Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Dal mondo

Singapore, pronto il Budget 2018.
Obiettivo, incrementare il gettito

Il ministro delle Finanze Heng Swee Keat ha presentato il pacchetto. La Goods and services tax sale dal 7 al 9%

Thumbnail
Una finanziaria che pone le basi per lo sviluppo di Singapore nei prossimi dieci anni. Così Heng Swee Keat, ministro delle Finanze della città stato sullo stretto di Malacca, ha presentato il Bilancio 2018. “Dobbiamo prepararci - ha detto lo scorso 19 febbraio davanti al Parlamento - a tre grandi sfide: lo spostamento del peso economico globale verso l’Asia, l’emergere di nuove tecnologie e l’invecchiamento della popolazione”.
Il Budget 2018, nelle intenzioni del Governo, mira a promuovere un’economia dinamica e innovativa, a sostenere lo sviluppo di una città intelligente e vivibile e a favorire coesione e solidarietà sociale. E, soprattutto, a garantire i presupposti per un futuro fiscalmente sostenibile.

Più 2% per l’aliquota Iva
“Occorre rafforzare il nostro gettito fiscale e gestire con attenzione l’aumento della spesa”, ha detto il ministro. La situazione di bilancio è sana - ha spiegato - tuttavia “si prevede un aumento della spesa in settori come l’assistenza sanitaria, le infrastrutture, la sicurezza e l’istruzione”. Per garantire le entrate necessarie, l’aliquota dell’Imposta sui beni e servizi (Goods and services tax, Gst, simile alla nostra Iva) sarà aumentata di due punti percentuali, dal 7% al 9%, tra il 2021 e il 2025. Dal 1° gennaio 2020, l’imposta colpirà, tramite il meccanismo dell’inversione contabile, anche i servizi b2b acquistati da fornitori esteri (come per esempio consulenze, app e musica). Per migliorare la progressività del sistema fiscale, l’imposta di registro sugli immobili sarà portata dal 3% al 4%. Più 10%, infine, per le accise sul tabacco.

Le misure pro-imprese
Lo scorso anno, l’economia di Singapore è cresciuta del 3,6%. Sono cresciuti anche produttività e redditi. In particolare, il reddito mediano reale per i singaporiani è aumentato del 5,3%. “Si tratta delle cifre più alte dal 2010”, ha fatto sapere il Governo, pur non sottovalutando il fatto che alcune imprese continuano ad essere preoccupate per i costi di business. Per questo, la finanziaria 2018 proroga fino al 2020 il Wage credit scheme (Wgs), cioè il co-finanziamento degli aumenti salariali concessi ai singaporiani con redditi mensili lordi fino a 4mila dollari. Il ministro delle Finanze ha inoltre annunciato che saranno prorogati fino al 2019 gli sgravi relativi alla tassa sul reddito delle società. Un sospiro di sollievo anche per le imprese che impiegano lavoratori stranieri nei cantieri navali: il previsto aumento della tassazione sui foreign workers slitterà di un altro anno. E ancora: fino al 2025, le aziende che investono in innovazione potranno contare su detrazioni fiscali più elevate. Nello specifico, aumenta dal 150 al 250% la detrazione fiscale sulle spese sostenute per attività di ricerca e sviluppo svolte a Singapore e dal 100 al 200% quella prevista per le tasse di registrazione sulla proprietà intellettuale. Continuerà infine il programma Career trial, finalizzato a sostenere la riqualificazione professionale dei lavoratori nei settori con più alto potenziale di crescita. 

Tutela dell’ambiente e più solidarietà sociale
“La tutela dell'ambiente è sempre stata parte del nostro Dna nazionale”, ha spiegato ancora Heng Swee Keat, ottavo ministro delle finanze dall’indipendenza. “Continueremo a fare di Singapore una casa migliore in cui vivere, lavorare e giocare”. In effetti, un capitolo corposo del pacchetto è riservato alle misure per la qualità della vita e la tutela dell’ambiente. Sarà introdotta una carbon tax di 5 dollari per tonnellata di emissioni di gas serra per tutti gli impianti che ne producono 25mila o più in un anno. Al contempo, saranno stanziati fondi per rafforzare il sostegno alle imprese che investono sull’efficienza energetica. Un capitolo a parte occupano le misure per le famiglie. Più sostegno e per quelle a basso reddito e aliquote agevolate per i nuclei bisognosi di assistenza. Il Governo mira inoltre a supportare gli studenti meno abbienti e a stare al fianco delle persone anziane, anche attraverso un potenziamento delle reti sul territorio. Infine, sarà prorogata fino al 2021 la detrazione fiscale per le donazioni a favore di istituzioni di carattere pubblico.
“Per l’esercizio 2018 si prevede un avanzo”, sono le conclusioni del Governo. In base alla Costituzione, Singapore è tenuta a mantenere i conti in pareggio per ogni mandato. Il bilancio viene preparato per ogni esercizio finanziario, che inizia il 1° aprile di ogni anno e termina il 31 marzo dell’anno successivo.
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/articolo/singapore-pronto-budget-2018-obiettivo-incrementare-gettito