Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Attualità

Iscrizione al Vies: da oggi
la domanda viaggia in rete

Chi è già titolare di partita Iva può inviare, con un semplice click, la richiesta di ammissione all’archivio degli autorizzati a effettuare operazioni intracomunitarie

Thumbnail
Per presentare l’istanza di registrazione al Vies, dall’Agenzia un servizio telematico dedicato. Basta inserire la partita Iva nell’apposito campo e il gioco è fatto. La nuova procedura è riservata ai contribuenti abilitati ad uno dei due canali Entratel o Fisconline.
 
L’inclusione nell’archivio Vies è un requisito indispensabile richiesto a coloro che esercitano attività di impresa, arte o professione nel territorio dello Stato (o vi istituiscono una stabile organizzazione), per poter effettuare operazioni intracomunitarie (articolo 27, Dl 78/2010).
Fino a oggi, per richiedere l’iscrizione nel database che abilita alle operazioni intra-Ue, i già titolari di partita Iva dovevano presentare l’istanza a un ufficio dell’Agenzia tramite consegna a mano, per raccomandata o via Pec (chi avvia un’attività ex novo, invece, può farne richiesta direttamente in sede di dichiarazione di inizio attività).
 
Con la procedura telematica, che affianca quella tradizionale, i contribuenti dovranno semplicemente indicare, nell’apposito campo, la partita Iva che si chiede venga inserita nel Vies.
 
Dopo aver verificato la posizione fiscale e l’assenza di elementi di rischio evasione o frode, l’Agenzia delle Entrate, entro trenta giorni dalla data di ricezione dell’istanza, iscrive il “candidato” nell’archivio. In caso contrario, emette un provvedimento motivato di diniego.
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/attualita/articolo/iscrizione-al-vies-oggi-domanda-viaggia-rete