Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Dal mondo

Olanda: la tassa sulle banche
fa capolino col "solleone"

Il governo olandese ha presentato una proposta di legge per introdurre una tassa sulle banche a partire dal 1° luglio

mulino e tulipani
Il governo ha intenzione di introdurre un prelievo fiscale allo scopo ricevere una qualche forma di compensazione per la garanzia implicita fornita agli istituti di credito nel caso in cui si profili la necessità di salvaguardare la stabilità finanziaria del sistema creditizio. Il prelievo bancario mira anche a rafforzare il sistema finanziario per essere maggiormente in grado di controllare i rischi che potrebbero essere sostenuti dalle banche operanti nei Paesi Bassi. La tassa sarà applicata alle persone giuridiche che conducono attività bancarie in Olanda e quindi ad esempio, imprese/enti residenti nel Paese che operano come banche, incluse le succursali residenti olandesi di banche non olandesi e le imprese non olandesi residenti che operano come banche in Olanda tramite una filiale o una licenza bancaria. Se una banca residente non olandese offre esclusivamente servizi di internet banking, non è soggetta alla nuova imposta.   Struttura della tassa  Il prelievo entrerà a regime dal 1°luglio di questo anno. Fonti governative hanno stimato che gli introiti legati alla nuova tassa dovrebbero portare nelle casse dell’Erario 300 milioni di euro. La base imponibile prende in considerazione l’importo del bilancio totale che risulta alla fine del precedente anno finanziario. Per le imprese bancarie con un bilancio totale che eccede la soglia dell’efficienza, l’importo tassabile è pari alla somma del bilancio totale, meno la somma della soglia dell’efficienza, degli originari fondi,  dei depositi che sono coperti dallo schema di assicurazione dei depositi.   Le modalità di tassazione Ai fini della tassa, l’importo tassabile è diviso in due parti che tengono conto della proporzionalità tra i debiti a breve termine (di durata inferiore a un anno) e i debiti a lungo-termine (di durata superiore a un anno). I debiti a breve termine scontano un’aliquota pari allo 0,022%, mentre quelli a lungo termine un’aliquota pari allo 0,011%. La tassa sulle banche sarà applicata tramite l’autotassazione. Il prelievo bancario deve essere incluso nella dichiarazione dei redditi della banca ed è dovuto il primo giorno del decimo mese di calendario dopo la fine dell'anno di riferimento.  
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/articolo/olanda-tassa-sulle-banche-fa-capolino-col-solleone