Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Dal mondo

Italia: su infrazioni al diritto Ue
un risultato che vale nove

Sequenza positiva basata ancora una volta su un valore dispari che conferma l'andamento favorevole dei Rapporti

Thumbnail
Il 26 aprile scorso si è riunito il collegio dei commissari europei per la tradizionale riunione con cui è stato definito l'iter procedurale relativo alle infrazioni. Per quanto riguarda l'Italia la delibera si è conclusa con l'apertura di 2 nuove procedure e con l'archiviazione di  9 procedure d'infrazione, di cui 7 relative a procedure già aperte e due riguardanti un reclamo. Il numero delle  procedure d'infrazione a carico dell'Italia si attesta così a 127, di cui 89 concernenti casi di violazione del diritto dell'Unione e 38  relative al mancato recepimento di direttive comunitarie.


Ambiente, fiscalità e dogane in pole postion
Appare significativo che, ancora una volta, la maggior parte delle decisioni intraprese nei confronti del nostro Paese riguardino l'ambiente e, in particolare; le norme in materia di impatto ambientale di sostanze chimiche, qualità dell'aria, trattamento delle acque reflue e rendimento energetico degli edifici. Seguono le infrazioni in materia di fiscalità e dogane per mancato recepimento delle direttive Ue.

La fiscalità al centro dell'attenzione
In materia di fiscalità si segnalano il mancato recepimento della direttiva 2010/24/UE del Consiglio del 16 marzo 2010 relativa all'assistenza reciproca in materia di recupero dei crediti risultanti da dazi, imposte ed altre misure e della direttiva 2009/109/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 settembre 2009 che modifica le direttive 77/91/CEE, 78/855/CE, 82/891/CEE e 2005/56/CE relativa agli obblighi in materia di relazioni e documentazione in caso di fusioni e scissioni o per violazione del diritto comunitario. In particolare le disposizioni in materia di regime fiscale del trasferimento della residenza di soggetti esercenti impresa in altro Stato dell'UE o SEE ("Exit tax") in Italia, quelle relative al non corretto recepimento della direttiva IVA (2006/112/CE) relativamente alle esenzioni previste dall'articolo 132 e il mancato recupero dell'aiuto di Stato relativo alle esenzioni fiscali e prestiti agevolati concessi in favore di imprese e servizi pubblici a prevalente capitale pubblico.

La suddivisione delle procedure
Nel dettaglio l'esposizione "infrattiva" del Paese, divisa tra gli atti relativi alle ultime procedure e suddivise in archiviate, per settore e per stadio, è la seguente. A seguire gli elenchi per singola materia.

Procedure archiviate
  • 2003/2204: Cattivo recepimento della direttiva 2000/53/CE sui veicoli fuori uso;
  • 2003/5258: Etichettatura dei prodotti di cioccolato;
  • 2004/2225: Inadempimenti nell'attuazione del sistema di controllo dei pescherecci via satellite (SCP) in caso di mancato rispetto delle norme;
  • 2007/4125: Restrizioni alla commercializzazione dell'acqua potabile in bottiglia da altri Stati Membri;
  • 2009/2235: Direttiva 2001/42/CE (direttiva VAS) - Effetti di piani e programmi sull'ambiente;
  • 2011/2165: Mancato recepimento delle misure relative alla direttiva del Consiglio 2009/71/Euratom che istituisce un quadro comunitario per la sicurezza nucleare degli impianti nucleari;
  • 2012/0085: Mancato recepimento della direttiva 2011/68/UE che modifica le direttive 2003/90/CE e 2003/91/CE che stabiliscono modalità di applicazione dell'articolo 7 delle direttive 2002/53/CE e 2002/55/CE per quanto riguarda i caratteri minimi sui quali deve vertere l'esame e le condizioni minime per l'esame di alcune varietà delle specie di piante agricole e di ortaggi.


Procedure per stadio

Messa in mora - art. 258 TFUE (già art. 226 TCE)   60
Messa in mora complementare - art. 258 TFUE 10
Parere motivato - art. 258 TFUE 29
Parere motivato complementare - art. 258 TFUE 3
Decisione ricorso - art. 258 TFUE 2
Ricorso - art. 258 TFUE 6
Sentenza - art. 258 6
Messa in mora - art. 260 TFUE (già art. 228 TCE) 7
Messa in mora complementare - art. 260 TFUE 1
Parere motivato - art. 260 TCE 1
Decisione ricorso - art. 260 TFUE 1
Ricorso - art. 260 TFUE 1
Totale  127


Procedure per settore

Affari economici e finanziari 7
Affari esteri  3
Affari interni  6
Agricoltura
Ambiente 34
Appalti  4
Comunicazioni  3
Concorrenza e aiuti di stato 2
Energia  4
Fiscalità e dogane 13
Giustizia 1
Lavoro e affari sociali  13
Libera circolazione delle merci 7
Libera circolazione delle persone 
Libera prestazione dei servizi e stabilimento   5
Pesca 1
Salute 10
Trasporti 10
Tutela dei consumatori 1
Totale 127



URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/articolo/italia-infrazioni-al-diritto-ue-risultato-che-vale-nove