Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Dal mondo

Canada: il rilancio dell'economia
passa anche per il Fisco

Sette le priorità contenute nell'agenda del Governo per la nuova legislatura dopo le elezioni politiche del 2 maggio

Thumbnail

Lavoro e crescita, riduzione del deficit, sostegno alle famiglie, sicurezza e protezione ambientale, sostegno alla collettività e alle imprese, promozione dell'integrità e della responsabilità sono i sette punti chiave dell'agenda del Governo Harper per la nuova legislatura. Con la legge di bilancio, presentata alla Camera dei Comuni il 6 giugno dal ministro delle Finanze, Jim Flaherty, il governo si è poi impegnato al pareggio del bilancio entro il 2014 con una ulteriore previsione di spesa di 4 miliardi di dollari in misure di austerity.
 

I punti chiave della proposta di bilancio
Piano di riduzione dell'aliquota fiscale per le imprese che arriverà al 15% dal 1° gennaio 2012, creazione di posti di lavoro grazie a un credito d'imposta per le piccole e medie imprese, piano di suddivisione del lavoro (work-sharing) e di incentivi finalizzati a indurre i lavoratori più anziani a rimanere nel mondo del lavoro, investimenti per promuovere l'innovazione nei settori-chiave dell'economia canadese come agricoltura, silvicoltura ed estrazione mineraria. Sono alcune delle indicazioni contenute nella Finanziaria presentata di recente alla Camera dei Comuni.



 

Gli indicatori economici
Le previsioni di crescita del Pil per il 2011 si attestano al 2,9%, secondo le ultime previsioni elaborate dal Fondo monetario internazionale, proiettandolo a 1.700 miliardi di dollari canadesi così come per l'anno in corso si prevede un tasso di deficit sul Pil dell'1,9%, mentre il rapporto debito-Pil si manterrà sostanzialmente stabile al 34,3% del prodotto interno lordo. In queste condizioni il governo Harper ha deciso di avviare la fase successiva del piano economico d'azione del Canada incentrato sulla creazione di posti di lavoro, il sostegno alle famiglie e alle comunità, un piano coordinato di investimenti nell'innovazione, educazione e formazione, vantaggi fiscali per le imprese.
 

Misure per creare nuovi posti di lavoro
Per raggiungere questo obiettivo gli interventi proposti dal governo si muovono lungo tre direttrici. Un credito d'imposta in favore delle piccole e medie imprese finalizzato a creare nuove professionalità in un settore d'importanza vitale per l'economia, un programma di sostegno nel settore della produzione e dell'industria che prevede per due anni l'applicazione di una aliquota fiscale agevolata per chi investe nella produzione di macchinari e attrezzature, un piano agevolato di investimenti finalizzato a promuovere l'innovazione in settori importanti del Paese come agricoltura, silvicoltura e industria mineraria.

Piano di sostegno alle famiglie e alla comunità
Altrettanto fondamentale il ruolo svolto dall'economia come leva per aiutare le famiglie. In particolare tra le misure indicate dal governo figurano tre nuovi provvedimenti. Il primo che prevede un assegno supplementare sulla pensione  (600 dollari l'anno per anziani soli e 840 dollari per coppie) che dovrebbe contribuire ad alleviare le difficoltà di oltre 680mila anziani canadesi  L'investimento è di 300 milioni di dollari l'anno. Tre nuovi crediti d'imposta: il primo, del valore di 2000 dollari, per chi ricorre a badanti familiari (family caregiver tax credit) e che include per la prima volta anche coniugi, conviventi e figli minori; il secondo per le arti per bambini (children's arts tax credit), del valore di 500 dollari per bambino, e riguarda il costo sopportato per le attività a scopo artistico, culturale, ricreativo e di sviluppo. Il terzo per i vigili del fuoco volontari (firefighters tax credit) per i vigili volontari che lavorano un minimo di 200 ore nelle comunità.
 

Investimenti in innovazione, educazione e formazione
La fase successiva del piano economico d'azione prevede anche un pacchetto di investimenti per la ricerca industriale nelle nuove tecnologie di informazione e comunicazione digitale (80 milioni di dollari in tre anni) finalizzato ad assistere le piccole e medie imprese; l'inaugurazione di dieci nuove cattedre d'eccellenza per le ricerche del Canada (Canada Excellence Research Chairs) alcune delle quali operative nel settore dell'economia digitale; la commercializzazione e il sostegno fiscal-finanziario per l'uso di nuove tecnologie con collegamenti permanenti tra Università e aziende operanti nel settore del commercio nazionale e internazionale.

 

URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/articolo/canada-rilancio-delleconomia-passa-anche-fisco