Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Dal mondo

Canada, buoni propositi d’autunno:
più sostegno a famiglie e imprese

Il Governo presenta il Fall Economic Statement 2017, che fa il punto sulla situazione economica del Paese

Thumbnail
“Progresso per la classe media”, è questo il titolo programmatico del Fall Economic Statement 2017, presentato di recente dal ministro delle Finanze canadese, Bill Morneau. Il documento, approvato ogni autunno, tira le somme della politica economica attuata nel corso dell’anno e delinea le nuove misure a sostegno di famiglie e imprese, che saranno introdotte ufficialmente dalla prossima legge di Bilancio.
 
Un Paese in crescita
I dati parlano chiaro: il Canada è tra i Paesi del G7 che vanta la crescita più veloce (nel 2016 si è assestata a un tasso medio del 3,7%); negli ultimi due anni sono stati creati oltre 450mila nuovi posti di lavoro; nel corso del 2017 il livello di disoccupazione ha raggiunto il minimo storico dal 2008. Per quest’anno è previsto uno sviluppo del 3,1%, nettamente superiore alle aspettative formulate dalla legge di Bilancio nel marzo scorso. Un progresso ad ampio spettro, sottolinea il documento, che ha toccato la maggior parte delle industrie di beni e servizi, trainato dall’aumento degli investimenti nell’attività imprenditoriale (come evidenziano i dati contenuti nella Bank of Canada’s Business Outlook Survey).
 
Famiglie e imprese sotto i riflettori
La classe media si conferma al centro delle politiche fiscali del Governo canadese, che già nel biennio 2015-2016 era intervenuto con alcuni sgravi di cui hanno potuto fruire ben nove milioni di cittadini. Grazie alle agevolazioni introdotte, i single hanno beneficiato di un risparmio annuo medio di 330 dollari, le coppie di 540.
Fiore all’occhiello della politica di supporto alle famiglie è il Canada Child Benefit (CCB) l’agevolazione fiscale che nel 2016 ha sostituito il Canada Child Tax Benefit (Cctb), il National Child Benefit Supplement (Ncbs) e l’Universal Child Care Benefit (Uccb).
Il Governo ha stanziato un totale di 23 miliardi di dollari per finanziare l’intera operazione, che ha coinvolto oltre 3,3 milioni di famiglie. Nel dettaglio, il Canada Child Benefit consiste in una somma totalmente esentasse che i contribuenti possono ricevere mensilmente per finanziare le attività extrascolastiche dei propri figli (musica, sport, eccetera). Per il futuro, l’intenzione è quella di “rafforzare” il bonus che, per adeguarsi all’aumento del costo della vita, nel luglio del 2018 dovrebbe essere incrementato. Dal 2019, inoltre, saranno ampliati i fondi stanziati per il Working Income Tax Benefit (WITB), con ben 500 milioni di dollari in più all’anno.
In agenda anche interventi a sostegno delle piccole imprese. L’obiettivo è quello di diminuire progressivamente la pressione fiscale a loro carico, attraverso il taglio dell’aliquota sul reddito societario, che dovrebbe passare al 10% il prossimo anno e al 9% nel 2019.
Secondo le stime governative, questa riduzione dovrebbe comportare un risparmio medio all’anno di 7.500 dollari per ciascuna azienda.
 
In aumento le entrate tributarie
Il documento traccia anche le azioni messe in campo dal Governo sul fronte fiscale, tra cui gli investimenti destinati all’Agenzia delle Entrate, Canada Revenue Agency (CRA), con l’obiettivo di incrementare le risorse umane e finanziarie a disposizione dell’ente. Scopo finale dell’operazione: migliorare il contrasto all’evasione fiscale e rendere più efficiente l’attività di riscossione. I risultati sono arrivati presto: la Cra negli ultimi sei anni ha recuperato oltre 5 miliardi di dollari di entrate tributarie in più rispetto al passato.
Una sezione del documento illustra anche l’impegno del Canada per contrastare l’evasione fiscale internazionale in ambito Ocse e G20 e per rafforzare le regole in materia di trasparenza amministrativa e scambio di informazioni con gli Stati esteri.
 
 
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/articolo/canada-buoni-propositi-dautunno-piu-sostegno-famiglie-e-imprese