Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Dal mondo

Hong Kong, il Fisco tira le somme
sulle attività dello scorso anno

Il report 2017-2018 illustra i risultati conseguiti dal Dipartimento delle Entrate. Aumenta il riscosso, con +13,2%

Thumbnail
Un anno da record per le entrate fiscali di Hong Kong: nell’anno 2017-2018 sono state 328,6 miliardi di dollari locali, + 13,2% rispetto al periodo precedente. Questo uno dei risultati ottenuti dal Dipartimento delle Entrate e illustrati nel report annuale dell’Amministrazione. Dai servizi online ai controlli, dai rimborsi alle imposte accertate, il documento offre una panoramica complessiva delle attività messe in campo dal Fisco del Paese asiatico.
 
Per la riscossione segno positivo
A trainare la crescita delle entrate fiscali è l’imposta di bollo che segna un incremento del 54% con un introito pari a 95,2 miliardi di dollari di Hong Kong. In aumento anche le entrate dall’imposta sui salari, con un +3% e un riscosso di 16 miliardi. In lieve calo, invece, il gettito proveniente dalla tassa sui profitti che diminuisce dello 0,1%, attestandosi a 139,1 miliardi.
Per quanto riguarda l’attività di accertamento, l’imposta sugli utili accertata è stata di 144,9 miliardi di dollari, + 4,8% dell’anno precedente, aumento dovuto alla crescita economica, seppure modesta, che ha investito Hong Kong nell’ultimo biennio. Scendendo più nel dettaglio, i settori economici che hanno contributo maggiormente a determinare il volume dell’imposta complessiva sono quello immobiliare, quello finanziario e quello bancario, che costituiscono quasi la metà del valore dell’imposta accertata. L’imposta sul salario accertata, invece, è aumentata del 2,6%, causa un aumento medio complessivo dei salari.
 
Le attività in sintesi
Il report offre una sintesi di tutte le attività condotte dal Dipartimento delle Entrate. Sotto la lente d’ingrandimento, quindi, anche i controlli che nello scorso anno sono stati 1.800 per un totale di circa 2,5 miliardi di dollari tra sanzioni e tasse non versate. Sul fronte dell’assistenza ai contribuenti, il Fisco di Hong Kong ha gestito circa 2,6 milioni di dichiarazioni dei redditi per l’anno di imposta 2016-2017 mentre i rimborsi sono stati quasi 620mila, meno 20,4% rispetto all’anno precedente ma con importi più elevati per un totale di circa 18 miliardi di dollari (un incremento di valore del 7,5% rispetto al periodo precedente).  Per quanto riguarda, invece, i servizi online, al 31 marzo 2018 gli utenti registrati erano circa 800mila, +7,5% rispetto all’anno precedente.
Buone notizie anche sul versante dell’assistenza telefonica ai contribuenti. Il sistema del Dipartimento delle Entrate gestisce 144 linee disponibili 24 ore su 24. A rispondere ai quesiti dei contribuenti sia il personale dell’Amministrazione, sia messaggi automatizzati. Nel periodo in esame sono state quasi 700mila le chiamate gestite dallo staff, mentre oltre 740mila quelle a cui ha risposto in automatico il sistema.

Per il Fisco un anno di cambiamenti
Nel settore fiscale il 2018 ha rappresentato un anno di grandi cambiamenti legislativi che hanno riguardato, in particolare, l’imposta di bollo, quella sui profitti e lo scambio di informazioni con l’estero.
Per quanto riguarda l’imposta di bollo è stata aumentata l’aliquota al 15% per le transizioni di immobili residenziali all’estero. Con effetto dall’anno fiscale 2018-2019, il Governo ha deciso di ridurre l’aliquota sull’imposta per i primi due milioni di profitti accertati prodotti dalle imprese, portandola al valore di 8,25%. I profitti sopra tale importo, invece, continuano ad essere soggetti all’aliquota standard del 16,5%. Sul fronte internazionale, nel 2018 alcuni provvedimenti normativi hanno fornito la cornice giuridica all’attività di scambio di informazioni con l’estero. Le nuove norme hanno spianato la strada per un’effettiva attuazione delle regole sul Country by Country Report e del pacchetto Beps (Base erosion and profit shifting).
 
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/articolo/hong-kong-fisco-tira-somme-sulle-attivita-dello-scorso-anno