Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Dal mondo

Canada, conti di risparmioesenti da prelievo fiscale

Si chiamano tax free saving account e sono una delle novità presentate dal governo con la finanziaria 2008

Thumbnail

"L'interesse che i canadesi stanno dimostrando nei riguardi del Tfsa è la dimostrazione della fiducia riposta in questo innovativo prodotto. Uno strumento che il governo ha deciso di utilizzare per consentire ai cittadini di realizzare gli obiettivi di risparmio". Con queste parole il ministro delle Finanze, Jim Flaherty, ha presentato ufficialmente l'altro ieri il tax free saving account, vale a dire il conto di risparmio esente da ogni prelievo fiscale. La misura è stata varata dal governo nel contesto dei provvedimenti predisposti con il Budget 2008. Di analogo tenore le dichiarazioni espresse dal ministro federale per lo Sviluppo economico, Jean-Pierre Blackburn, che si è complimentato con i contribuenti canadesi che hanno deciso di aderire a questo strumento a tutela del proprio futuro finanziario. Uno strumento flessibile per salvaguardare non soltanto gli obiettivi a lungo termine come il pensionamento ma anche quelli a breve come l'acquisto di un'automobile o il pagamento di una casa.

Come opera il Tfsa
Introdotto nel gennaio 2009, il Tfsa consente ai contribuenti di soddisfare al meglio l'obiettivo del risparmio monetario. Utilizzando questo conto, appositamente concepito per rafforzare la fiducia dall'interno in tempi di incerto clima economico mondiale, il contribuente può investire fino a un massimo di 5mila dollari all'anno esentasse. L'interesse che deriva dalla somma investita non è soggetta a imposta sul reddito. Il tax free saving account permette di effettuare prelievi in qualsiasi momento senza alcun vincolo o implicazione di carattere fiscale. Inoltre i redditi da capitale, comprese le plusvalenze, maturati in un Tfsa non sono imponibili, anche nel caso in cui dovessero essere ritirati. La sottoscrizione del Tfsa non preclude la possibilità di prelevare i fondi versati in qualsiasi momento e per qualsiasi scopo. Uno strumento innovativo che, nelle intenzioni del governo, dovrebbe contribuire a costruire e salvaguardare il futuro finanziario dei contribuenti.

La legge finanziaria 2008 e le priorità
Riduzione del debito pubblico e dell'imposizione, razionalizzazione della spesa pubblica e aiuti per quei settori dell'economia che stanno soffrendo la crisi economica mondiale. Sono le quattro priorità indicate dal governo con la legge finanziaria per il 2008. Ed è in quella occasione che è stato ufficialmente presentato dal governo federale il tax free saving account unitamente ad altri provvedimenti che prevedono vari investimenti. Un nuovo incentivo che, nelle intenzioni del governo, mira ad aiutare i contribuenti canadesi nell'azione di salvaguardia del risparmio. 

I settori di intervento
In particolare 300 milioni di dollari (quasi 202 milioni di euro) da destinare all'energia nucleare, 440 milioni di dollari (296 milioni di euro) per la ricerca e lo sviluppo in vari settori, 500 milioni di dollari stanziati per le infrastrutture a Toronto, Montreal e Vancouver. Tra le misure previste alcune sono di grande interesse per gli affari esteri e il commercio internazionale. Saranno investiti 89 milioni di dollari (59,8 milioni di euro) nei prossimi due anni nelle rappresentanze all'estero, dove sarà dislocato un numero maggiore di risorse umane. L'obiettivo è incrementare tutti quei servizi, a cominciare da quelli consolari e diplomatici, che si possono sviluppare nell'ambito di nuove realtà come le opportunità commerciali e imprenditoriali. Finanziamenti sono previsti anche per lo sviluppo del capitale umano. Nel biennio 2009-2010 350 milioni di dollari (235 milioni di euro), destinati a salire a 430 nel 2012-13, saranno invece dedicati agli studenti universitari unitamente ad altri investimenti (25 milioni di dollari) per quelli impegnati nell'ambito dei dottorati di ricerca.

URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/articolo/canada-conti-risparmioesenti-prelievo-fiscale