Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Dal mondo

Messico, cresce il riscosso nel 2018.
Entrate tributarie a quota +7,2%

Lo scorso anno versati allo Stato oltre 3mila miliardi di pesos, 208 miliardi in più rispetto al 2017

Thumbnail
Tempo di bilanci per l’amministrazione fiscale messicana. Nel corso del 2018 la riscossione complessiva delle imposte del Messico ha superato i 3mila miliardi di pesos. In termini percentuali, nel corso dell’anno, le entrate fiscali del 2018 sono cresciute del 7,2% rispetto all'anno precedente (un incremento pari a circa 208 miliardi di pesos). È il principale dato fornito dal Ministero dell’Economia messicano nel rapporto sulla situazione economica del quarto trimestre 2018 nel Paese del Centro America.
 
Anni e stime, tutti i dati a confronto
Nel corso dell’anno passato, in Messico le entrate tributarie hanno superato i 3.062 miliardi di pesos, più del triplo delle entrate statali relative allo sfruttamento degli idrocarburi, che erano dell'ordine di 978mila miliardi di pesos. Come detto, nel corso del 2018 il risultato del flusso relativo alle entrate tributarie è stato al di là delle previsioni, sia se si guarda a quanto previsto dall’amministrazione, sia se si guarda a quanto riscosso nel 2017 (in totale 2.854 miliardi di pesos). L’andamento della riscossione ha determinato maggiori entrate tributarie per 208 miliardi rispetto all’anno precedente. In base alle stime della Ley de Ingresos de la Federation (Lif), l’amministrazione fiscale messicana puntava a riscuotere nel 2018 un importo complessivamente pari a 2.957 miliardi di pesos sul fronte delle imposte. Il risultato finale è stato quindi di oltre 104 miliardi in più rispetto a quanto atteso. Importo che in termini percentuali corrisponde al 3,5% in più, secondo i dati forniti dal Sat (Servicio de Administration Tributaria).
 
Le imposte dirette e indirette, in percentuale
Analizzando i dati nel dettaglio, si vede che più della metà dei tributi incassati deriva dalle imposte sui redditi, mentre la seconda fonte di entrate deriva dall’Iva. Nel 2018 il gettito relativo alle imposte dirette (Impuesto sobre la renta) ammontava a oltre 1.664mila miliardi di pesos, il 54,3% delle entrate tributarie complessive e il 5,9% in più rispetto al 2017. L'Imposta sul valore aggiunto, invece, è cresciuta del 13% rispetto ai risultati dell’anno precedente e ha portato nelle casse dello Stato più di 922mila miliardi di pesos (il 30% del complesso delle imposte riscosse). Il gettito Iva è inoltre superiore del 5% rispetto a quanto stimato dal governo messicano. Infine, dalla tassa speciale sulla produzione e servizi (Ieps, Impuesto Especial sobre Producción y Servicios) sono scaturite entrate per 347mila miliardi di pesos (il 11,35% di tutti i tributi versati nel corso dell’anno).
 
Nuova energia contro l’evasione fiscale
Il Tesoro ha informato che nel 2018 l'universo dei contribuenti registrati negli elenchi del Servizio di Amministrazione Fiscale (Sat) era di 71,1 milioni. Di questi, 2 milioni sono aziende e 69,7 milioni persone fisiche, che come detto versano più della metà delle impuestos sobre la renta.  Sul fronte della lotta all’evasione dei tributi, invece, è ai nastri di partenza  un nuovo piano di azione.  A pochi giorni dalla presentazione del rapporto del Ministero dell’Economia, infatti, il presidente della commissione Bilancio della Camera dei deputati messicana, Alfonso Ramírez Cuéllar, ha annunciato l’imminente messa a punto di una nuova strategia per combattere l'evasione e l'elusione fiscale. Cuéllar ha individuato alcune linee programmatiche, che comprendono il rafforzamento dei meccanismi nell’ambito della riscossione delle imposte nel settore del commercio elettronico, la lotta contro la falsa fatturazione e il miglioramento della riscossione delle imposte patrimoniali a livello statale e comunale, attualmente pari allo 0,2% del prodotto interno lordo del Paese. Un dato che, a detta del presidente della Commissione parlamentare, risulta eccessivamente lontano dall’1,1% registrato in media negli Stati aderenti all’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.
 
Nuovi record all’orizzonte
Dopo i bilanci, le nuove sfide. Guardando al futuro, il governo messicano ha chiarito che nel 2019 intende superare il recente record nella raccolta delle imposte, puntando a riscuotere tributi per 3,3 mila miliardi di pesos. Questo in un contesto in cui si stima che l'economia nazionale potrebbe crescere intorno al 2,2%.
 
 
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/articolo/messico-cresce-riscosso-nel-2018-entrate-tributarie-quota-72