Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Dal mondo

L’Agenzia incontra la Turchia.
Visita ad ampio raggio a Roma

Una delegazione dell’Amministrazione delle entrate turca è stata ospite presso le sedi centrali nella capitale gli scorsi 19 e 20 ottobre

Visita della delegazione turca

La scorsa settimana, dal 19 al 20 ottobre, l’Agenzia delle Entrate italiana ha ospitato nelle sedi centrali di Roma una delegazione dell’Amministrazione fiscale turca (Turkish Revenue Administration, TRA), nel contesto del progetto sullo Strumento di Preadesione dell’Unione europea nel settore immobiliare. Attualmente la TRA sta lavorando al miglioramento della propria attività di controllo e dello scambio di dati inter-istituzionale; come obiettivo a breve termine, inoltre, l’agenzia fiscale è impegnata nell’istituzione di una banca dati delle transazioni immobiliari: per questa ragione, la TRA ha chiesto un incontro con il personale dell’Agenzia delle Entrate esperto in materia catastale, cartografica ed estimativa. Con l’occasione, l’Amministrazione turca ha chiesto di effettuare un approfondimento sulle tematiche inerenti alla fatturazione elettronica e all’analisi del rischio.

La panoramica nel settore immobiliare: dal catasto alla pubblicità ai servizi estimativi
La visita è iniziata presso gli uffici di Largo Leopardi della capitale, sede storica dell’Agenzia del Territorio poi confluita nell’Agenzia delle Entrate. La delegazione dell’Amministrazione fiscale turca è stata accolta dal Direttore della Direzione Centrale Servizi Catastali, Cartografici e di Pubblicità Immobiliare, Claudio Fabrizi, e dal Direttore della Direzione Centrale Servizi Estimativi e Osservatorio Mercato Immobiliare, Gianni Guerrieri. Gli esperti delle due Direzioni hanno condiviso il proprio know-how con i colleghi turchi su numerosi argomenti. Tra questi, in particolare, il funzionamento del sistema catastale italiano; il sistema della pubblicità immobiliare; la fiscalità immobiliare; i servizi estimativi; le banche dati utilizzate per lo svolgimento dei servizi estimativi; l’Osservatorio del mercato immobiliare e le pubblicazioni dell’OMI.

Focus sulla fatturazione elettronica e sull’analisi del rischio
La visita dei rappresentanti della Turkish revenue administration è proseguita nella sede centrale dell’Agenzia delle Entrate, ove la delegazione è stata accolta dal Vice Direttore Paolo Valerio Barbantini che guida la Divisione Contribuenti. L’incontro è iniziato con la proiezione di un video sulla fatturazione elettronica.  Successivamente, gli esperti del Settore Analisi del rischio e ricerche per la tax compliance della Divisione Contribuenti hanno illustrato le diverse metodologie di analisi dei dati, dedicando particolare attenzione ai progetti di analisi del rischio basati sui dati della fatturazione elettronica e sul ricorso all’utilizzo di data analytics. Nel corso dell’incontro i membri della delegazione hanno chiesto un “fuori programma” relativo ai metodi di stima Tax gap. Gli esperti intervenuti durante il primo e il secondo giorno della visita hanno ribadito la disponibilità dell’Agenzia a ulteriori confronti e approfondimenti su temi di interesse dell’Amministrazione turca, anche mediante la realizzazione di incontri in videoconferenza.

Un po’ di storia sull’amministrazione finanziaria della Turchia
Il Ministero delle Finanze è stato istituito nel 1838 ed era diviso in Dipartimenti (Daire) guidati dai “capi” (Reis). Alcuni di tali Dipartimenti svolgevano i compiti attualmente affidati all’amministrazione delle entrate. Nel 1946 è stata istituita la Direzione Generale delle entrate, abolita nel 2005. Ad oggi, l’amministrazione fiscale delle Entrate, con i suoi 40.000 dipendenti, è un ente strumentale del Ministero delle Finanze.

URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/articolo/lagenzia-incontra-turchia-visita-ad-ampio-raggio-roma