Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Attualità

Iota, l’agenzia delle Entrate sempre più protagonista

Si è tenuta nei giorni scorsi a Portorose in Slovenia la 12a assemblea generale della Intra-European Organization of Tax Administration

Nell’occasione si è svolto il passaggio di consegne dal dipartimento delle Finanze all’agenzia delle Entrate per il coordinamento delle attività dell’Amministrazione fiscale italiana presso Iota. All’incontro hanno partecipato 121 delegati in rappresentanza di 43 Amministrazioni fiscali. L’Assemblea generale Iota viene annualmente ospitata dallo Stato della Presidenza di turno e i lavori si svolgono tradizionalmente in due giornate: la prima dedicata a una serie di interventi tecnici sul tema prescelto (quest’anno: “Maggiore efficienza e riduzione dei carichi amministrativi attraverso la cooperazione tra gli organi governativi”); la seconda, a carattere amministrativo, dedicata a una serie di votazioni per il rinnovo delle cariche, l’accesso di nuovi entranti e l’approvazione dei documenti consuntivi e previsionali degli organi. Nello specifico, sono state presentate e approvate la relazione sulle attività e la relazione finanziaria per il 2007, il bilancio e il programma del 2009, la strategia 2008-2012. Inoltre, è stato nominato il nuovo Consiglio esecutivo Iota per il 2008-2009, composto da Svezia (presidente), Estonia, Francia, Paesi Bassi, Polonia, Regno Unito, Repubblica Ceca, Slovenia, Svizzera e sono state accolte sia la candidatura presentata dalla Bielorussia, che è immediatamente divenuta membro Iota, sia la candidatura del Kazakistan, che diverrà membro associato a decorrere dal 1 gennaio 2009. Il tema della 13a Assemblea generale, che si terrà l’anno prossimo in Svezia, è: “Misure comuni delle amministrazioni fiscali per combattere le frodi mantenendo la riservatezza sui dati del contribuente”.

Il ruolo dell’Italia
L’Italia partecipa attivamente alle attività Iota sin dal 2006, anno in cui è diventata membro effettivo, grazie all’impegno dei delegati dell’agenzia delle Entrate e degli altri organi fiscali italiani che forniscono il proprio contributo alle attività tecniche dell’organizzazione (area group, seminari, workshop, forum). Ciò permette, da un lato, di dare sempre più visibilità all’Amministrazione fiscale italiana, che si contraddistingue spesso per le proprie esperienze di eccellenza, promuovendone l’immagine e le attività in ambito internazionale, dall’altro, di allargare notevolmente i contatti e rafforzare i rapporti con le altre Amministrazioni, in un contesto, quello internazionale appunto, sempre più determinante e fondamentale per tutte le attività di gestione dell’Amministrazione tributaria.

Le origini storiche di Iota
Iota è un’organizzazione non governativa nata nel 1996, con sede a Budapest (Ungheria), che raggruppa ad oggi ben 41 Paesi “europei” (dal Portogallo all’Azerbaijan) più un membro associato (la Giordania), e che fornisce supporto per il miglioramento dell’amministrazione e della cooperazione fiscale tra i Paesi membri. Nata come punto di riferimento delle Amministrazioni tributarie dell’area baltica e dell’Europa centro-orientale, con gli anni l’organizzazione si è sempre più allargata, anche a seguito degli ulteriori sviluppi storici e politici dell’area, con l’obiettivo di diventare leader nella discussione di pratiche di amministrazione tributaria nell’intera Europa. Allo stesso tempo, Iota collabora attivamente con diverse organizzazione internazionali e regionali che forniscono assistenza tecnica alle amministrazioni fiscali a livello mondiale, in particolare: la Commissione europea, l’Ocse, la Banca mondiale, il Fondo monetario internazionale, il Centro interamericano di amministrazione tributarie (Ciat).
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/attualita/articolo/iota-lagenzia-delle-entrate-sempre-piu-protagonista