Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Dal mondo

Entrate tributarie internazionali.
L’andamento di tutto il 2019

Online l’analisi dei trend riscontrati dalla crescita del gettito fiscale di diversi Paesi rispetto al 2018

Thumbnail

Nel corso del 2019 le entrate tributarie dei Paesi europei hanno mantenuto andamenti molto diversificati tra loro. È il bilancio tracciato nell’ultimo bollettino delle Entrate tributarie internazionali del Dipartimento delle Finanze, che contiene l’analisi comparata dell’andamento del gettito fiscale in Francia, Germania, Irlanda, Italia, Portogallo, Regno Unito e Spagna. L’ultima edizione del rapporto riporta le tendenze osservate nell’arco dei dodici mesi del 2019 rispetto al 2018: si va dalla flessione delle entrate in Francia (-4,8%), in linea con la dinamica osservata nell’ultimo anno, alla crescita percentuale maggiore, quella dell’Irlanda (+6,8%). Tutte in crescita le entrate tributarie negli altri Paesi: Portogallo (+3,8%), Regno Unito (+3,2%), Germania (+3,1%), Spagna (+2%) e Italia (+1,7%).

Il 2019 di Francia, Spagna e Germania
Cominciando dall’ultimo dato generale in controtendenza, le entrate tributarie francesi mostrano una flessione di circa 14 miliardi di euro rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (-4,8%) al netto dei rimborsi e degli sgravi fiscali. Un risultato cui hanno contribuito l’andamento negativo dell’imposta sui redditi da lavoro (-1,7%) e dell’Iva (-17,7%). Positiva invece la dinamica delle imposte sulle società (+22,2%). Diverso lo scenario per gli altri Paesi, come nel caso della Spagna, in cui le entrate tributarie hanno mostrato nel 2019 un incremento tendenziale del 2% rispetto ai 12 mesi del 2018, per effetto del risultato positivo sia delle imposte dirette (+1,4%) sia delle imposte indirette (+2,5%). In particolare, è cresciuto il gettito dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (+4,9%), mentre di segno opposto è stato l’andamento dell’imposta reddito delle società ( -4,4%). Tra le imposte indirette, si osserva un incremento del gettito delle imposte sugli idrocarburi (+9,4%). Per quanto riguarda la Germania, le entrate tributarie complessive al netto delle imposte locali hanno registrato un +3,1% rispetto al 2018. Questo risultato riflette l’andamento positivo dell’imposta sui salari (+5,5%) e dell’Iva (+3,6%), ma risente della decrescita del gettito proveniente dalla corporate tax tedesca (-4,2%) e da alcune imposte indirette come l’imposta sull’energia elettrica (-2,5%), l’accisa sui prodotti alcolici (-0,7%) e l’imposta speciale sul tabacco (-0,6%).

Crescite più sostenute per le casse di Irlanda, Portogallo e Regno Unito
In Irlanda le entrate tributarie sono aumentate del 6,8% rispetto allo stesso periodo del 2018 per effetto dell’andamento positivo del gettito derivante sia dalle imposte sui redditi delle persone fisiche (+8%) sia dall'imposta sul reddito delle società (+4,8%) e dall’Iva (+6,2%). In crescita anche le accise (+9,6%) e l’imposta di bollo (+4,3%). Il Portogallo nel 2019 ha visto aumentare le proprie entrate del 3,8% per aumento sia dell’imposta sui redditi delle persone fisiche (+2,1%) sia dell’Iva (+7%), mentre un lieve calo si è registrato nelle entrate dell’imposta sui redditi delle società ( -0,4%). Infine, nel Regno Unito le entrate tributarie hanno segnato una crescita rispetto allo stesso periodo del 2018 del 3,2%, a cui ha contribuito l’andamento positivo sia delle imposte dirette (+3,4%) che di quelle indirette (+3,1%).

Com’è andata per l’Iva
Anche il gettito Iva nel corso del 2019 ha visto registrare un incremento per tutti i Paesi tranne la Francia (-17,7%), che si discosta di 24,7 punti percentuali dal ritmo in crescita migliore, quello del Portogallo (+7%). In crescita rispetto al 2018 anche gli incassi erariali dell’Iva in Irlanda (+6,2%), Regno Unito (+4%), Germania (+3,6%), Italia (+2,5%) e Spagna (+1,9%).

URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/articolo/entrate-tributarie-internazionali-landamento-tutto-2019