Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Attualità

Modulistica Iva 2006, le novità (1)

Nel frontespizio, la nuova casella per richiedere che la comunicazione degli esiti di liquidazione venga inviata, per via telematica, presso l'intermediario incaricato a trasmettere la dichiarazione

Thumbnail

Sono disponibili sul sito Internet dell'Agenzia delle entrate le bozze dei modelli di dichiarazione IVA/2006 e le relative istruzioni per la compilazione, che i contribuenti Iva dovranno utilizzare per presentare la dichiarazione riguardante l'anno d'imposta 2005.
In particolare, sono consultabili:

  • il modello IVA/2006, composto dal frontespizio, dal modulo contenente i quadri VA, VB, VC, VD, VE, VF, VG, VJ, VH, VK, VL, VT, VX, VO, oltre ai quadri VS, VV, VW, VY, VZ, che costituiscono il prospetto IVA 26/PR e devono essere compilati esclusivamente dall'ente o società controllante di cui all'articolo 73 del Dpr 633/72 (procedura di liquidazione dell'Iva di gruppo)
  • il modello VR/2006 - Richiesta di rimborso - che deve essere utilizzato, in presenza dei presupposti di legge, per richiedere il rimborso dell'eccedenza detraibile risultante dalla dichiarazione annuale
  • il modello IVA 26 LP/2006 - Prospetto delle liquidazioni periodiche - riservato agli enti o società controllanti di cui all'articolo 73 del Dpr 633/72
  • il modello IVA 74-bis riservato ai curatori fallimentari e ai commissari liquidatori per l'esposizione dei dati relativi alla frazione d'anno antecedente l'apertura della procedura concorsuale.

Dall'esame dei modelli IVA/2006, che mantengono immutata la struttura dello scorso anno, e delle relative istruzioni per la compilazione, emergono diverse novità, introdotte, sostanzialmente, per recepire nella modulistica annuale le modifiche legislative intervenute in materia di Iva nonché i principali chiarimenti interpretativi forniti dall'Agenzia delle entrate nel corso dell'anno 2005.

Principali modifiche ai modelli
Frontespizio
Nel frontespizio, che deve essere utilizzato unicamente nell'ipotesi di presentazione della dichiarazione Iva in via autonoma(1), il riquadro riservato alla sottoscrizione della dichiarazione contiene una nuova casella da barrare per chiedere che la comunicazione contenente gli esiti della liquidazione della dichiarazione presentata venga inviata, per via telematica, presso l'intermediario incaricato dal contribuente a trasmettere telematicamente la stessa. L'articolo 2-bis del decreto legge 203/2005, infatti, ha previsto tale modalità di invio, alternativa a quella classica che prevede l'utilizzo del servizio postale, a partire dalle comunicazioni relative alle dichiarazioni presentate dal 1° gennaio 2006. L'intermediario che accetta di ricevere l'avviso telematico destinato al contribuente, deve comunicare la sua disponibilità barrando l'apposita casella introdotta nel riquadro riservato all'indicazione dei dati contenuti nell'impegno alla presentazione telematica.
Sempre nel frontespizio, è stato soppresso il riquadro relativo alla certificazione tributaria disciplinata dall'articolo 36 del Dlgs 241/97.

Modulo
Quadro VA
La sezione 1 è stata implementata con l'introduzione del rigo VA7, destinato agli imprenditori agricoli che effettuano occasionalmente operazioni rientranti nell'ambito di applicazione del regime disciplinato dall'articolo 34-bis del Dpr 633/72, riservato alle attività agricole connesse.
La sezione 4, invece, quest'anno è costituita da cinque righi; ciò, a seguito della soppressione del rigo che, lo scorso anno, prevedeva l'indicazione dei dati relativi all'adeguamento effettuato a seguito di adesione all'istituto del concordato preventivo (ex rigo VA43).

Quadro VG Nella sezione 4, riservata ai contribuenti che adottano particolari regimi di determinazione dell'imposta ammessa in detrazione previsti nell'ambito della disciplina Iva, è stato introdotto il rigo VG43. Il nuovo rigo deve essere utilizzato dagli imprenditori agricoli che svolgono anche le attività agricole connesse per le quali si rende applicabile lo specifico regime di detrazione forfetizzata, dettato dall'articolo 34-bis del Dpr 633/72.
A seguito della soppressione del rigo VG63 dello scorso anno, denominato "Altra Iva ammessa in detrazione" che, di fatto, è stato sostituito dal nuovo rigo VG43, in quanto utilizzato nella passata dichiarazione unicamente dai destinatari del regime di cui al citato articolo 34-bis del Dpr 633/72, nella sezione 5 - imprese agricole - il rigo VG64 della dichiarazione IVA 2005 è stato rinumerato in VG63.

Quadro VJ
Il quadro VJ è stato implementato con l'introduzione di un nuovo rigo (VJ12), destinato all'indicazione degli acquisiti di tartufi da rivenditori dilettanti e occasionali non muniti di partita Iva, per i quali il cessionario, in qualità di debitore dell'imposta, è tenuto al versamento dell'Iva. Ne consegue che il rigo "Totale imposta" è stato rinumerato in VJ13.

Quadro VH
La novità del quadro VH è costituita dall'introduzione di un rigo apposito (VH13) per l'indicazione dell'importo dovuto dal contribuente a titolo di acconto per l'ultima liquidazione periodica dell'anno d'imposta.

