Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Attualità

Novità in Unico per le società di persone (2)

Quadri EC (prospetto per la deduzione extracontabile dei componenti negativi), RF (impresa in contabilità ordinaria), RG (impresa in contabilità semplificata), RE (lavoro autonomo)

Thumbnail
Quadri EC (prospetto per la deduzione extracontabile dei componenti negativi), RF (impresa in contabilità ordinaria), RG (impresa in contabilità semplificata), RE (lavoro autonomo) In tema di reddito d'impresa, le novità più rilevanti da registrare nel modello Unico SP 2006 riguardano il quadro RF (reddito d'impresa in contabilità ordinaria). Il decreto legislativo 28 febbraio 2005, n. 38, ha infatti previsto, anche per società di persone con determinati requisiti, la facoltà di redigere il bilancio per l'esercizio chiuso o in corso alla data del 31 dicembre 2005 in conformità ai principi contabili internazionali (Ias), sulla base di quanto stabilito dall'articolo 5 del regolamento (Ce) n. 1606/2002. Significative sono state anche le novità determinate dal decreto legge n. 203 del 2005, convertito con modificazioni dalla legge n. 248 del 2005 ("collegato alla Finanziaria 2006"), dal decreto legislativo n. 247 del 2005 ("correttivo Ires") e dalla legge n. 266 del 2005 ("Finanziaria 2006").

Quadro EC - Prospetto per la deduzione extracontabile dei componenti negativi
Il quadro EC, com'è noto, va compilato quando, avendo imputato al conto economico rettifiche di valore e accantonamenti per importi inferiori ai limiti massimi previsti dalla disciplina del reddito di impresa, si sono operate maggiori deduzioni dal punto di vista fiscale. Tale quadro, oltre ad accogliere la parte di tali componenti negativi non imputata a conto economico, mette in evidenza anche le conseguenti divergenze tra valori civili e fiscali dei beni e dei fondi.
Rispetto al modello dello scorso anno, è stata innanzitutto attivata la colonna 3 ("decrementi") per consentire la rilevazione degli eventuali riassorbimenti delle eccedenze complessivamente indicate nel quadro EC di Unico 2005.
Altra novità di rilievo riguarda la possibilità, a seguito della modifica apportata - dall'articolo 11, comma 1, lettera d), n. 2), Dlgs 38/2005 - all'articolo 109 del Tuir, di dedurre anche la differenza tra i canoni di locazione finanziaria di cui all'articolo 102, comma 7, del Tuir e la somma degli ammortamenti dei beni acquisiti in locazione finanziaria e degli interessi passivi che derivano dai relativi contratti imputati al conto economico. Tali deduzioni vanno indicate nella sezione I in corrispondenza dei beni a cui fanno riferimento.

Quadro RF - Reddito d'impresa in regime di contabilità ordinaria
Il recepimento dei principi contabili internazionali è avvenuto con l'istituzione di appositi righi:
  • RF5, con cui il contribuente può certificare di:
    • aver adottato i principi contabili internazionali nella redazione del bilancio d'esercizio
    • aver continuato ad adottare, ai soli fini fiscali, i criteri di valutazione delle rimanenze di cui all'articolo 92, commi 2 e 3, del Tuir
    • aver continuato a valutare, ai soli fini fiscali, le opere, forniture e servizi di durata ultrannuali in corso di esecuzione nell'esercizio di prima applicazione dei principi contabili internazionali, in base al criterio del costo
  • RF6 e RF7, nei quali vanno indicati tutti i componenti, rispettivamente positivi e negativi, imputati direttamente a patrimonio. In particolare, il rigo RF6, oltre a contenere in colonna 4 l'indicazione del totale di tali componenti, dà evidenza, in colonna 3, anche di quelli imputati a patrimonio in sede di prima applicazione degli Ias. Nelle colonne 1 e 2 vanno, invece, indicate le quote di colonna 3 derivanti, rispettivamente, dal cambiamento del criterio di valutazione dei beni fungibili e dal cambiamento del criterio di valutazione delle opere, forniture e servizi di durata ultrannuale. Analoga strutturazione caratterizza il rigo RF7, con la sola eccezione delle opere, forniture e servizi di durata ultrannuale, presenti solo nel rigo RF6.
  • RF29 e RF43, che accolgono, rispettivamente, le perdite e gli utili su cambi imputati al conto economico, derivanti dalla valutazione dei crediti e debiti in valuta estera secondo il cambio alla data di chiusura dell'esercizio, qualora il rischio di cambio non sia coperto da contratti di copertura anche essi valutati in modo coerente secondo il cambio di chiusura dell'esercizio.
  • RF31 e RF48, nei quali vanno indicati, rispettivamente, i componenti negativi di cui al rigo RF7, colonna 2, e positivi di cui al rigo RF6, colonna 3, imputati direttamente a patrimonio in sede di prima applicazione dei principi contabili per la parte che deve essere neutralizzata. Si ricorda infatti che, ai sensi dell'articolo 13, commi 5 e 6, del Dlgs n. 38 del 2005, in sede di prima applicazione dei principi contabili internazionali, l'eliminazione dall'attivo patrimoniale di costi iscritti e non più capitalizzabili, nonché il ripristino di costi già imputati al conto economico di precedenti esercizi, non rilevano ai fini della determinazione del reddito.
L'attivazione della colonna 3 ("decrementi") nel quadro EC ha comportato l'istituzione del rigo RF9 per consentire l'indicazione dei totali parziali e generale dei riassorbimenti delle eccedenze pregresse.

