Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Avviso ai litiganti

Presunzioni legali e studi di settore:
dall’unione il “giusto” reddito

Il contribuente può dimostrare, in fase amministrativa o anche in giudizio, che le conclusione del Fisco sono errate

integrazione

SINTESI: La determinazione del reddito mediante l’applicazione degli studi di settore, a seguito dell’instaurazione del contraddittorio con il contribuente, è idonea a integrare presunzioni legali che sono, anche da sole, sufficienti ad assicurare un valido fondamento all’accertamento tributario, ferma restando la possibilità, per il contribuente che vi è sottoposto, di fornire la prova contraria, nella fase amministrativa e anche in sede contenziosa (cfr. Cass. n. 23252/2019).

Ordinanza n. 10272 del 29 maggio 2020 (udienza 24 febbraio 2020)
Cassazione civile, sezione V – Pres. Sorrentino Federico – Est. Fraulini Paolo
Accertamento da studi di settore a seguito del contraddittorio con il contribuente – È idoneo ad integrare presunzioni legali che assicurano la validità dell’accertamento tributario – È onere del contribuente fornire la prova contraria

URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/avviso-ai-litiganti/articolo/presunzioni-legali-e-studi-settore-dallunione-giusto-reddito