Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Avviso ai litiganti

Senza l’opzione, inapplicabile
il regime della tassazione di gruppo

L’accesso ai benefici non può prescindere dalla comunicazione con la quale si esprime la volontà di accesso a tale disciplina

immagine generica illustrativa

SINTESI: Il tenore letterale dell’art. 5, comma 2, del DM 9 giugno 2004, e dell’art. 119, comma 1, lett. d), del DPR n. 917 del 1986, lascia ritenere che l’invio della comunicazione con la quale si esercita l’opzione per il regime della tassazione di gruppo costituisce condizione essenziale per l’ammissione ai relativi benefici, proprio perché diretta ad esprimere la scelta sul regime di tassazione da adottare; essendo tale comunicazione finalizzata a esprimere la volontà di assumere un regime in deroga alla disciplina ordinaria dell’imposizione, risulta evidente che, qualora essa non sia effettuata nei termini e con le modalità previsti dalle disposizioni sopra richiamate, non può ritenersi realizzato l’effetto costitutivo dell’assunzione del diverso regime fiscale né tra le parti, né nei confronti dell’Amministrazione finanziaria.

Sentenza n. 5647 del 2 marzo 2020 (udienza 20 dicembre 2019)
Cassazione civile, sezione V – Pres. Cirillo Ettore – Est. Condello Pasqualina Anna Piera
Art. 5, comma 2, del DM 9 giugno 2004 e art. 119, comma 1, lett. d), del DPR n. 917 del 1986 – Esercizio dell’opzione per il regime della tassazione di gruppo – Esiste l’obbligo dell’invio della comunicazione con cui si dichiara tale volontà – In assenza di tale comunicazione non può ritenersi realizzato l’effetto costitutivo dell’assunzione del diverso regime fiscale né tra le parti, né nei confronti dell’Amministrazione finanziaria

URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/avviso-ai-litiganti/articolo/senza-lopzione-inapplicabile-regime-della-tassazione-gruppo