Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Dal mondo

Canada: strategia che vince
non si cambia. Anzi, raddoppia

L’Amministrazione finanziaria anche per l’anno in corso ha confermato le misure fiscali adottate negli ultimi esercizi

Thumbnail
Ogni contribuente canadese risparmia all’anno una media di 3.200 dollari. Questo grazie al pacchetto di incentivi fiscali alle famiglie, uno dei pilastri della politica economica canadese. L’attuale governo di Ottawa, infatti, grazie all’impegno del ministro delle Entrate, Gail Shea, prosegue sulla strada delineata già dal 2006 dal primo ministro Stephen Harper.
 
I vantaggi in termini di risparmio d’imposta
Nell’arco di cinque anni, il rimborso fiscale medio entrato nelle casse del contribuente canadese è aumentato da 1.230 dollari nel 2007 a 1.620 dollari nel 2013. Completa il quadro di un Fisco “amico” dei contribuenti, la riduzione dell’aliquota più bassa sul reddito delle persone fisiche, passata dal 16% al 15%, e della tassa sui beni e servizi, diminuita di due punti percentuali.
 
Il credito d’imposta per le attività sportive
Dallo sport all’arte, dai trasporti ai libri di testo, i giovani contribuenti canadesi ricevono un ampio supporto da parte del Fisco nazionale. Il credito d’imposta per le attività sportive permette ai genitori di recuperare il 15% dei costi sostenuti, fino a 500 dollari l’anno, per iscrivere i propri figli ad attività di fitness. Secondo i dati forniti dal ministero delle Entrate, per l’anno d’imposta 2011 più di un milione e mezzo di famiglie ha sfruttato questa opportunità.
Ha ottenuto un discreto successo anche il Children's arts tax credit. Anche in questo caso si tratta di un bonus che permette di recuperare il 15% delle spese (fino a un massimo di 500 dollari annuali). In questo caso, però, il bonus finanzia le attività artistiche o culturali dei propri figli. Dalle arti visive e letterarie alla musica fino ai corsi di lingue, circa 460mila famiglie hanno usufruito del bonus nel 2011. In aiuto degli studenti canadesi, anche lo sconto fiscale per l’acquisto di libro di testo. Il bonus che ha riscosso maggior successo, comunque, è quello che permette di detrarre l’intero importo delle spese per l’abbonamento ai mezzi pubblici. Nel 2011 più di un milione e seicentomila canadesi hanno usufruito di questo sconto.
 
Gli interventi in favore delle imprese artigiane
Il pacchetto di incentivi fiscali comprende anche il credito d’imposta che consente agli artigiani di detrarre dal reddito parte dei costi degli attrezzi acquistati per svolgere la propria attività. Previsto, inoltre, un bonus, di cui hanno usufruito nel 2011 circa 36mila canadesi, per i vigili del fuoco volontari che abbiano prestato servizio almeno per 200 ore all’anno.
 
Il sostegno ai portatori di handicap
Dal 2012, infine, l’offerta di aiuti fiscali si è arricchita di un credito d’imposta che consente alle famiglie che abbiano un componente con problemi di invalidità fisica o mentale di detrarre parte delle spese effettuate (fino a duemila dollari) per pagare collaboratori e aiuti domestici.
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/articolo/canada-strategia-che-vince-non-si-cambia-anzi-raddoppia