Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Avviso ai litiganti

Non bastano le buone intenzioni,
la nuova “prima casa” va occupata

Dopo aver rivenduto l’immobile agevolate l’appartamento poi acquistato deve diventare abitazione principale

prima casa

SINTESI: Il contribuente che, in sede di registrazione del contratto di acquisto di un immobile, abbia goduto del trattamento agevolato per la c.d. prima casa, abbia rivenduto l’immobile prima di cinque anni dall’acquisto, abbia, entro l’anno dalla vendita, acquistato altro immobile da destinare ad abitazione principale, è tenuto, a pena di decadenza da tale trattamento, a destinare concretamente l’immobile ad abitazione principale.

Ordinanza n. 27430 dell’8 ottobre 2021 (udienza 21 settembre 2021)
Cassazione civile, sezione V – Pres. Maria Stalla Giacomo – Rel. Mondini Antonio
Agevolazione c.d. prima casa – Dichiarazione del contribuente di averne goduto in sede di registrazione del contratto di acquisto di un immobile – Rivendita nel quinquennio e acquisto di altro immobile entro l’anno – Il contribuente deve concretamente destinare l’immobile ad abitazione principale pena la decadenza dal beneficio
 

URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/avviso-ai-litiganti/articolo/non-bastano-buone-intenzioni-nuova-prima-casa-va-occupata