Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Dal mondo

Canada: dieci regole più l'istinto,
un binomio a prova di inganno

L'Agenzia delle Entrate torna nuovamente ad occuparsi delle truffe fiscali informatiche e lo fa puntando sul web

Thumbnail
Un vero e proprio decalogo quello messo a punto dall'Agenzia canadese delle Entrate per proteggere i contribuenti dai rischi di truffe fiscali informatiche. Una sorta di vademecum di orientamento che l'Amministrazione fiscale ha pensato bene di divulgare utilizzando lo spazio web del proprio sito internet.  Il tutto nel mese che, come da tradizione in Canada, è dedicato alle prevenzione antifrode.    Un decalogo a prova di truffa Dieci sono le regole, ricorda l'Agenzia, da tenere a mente per evitare di incorrere in spiacevoli sorprese che potrebbero rivelarsi letali per l'ignaro contribuente : 1) se non è sicuri dell'autenticità di una chiamata telefonica, una lettera o una mail, prima di compiere qualsiasi operazione è bene sincerarsi della sua autenticità; 2) nessuno, compresi i familiari e coniugi, può avere accesso alle informazioni contenute nei file o nei record dell'Agenzia senza l'autorizzazione scritta del contribuente. Inoltre l'Agenzia mai penserebbe di vendere a terzi le  informazioni personali; 3) l'Agenzia  non richiede informazioni di qualsiasi genere tramite e-mail, sms o  cellulare; 4) l'Agenzia mai utilizzerebbe una casella vocale per recapitare messaggi contenenti dati o informazioni personali; 5) notizie su adempimenti fiscali e pagamenti per via telematica sono sempre comunicate attraverso i tradizionali e ufficiali canali di informazione;  6) la presentazione on-line delle dichiarazioni dei redditi è possibile soltanto utilizzando il codice accreditato di accesso personale; 7) non comunicare mai a nessuno l’importo della riga 150 della dichiarazione dei redditi, il codice di sicurezza dell’agenzia o l’Id utente e la password;  8) nessuno, al di fuori dell'interessato, è autorizzato a  presentare per suo conto la dichiarazione dei redditi tramite il servizio on line accreditato; 9) nessuno, al di fuori dell'interessato, è autorizzato a cancellare tutti i dati contenuti nella memoria temporanea del computer, chiudere e riaprire il browser;  10) se pensate di essere stati stati vittima di una frode o di un altro tipo di truffa informatica  un apposito numero verde è a vostra disposizione all'1-800-959-8281  e comunque è bene rivolgersi senza indugio alla banca di fiducia o alla polizia locale per segnalare o denunziare il fatto.   Informazione ma non soltanto: anche l'istinto aiuta Il problema è comune a molte altre Amministrazioni finanziarie, Italia compresa, che hanno messo in atto analoghe campagne di informazione illustrando, nel dettaglio, gli abili stratagemmi utilizzati dai truffatori per carpire i dati sensibili dei contribuenti. E tutto con il pretesto di accreditare falsi rimborsi fiscali o quant'altro. E se l'informazione rappresenta uno strumento di buona gestione amministrativa anche l'istinto, ricorda l'Agenzia canadese delle Entrate, può rivelarsi utile. A conti fatti, un binomio a prova di inganno che potrebbe permettere di identificare chi, in un modo o nell’altro, si nasconde dietro abili tentativi di truffa sul web.   
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/articolo/canada-dieci-regole-piu-listinto-binomio-prova-inganno