiudere l’incontro, l’intervento di Maurizio Leo

Thumbnail
Si è tenuto ieri pomeriggio a Bari il convegno dal titolo “La manovra finanziaria: misure di politica tributaria e di contrasto all’evasione”, organizzato in collaborazione tra la direzione regionale della Puglia dell’Agenzia delle Entrate, il Consiglio nazionale e l’Ordine di Bari dei dottori commercialisti e degli esperti contabili.
 
L’incontro è stato aperto dal saluto di Giorgio Treglia, presidente dell’Ordine barese, e di Aldo Polito, direttore regionale dell’Agenzia delle Entrate. L’intervento di Treglia ha avuto ad argomento il congresso nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili previsto a Bari, dal 4 al 6 ottobre 2012. Aspettando l’evento congressuale, il presidente ha rivolto il suo ringraziamento agli interlocutori istituzionali per aver sostenuto la candidatura del capoluogo pugliese e ha chiesto collaborazione all’Agenzia delle Entrate per tessere un confronto sugli istituti tributari trasparente e aperto al contributo del mondo professionale. A rappresentare il Consiglio nazionale è intervenuto, subito dopo, il vice presidente Francesco Distefano, che ha svolto la difesa della categoria nel quadro delle novità normative recate dalla legge 148/2011 e con specifico riferimento alla misura sanzionatoria prevista a carico dei professionisti che non rilasciano fattura, pur essendovi tenuti.
 
Aldo Polito ha rivolto alla platea della sala Tridente l'invito a lavorare tutti insieme per elevare la cultura della legalità fiscale nel Paese. “La compliance – ha ricordato il direttore della Puglia – è il tema centrale anche quando parliamo di lotta all’evasione. L’obiettivo è ambizioso, ma non impossibile, e può essere realizzato se accompagnato dal rafforzamento delle agenzie fiscali, di cui quest’anno abbiamo celebrato il decennale, e dalla valorizzazione del personale che svolge, nella gran parte dei casi con competenza e professionalità, la missione di assicurare le entrate necessarie alla vita della comunità nazionale.”
 
A Fabrizia Lapecorella, direttore generale delle Finanze, è toccato il compito di introdurre i lavori del convegno, disegnando la cornice di riferimento della manovra finanziaria. Il capo del dipartimento delle Finanze ha illustrato, infatti, numeri alla mano, l’andamento dei saldi nei conti pubblici, tra risparmi di spesa e incremento delle entrate. Il risultato dei recenti interventi di finanza pubblica, nella ricostruzione dettagliata effettuata da Lapecorella, è coerente con le aspettative europee e con l’esigenza di assicurare il rapido rientro dal deficit.
 
L’introduzione della responsabile del Df, chiarito l’orizzonte di vincoli e obiettivi in cui la manovra è stata approvata, ha lasciato spazio alle relazioni.
I lavori del convegno, dunque, sono entrati nel vivo con la relazione di Luigi Magistro, direttore centrale Accertamento dell’Agenzia delle Entrate. La disamina degli istituti sanzionatori, con richiami comparatistici e raffronti temporali tra vecchie e nuove misure, ha tenuto viva l’attenzione del pubblico della Fiera. Il direttore ha distinto poi il caso del contribuente in buona fede da quello, invece, avvezzo al sotterfugio. A questo proposito, le novità riguardanti le società di comodo e l’abbassamento della soglia di punibilità dell’infedele dichiarazione sono, secondo Luigi Magistro, esempi del cerchio che si chiude intorno a chi rompe il patto di cittadinanza con la collettività.
 
Moderati da Marco Bellinazzo, giornalista de “Il Sole24Ore”, si sono succeduti, quindi, gli interventi di Paolo Puglisi, direttore della legislazione tributaria del dipartimento delle Finanze, di Paolo Moretti, consigliere del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili e di Alessandro Migliaccio, direttore regionale di Equitalia Sud. Migliaccio, in particolare, ha annunciato la partenza della seconda fase del piano di riorganizzazione del Gruppo. Dall’1 ottobre, infatti, la società operativa Equitalia Sud ha esteso la propria competenza alla maggior parte delle regioni del Sud (esclusa la Sicilia), in attesa di completare il riassetto  entro la fine del 2011, quando si realizzerà la confluenza anche di Equitalia Basilicata. La relazione di Paolo Puglisi, invece, ha toccato il tema degli incentivi fiscali per la ricerca e lo sviluppo, per le assunzioni e la revisione del regime fiscale dell’ammortamento. Il dirigente di vertice del dipartimento  ha analizzato le norme recentemente approvate, con sensibilità agli aspetti imprenditoriali e con visione sistematica, illustrandone la vitale importanza per la tenuta di mercato delle imprese italiane e per la loro prospettiva di sviluppo.
 
Maurizio Leo, presidente della Commissione parlamentare sull’Anagrafe tributaria, ha chiuso l’incontro formulando una riflessione a tutto campo su quanto è stato fatto e su quanto si potrebbe ancora fare. Leo, inoltre, ha tratteggiato l’evoluzione della normativa sul reddito d’impresa, dichiarando la propria disponibilità a recepire alcuni degli spunti proposti dai professionisti. “Certo, le leggi sono perfettibili e occorre tenere presenti gli effetti della crisi. L’interpello potrebbe essere la sede giusta per valutazioni da fare sul singolo caso” – ha dichiarato, parlando delle società non operative.
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/attualita/articolo/focus-sulla-manovra-finanziaria-alla-fiera-del-levante-bari