Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Attualità

Sulla dogana elettronica il si di Strasburgo

Approvata dal Parlamento e dal Consiglio Ue la decisione sul progetto per la realizzazione di un ambiente privo di supporti cartacei

Thumbnail
Tra i principali vantaggi la facilitazione della circolazione delle merci in entrata e in uscita attraverso efficaci procedure di import-export, la maggiore protezione degli interessi finanziari dell’Unione europea, la lotta contro la criminalità internazionale. Approccio coordinato al controllo delle merci, maggiore protezione degli interessi finanziari dell’Unione europea, lotta alla criminalità internazionale attraverso lo strumento dello scambio delle informazioni. Entro il 2011 poi gli operatori economici avranno la possibilità di inserire per via elettronica tutte quelle informazioni attualmente richieste dalla legislazione in materia di movimenti transfrontalieri di merci all’interno dell’Unione europea. Sono questi alcuni degli obiettivi dichiarati nella decisione, approvata l’11 dicembre dal Parlamento e dal Consiglio dei ministri dell’Unione, e relativa all’attuazione di una dogana elettronica paneuropea che si propone di realizzare un ambiente privo di supporti cartacei. Trattandosi di una decisione è per sua natura un atto normativo vincolante che diventa efficace con la notificazione ai destinatari. Sul punto gli Stati membri hanno esplicitamente richiesto che l’introduzione di sistemi elettronici supplementari possa essere disposta adottando un approccio progressivo cioè in fasi successive.

La soddisfazione della Commissione europea
Particolare apprezzamento è stato espresso dal commissario responsabile per la fiscalità e l’unione doganale, Lazslo Kovacs, per il quale "l’impegno assunto dalla Commissione e gli Stati membri apre la strada a un ambiente privo di supporti cartacei che consentirà un migliore e un più rapido scambio di informazioni tra le autorità doganali e gli operatori economici. La dogana elettronica paneuropea aumenterà la competitività delle imprese operanti in Europa, riducendo i costi per il disbrigo delle formalità doganali e migliorando la sicurezza alle frontiere Ue".

I vantaggi della dogana paneuropea
Tra i principali vantaggi del progetto la facilitazione della circolazione delle merci in entrata e in uscita attraverso efficaci procedure di import-export; l’aumento di competitività del commercio europeo grazie a una riduzione dei costi amministrativi e a un miglioramento dei tempi di liquidazione delle pratiche amministrative; un approccio coordinato in materia di controllo delle merci che inciderà favorevolmente sul commercio legale; una migliore tutela degli interessi finanziari dell’Unione europea e dei suoi Stati membri; un contributo essenziale alla lotta alla criminalità internazionale grazie alla possibilità di scambiarsi le informazioni sull’approvvigionamento internazionale. Inoltre la decisione adottata consentirà anche di far in modo che i sistemi elettronici doganali degli Stati membri possano divenire compatibili gli uni con gli altri grazie all’uso obbligatorio delle dichiarazioni elettroniche

I precedenti in materia
La Commissione europea per dare attuazione al programma comunitario di Lisbona aveva promosso con il documento COM/2005/609 la proposta di decisione del Parlamento e del Consiglio riguardante un ambiente privo di supporti cartacei per le dogane e il commercio considerato che in ambito comunitario non era ancora prevista la possibilità di inoltrare per via informatica le domande di sdoganamento. Il 12 dicembre 2006 il Parlamento europeo aveva approvato la relazione in prima lettura condividendo l’obiettivo della proposta avanzata dalla Commissione. In particolare creare uno strumento in grado di attuare sistemi doganali automatizzati, interoperabili e accessibili nell’ambito del futuro codice doganale.

L’intesa tra i ministri dell’Unione europea
Nel maggio di quest'anno i ministri dell’Unione europea avevano raggiunto un accordo sulla realizzazione di uno spazio doganale sul web. Il commissario Kovacs aveva sottolineato l’importanza di quella intesa che, una volta ratificata dal Parlamento europeo, avrebbe permesso non soltanto di venire incontro alle esigenze delle imprese in materia di disbrigo delle formalità doganali ma anche di ridurre considerevolmente i contenziosi con le autorità amministrative.
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/attualita/articolo/sulla-dogana-elettronica-si-strasburgo