Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Avviso ai litiganti

Se non lo fa la società è il Fisco
a determinare il minimo di ricavi

Spetta poi al contribuente fornire la prova contraria, dimostrando l’esistenza di oggettive situazioni di carattere straordinario che hanno impedito il conseguimento di tale soglia

Thumbnail

SINTESI: In tema di società non operative il meccanismo deterrente consiste nel fissare un livello minimo di ricavi e proventi correlato al valore di determinati beni patrimoniali, il cui mancato raggiungimento costituisce elemento sintomatico della natura non operativa della società, con conseguente presunzione di un reddito minimo, stabilito in base a coefficienti medi di redditività dei detti elementi patrimoniali di bilancio. Spetta poi al contribuente fornire la prova contraria, dimostrando, secondo il testo della disciplina applicabile ratione temporis, l’esistenza di oggettive situazioni di carattere straordinario, specifiche e indipendenti dalla sua volontà, che hanno impedito il raggiungimento della soglia di operatività e del reddito minimo presunto.
 
Ordinanza n. 25266 del 10 novembre 2020 (udienza 24 settembre 2020)
Cassazione civile, sezione VI – 5 – Pres. Greco Antonio – Est. Crolla Cosmo
Società non operative – Il mancato raggiungimento dei livelli minimi di ricavi e proventi stabiliti costituisce elemento sintomatico della natura non operativa della società – Il contribuente deve fornire la prova contraria circa l’esistenza di cause oggettive che hanno impedito il raggiungimento della soglia

URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/avviso-ai-litiganti/articolo/se-non-fa-societa-e-fisco-determinare-minimo-ricavi