Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Dal mondo

La modernizzazione del Cile passa anche per il Fisco

Quasi a zero carta la dichiarazione dei redditi 2005 con il 96,3 per cento di documenti fiscali inviati per via telematica

Il direttore del SII, Juan ToroIl cammino democratico del Cile prosegue senza indugi attraverso la realizzazione di riforme simultanee strutturali nel campo finanziario, sociale, politico e culturale, che danno impulso all’economia e allo sviluppo del Paese, anche in termini di equità e di occupazione. Senza ombra di dubbio il lavoro del Presidente Ricardo Lagos Escobar e dei suoi collaboratori sta dando i suoi frutti in molti settori dell'Amministrazione compreso quello tributario.
L’ "economia della conoscenza" si va concretizzando e, a fianco di opere pubbliche come autostrade e porti, si realizzano anche quelle virtuali con una modernizzazione senza precedenti delle infrastrutture e della connettività. La banda larga in Cile è ormai una realtà consolidata che permette non soltanto alle imprese di lavorare comodamente e velocemente sia all’interno che all’esterno dei confini del Paese, ma ha reso possibile il raggiungimento di un record telematico impensabile fino a qualche tempo fa.
Il ruolo dell’Amministrazione tributaria
Grazie anche al sito Internet dell’Amministrazione finanziaria (Servicio de Impuestos Internos de Chile, in sigla SII) e ai numerosi chiarimenti che offre così come ad una attenta assistenza offerta da operatori telefonici, si è potuto raggiungere nel 2005 il 96,3 per cento di dichiarazioni dei redditi inviate per via telematica con un incremento di più di tredici punti percentuali rispetto all’anno precedente. La differenza con i Paesi cosiddetti sviluppati è di fatto annullata grazie anche a strumenti tecnologici molto interessanti come l’Ufficio Virtuale dove il contribuente può accettare o modificare la proposta di dichiarazione prima dell’invio e dove si può utilizzare un formulario di dichiarazione che comprende la quadratura aritmetica dei conteggi.
I vantaggi della telematica
Questo risultato si è potuto raggiungere contando anche su tremila punti gratuiti di connessione a Internet distribuiti sul territorio ed assistiti da personale specializzato. Si nota anche un interessante incremento dei pagamenti dei tributi attraverso la rete telematica. Si potrebbe pensare che tutto questo sia soltanto all’interno di una logica di servizio, ma in realtà fa parte di più ampie sinergie attivate all’interno di una strategia di sviluppo molto coerente e solida. Infatti il SII si impegna contemporaneamente su altri fronti coinvolgendo, all’interno della più ampia dinamica riformista, diversi soggetti sociali.
Imprese e investimenti
Molto interessante e concreta è anche la scelta di creare un portale tributario dedicato agli investimenti delle imprese straniere in Cile e raggiungibile dal sito Internet dell’Amministrazione finanziaria. Questo spazio, che fa parte di un complesso di attività dedicate anche alla piccola e media impresa interna assistita peraltro anche attraverso un portale dedicato, offre tutte le notizie necessarie, anche in lingua inglese, agli investitori stranieri in territorio cileno. E’ possibile acquisire informazioni sulla normativa generale, la giurisprudenza, gli accordi contro le doppie imposizioni e tutta la documentazione per poter sviluppare un’ impresa in territorio cileno, indicazioni più specifiche e tecniche sulle modalità per avviare una attività, per presentare le dichiarazioni e pagare le imposte. Non manca, anche in questo caso, un piano di assistenza specializzata sia a livello telefonico che fisico, anche questo in lingua spagnola e in inglese.
Nel corso della cerimonia di inaugurazione del portale dedicato agli investitori stranieri, il direttore del SII, Juan Toro, ha dichiarato che l’obiettivo del Cile in questo settore è di diventare il Paese Piattaforma Regionale ossia una piazza specializzata nel captare l’attenzione degli investitori globali che potranno coordinare e dirigere i loro affari dal Cile e in tutta l’America del Sud. La trasparenza e la stabilità del sistema tributario cileno hanno anche reso possibile il prossimo ingresso del Cile nell’Ocde (Comité de Asuntos Fiscales y del Centro de Política y Administración Tributaria) struttura formata da trenta Stati compresa l’Italia.
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/articolo/modernizzazione-del-cile-passa-anche-fisco