Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Attualità

Si estende alle annualità successive il pagamento online dei contratti di affitto

E' un'importante novità soprattutto per i grandi proprietari di case che costituisce la naturale conseguenza del Dpr n. 404 del 5 ottobre 2001

Thumbnail
Come già annunciato a marzo, quando la nuova normativa ha fissato l'obbligo della registrazione telematica dei contratti di affitto per i possessori di almeno cento unità immobiliari e la facoltà per tutti gli altri, l'Agenzia delle Entrate ha introdotto il pagamento per via telematica delle imposte anche con riferimento alle annualità successive alla prima per i contratti di locazione e di affitto di durata pluriennale. Si tratta di un ulteriore vantaggio-servizio, che costituisce la naturale conseguenza e l'applicazione del Dpr n. 404 del 5 ottobre 2001. Alla registrazione telematica dei contratti di locazione ha quindi fatto seguito il pagamento telematico delle annualità successive.

Tale servizio costituisce un beneficio sia per l'Agenzia delle Entrate che per i contribuenti. Proprio questi ultimi avevano richiesto a gran voce una modalità di pagamento dei "rinnovi" diversa da quella attuale, troppo lunga e farraginosa. Oggi, dunque non sono più costretti a far le corse in banca e compilare migliaia di F23, come accade per esempio ai grandi proprietari di casa, le banche, le assicurazioni, gli enti locali. Il versamento può esser effettuato direttamente dal pc di casa, evitando le code in banca per la presentazione dei modelli di pagamento.
Infatti il provvedimento del 2 luglio 2002 del direttore dell'Agenzia delle Entrate, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 23 luglio, stabilisce che tutti i soggetti, che hanno registrato un contratto di affitto a partire dal 1° gennaio 1999, effettuano per via telematica i versamenti delle imposte dovute sull'ammontare del canone relativo alle annualità successive alla prima, con le modalità previste dal Dlgs. 241/97 e nel rispetto delle specifiche tecniche allegate al provvedimento stesso.

La modalità di invio telematico è sempre la stessa sia per i soggetti Entratel che Internet anche se il file che contiene i dati di versamento deve, a pena di scarto, riportare:
* i dati identificativi del contribuente che effettua il versamento, del responsabile dell'invio telematico e dell'intestatario del contratto (record A);
* le singole richieste di pagamento (record B);
* i dati riepilogativi (record Z).

Il contribuente deve avere semplicemente l'accortezza di indicare gli estremi di registrazione del contratto di cui sta pagando l'annualità successiva e il codice ufficio presso cui ha registrato il contratto di locazione. L'unico requisito richiesto è che il soggetto sia titolare di un conto corrente presso una delle banche convenzionate con l'Agenzia. L'elenco si trova sul sito Internet dell'Agenzia delle Entrate www.agenziaentrate.it.
 
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/attualita/articolo/si-estende-alle-annualita-successive-pagamento-online-dei-contratti