Quadro VL
Nella sezione 1 è stato introdotto il rigo VL5, che deve essere utilizzato dagli imprenditori agricoli che effettuano operazioni occasionali rientranti nel regime speciale previsto dall'articolo 34-bis del Dpr 633/72 per le attività agricole connesse. Nel rigo deve essere indicata l'imposta ammessa in detrazione per tale tipologia di operazioni, già evidenziate nel rigo VA7.
E' stato introdotto, inoltre, il rigo VL6, per sommare gli importi relativi all'Iva detraibile esposti nei righi VL4 e VL5. Conseguentemente, il rigo VL5 della dichiarazione IVA/2005 è stato rinumerato in VL7.
Nella sezione 2 è stato introdotto, nel rigo VL31 (versamenti integrativi d'imposta), il nuovo campo 2. In tale campo è prevista l'indicazione specifica dei versamenti effettuati utilizzando il codice tributo 6099 (saldo annuale Iva), già comunque compresi nel campo 1.

Quadro VO
Nell'ambito del quadro VO, nei righi VO14, VO40 e VO50, riguardanti, rispettivamente, l'opzione per l'applicazione dell'Iva nei modi ordinari per gli esercenti attività spettacolistiche, l'opzione per l'applicazione dell'imposta sugli intrattenimenti nei modi ordinari e l'opzione per la determinazione dell'Irap nei modi ordinari da parte dei soggetti pubblici, sono state aggiunte le caselle per comunicare la relativa revoca.

Prospetto riepilogativo IVA 26/PR e Quadro VK
Anche nei quadri riservati ai soggetti che nel corso dell'anno d'imposta si sono avvalsi della procedura di liquidazione dell'Iva di gruppo, prevista dall'articolo 73 del Dpr 633/72, troviamo alcune novità introdotte, sostanzialmente, per recepire le corrispondenti modifiche apportate nei quadri destinati alla generalità dei contribuenti Iva, finora esaminati.
In particolare, nella sezione 3 del quadro VK è stato introdotto il rigo VK33, per evidenziare il dato previsto nel rigo VL5 (Iva detraibile per le operazioni occasionali rientranti nel regime speciale di cui all'articolo 34-bis del Dpr 633/72). Sono stati, di conseguenza, rinumerati i righi successivi.
Nel quadro VV è stato introdotto il rigo VV13, dove la controllante è chiamata a indicare l'importo dovuto a titolo di acconto per l'ultima liquidazione periodica effettuata per il gruppo Iva.
Nella sezione 1 del quadro VW sono stati introdotti il rigo VW5, di contenuto identico a quello del rigo VL5 (Iva detraibile relativa alle operazioni occasionali rientranti nel regime speciale previsto per le attività agricole connesse di cui all'articolo 34-bis), e il rigo VW6, nel quale deve essere evidenziata la somma dell'Iva detraibile di cui ai righi VW4 e VW5. Ne consegue che il rigo VW5 della dichiarazione IVA/2005 è stato rinumerato in VW7.
Nella sezione 2 è stato previsto, nel rigo VW31 (versamenti integrativi d'imposta), il nuovo campo 2, in analogia all'attuale struttura del quadro VL.
Infine, è stato inserito il nuovo rigo VW39 "Totale Iva a credito", al fine di meglio evidenziare l'importo a credito emergente dalla dichiarazione annuale del gruppo.

Modello IVA 74-bis
Le stesse modifiche rilevate in sede di esame dei quadri principali del modello di dichiarazione IVA/2006 sono riscontrabili nell'ambito del modello IVA 74-bis riservato ai curatori fallimentari e ai commissari liquidatori per l'esposizione dei dati relativi alla frazione d'anno antecedente l'apertura della procedura concorsuale.
In particolare, nel rigo AF8 è stato introdotto il campo 13 per l'indicazione dell'acconto dovuto. E' stato previsto anche in questo modello un rigo (AF24) per l'indicazione dell'Iva detraibile relativa alle operazioni occasionali rientranti nel regime speciale previsto per le attività agricole connesse di cui all'articolo 34-bis, nonché il rigo di sommatoria dell'Iva detraibile (AF25) con la conseguente rinumerazione dei righi successivi.

1 - continua. La seconda puntata su FISCOoggi di mercoledì 11 gennaio

NOTE
1. La maggior parte dei contribuenti Iva è tenuta a comprendere la dichiarazione annuale nell'ambito del modello Unico. Solo in alcune particolari ipotesi, non è possibile presentare la dichiarazione unificata e, conseguentemente, sussiste l'obbligo di presentazione della dichiarazione Iva in via autonoma.
Tali ipotesi riguardano:

  • le società di capitali e gli enti soggetti a Ires con periodo d'imposta non coincidente con l'anno solare
  • le società e gli enti che hanno aderito nell'anno d'imposta cui si riferisce la dichiarazione alla particolare procedura di liquidazione dell'Iva di gruppo prevista dall'articolo 73, ultimo comma, del Dpr 633/72
  • le dichiarazioni presentate dai curatori fallimentari e dai commissari liquidatori per conto dei soggetti sottoposti alla procedura concorsuale
  • le dichiarazioni dei soggetti non residenti che, effettuando operazioni rilevanti agli effetti dell'Iva in Italia, si avvalgono di un rappresentante fiscale nominato ai sensi dell'articolo 17, secondo comma, ovvero si sono identificati direttamente ai sensi dell'articolo 35-ter del Dpr 633/72
  • le dichiarazioni di particolari soggetti non tenuti alla presentazione della dichiarazione ai fini delle imposte sui redditi (ad esempio, venditori porta a porta)
  • la dichiarazione presentata per conto del soggetto estinto a seguito di operazioni straordinarie o trasformazioni sostanziali soggettive, avvenute nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il termine di presentazione della dichiarazione, da parte del soggetto risultante dall'operazione stessa (società incorporante tenuta a presentare la dichiarazione per conto della società incorporata).


URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/attualita/articolo/modulistica-iva-2006-novita-1