Il rigo RF13, pur restando invariato dal punto di vista dell'esposizione formale, recepisce la novità introdotta dall'articolo 7 del decreto legge 203/2005 all'articolo 90 del Tuir, in base alla quale, in caso di immobili locati, qualora il canone di locazione ridotto, fino a un massimo del 15 per cento, delle spese documentate di manutenzione ordinaria, risulti superiore al reddito medio ordinario dell'unità immobiliare, il reddito è determinato in misura pari al canone di locazione al netto di tali spese.

Le istruzioni al rigo RF23 ("minusvalenze relative a partecipazioni esenti"), sulla base della novità introdotta dall'articolo 5 del decreto legge 203/2005, precisano che, a partire dalla data del 4 ottobre 2005, la variazione in aumento del reddito da indicare nel rigo, determinata dalle minusvalenze realizzate relative a partecipazioni con i requisiti di cui all'articolo 87, comma 1, lettere b), c) e d), del Tuir, può riguardare solo quelle possedute ininterrottamente dal primo giorno del dodicesimo mese precedente quello dell'avvenuta cessione.

L'articolo 5 del decreto legge 203/2005 contiene anche l'indicazione del periodo minimo di possesso della partecipazione (dal primo giorno del diciottesimo mese precedente quello dell'avvenuta cessione) che deve sussistere a partire dalla data del 4 ottobre 2005 ai fini della non concorrenza alla formazione del reddito nella misura del 60 per cento. Tale novità è recepita nelle istruzioni al rigo RF46 ("plusvalenze relative a partecipazioni esenti").

Ultima novità di rilievo da segnalare per il quadro RF riguarda la possibilità, a partire da quest'anno, di indicare le eventuali perdite formatesi prima della trasformazione da società soggetta all'Ires in società di persone. Tale possibilità viene data nella colonna 1 del rigo RF56, ma solo fino a concorrenza, se positiva, della differenza tra l'importo di rigo RF53 e quello di rigo RF54.

Quadro RG - Reddito d'impresa in regime di contabilità semplificata
La principale novità del quadro RG consiste nella gestione della perdita da trasformazione sopra descritta a proposito del quadro RF. C'è da registrare, poi, che, ai sensi dell'articolo 1, comma 106, della legge 266/2005, limitatamente al periodo d'imposta 2005, la deduzione forfetaria di spese non documentate di cui all'articolo 66, comma 5, primo periodo, del Tuir, spetta anche per i trasporti effettuati all'interno del comune in cui ha sede l'impresa nella misura del 35 per cento dell'importo spettante per i medesimi trasporti nell'ambito della regione o delle regioni confinanti. Tale novità è recepita nel rigo RG20 ("Altri componenti negativi"). Va segnalata, infine, l'ovvia eliminazione dei campi e dei righi relativi al concordato preventivo di cui all'articolo 33 del decreto legge 269/2003 e alle agevolazioni di cui agli articoli 1 e 4 della legge 383/2001.

Quadro RE - Redditi di lavoro autonomo derivanti dall'esercizio di arti e professioni
Il quadro RE non ha subito sostanziali modifiche rispetto al modello dello scorso anno. Come per il quadro RG, si segnala l'eliminazione dei campi e dei righi relativi al concordato preventivo, all'emersione del sommerso, alla "Tremonti-bis".


2 - continua. La terza puntata sarà pubblicata lunedì 8; la prima è su FISCOoggi di martedì 2
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/attualita/articolo/novita-unico-societa-persone-2