Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Dal mondo

In Spagna è tempo di dichiarazione:
assistenza telefonica e via app

La precompilata è disponibile per quasi 20 milioni di contribuenti sulla piattaforma digitale “Renta web”

Thumbnail
È iniziata da pochi giorni anche in Spagna la nuova stagione dichiarativa fiscale 2018. Dal 4 aprile, infatti, i contribuenti spagnoli possono accettare o modificare la propria dichiarazione dei redditi precompilata e inviarla all’Agencia Tributaria. Le novità di quest’anno riguardano i due canali di assistenza messi a disposizione dell’Amministrazione finanziaria: una nuova app mobile, che permetterà di presentare la dichiarazione dei redditi “con un click” e il servizio “Le Llamamos”, destinato all’assistenza telefonica per i contribuenti meno avvezzi alle nuove tecnologie. Rispetto allo scorso anno, inoltre, la messa a disposizione della dichiarazione stessa è stata anticipata, in modo da dare ai contribuenti più tempo per prepararsi e inviare la precompilata già nei primi giorni di apertura della piattaforma.
 
I numeri della dichiarazione precompilata spagnola
A pochi giorni da quando la dichiarazione è stata resa disponibile, oltre un milione di contribuenti spagnoli ha già effettuato l’accesso alla piattaforma “Renta web” per visualizzare i propri dati fiscali. Il numero di dichiarazioni che quest’anno dovrebbero essere presentate si aggira sui 20 milioni, 217mila in più rispetto allo scorso anno. Di queste dichiarazioni si stima che circa 13.774.000 daranno diritto a un rimborso, per una spesa pari a 9.468 milioni di euro, mentre 5.246.000 andranno a debito, con importi da pagare per un totale di 9.621 milioni di euro. Il termine ultimo per la presentazione della propria dichiarazione è, invece, fissato al 2 luglio prossimo.
 
Il sistema “Renta web”
Tutti i servizi legati alla dichiarazione precompilata funzionano grazie a un’unica piattaforma chiamata “Renta web”, tramite cui è possibile accedere ai dati fiscali più aggiornati, riprendere una proposta di dichiarazione precompilata, aprire nuove sessioni di lavoro da qualsiasi dispositivo e in qualsiasi momento, ecc. Nonostante l’impegno nell’includere correttamente più dati possibili, l’Agenzia tributaria consiglia comunque di controllare le informazioni precompilate, in particolare quelle relative agli immobili e ai riferimenti catastali, alle condizioni personali e familiari (se cambiate nel corso del 2017), alle locazioni, ai contributi a piani pensionistici, alla percezioni per sussidi, alle deduzioni e alle detrazioni.
 
La nuova app dell’Agencia tributaria spagnola
Più di 4.850.000 contribuenti spagnoli quest’anno potranno inviarla al Fisco con un semplice click, sfruttando la nuova applicazione dell’Agencia tributaria, disponibile per smartphone e tablet. Si tratta di coloro che hanno una dichiarazione dei redditi molto semplice. L’app funziona con i due sistemi operativi più diffusi, ovvero Android e iOS, e si stima che possa essere scaricata potenzialmente su più di 44 milioni di device.
La nuova applicazione del Fisco spagnolo può supportare fino a 20 profili utente, ciascuno con il suo numero di riferimento: in questo modo è possibile gestire le dichiarazioni anche dei parenti o gestire in maniera più semplice le dichiarazioni congiunte.
Oltre ai contribuenti che possono inviare la dichiarazione con un solo click, l’app è comunque utile anche agli altri contribuenti per visualizzare i propri dati fiscali, ricevere notifiche push da parte del Fisco, ecc.
 
Il servizio “Le Llamamos
L’amministrazione finanziaria spagnola ha attivato anche un servizio di assistenza telefonica, per rispondere alle esigenze di un’altra tipologia di contribuenti che ha meno dimestichezza con le nuove tecnologie digitali. Il target individuato è stato quello degli 860mila contribuenti che lo scorso anno si sono rivolti agli uffici dell’Agenzia, limitandosi ad accettare la dichiarazione senza apportare cambiamenti. Da quest’anno, grazie al servizio “Le Llamamos” i cittadini possono fissare un appuntamento via internet o telefono, a intervalli di 15 minuti, tra le 9 e le 20.30, in cui un operatore fornirà assistenza relativamente alle informazioni necessarie per poter presentare la propria dichiarazione dei redditi in maniera semplice e in tranquillità.
 
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/articolo/spagna-e-tempo-dichiarazione-assistenza-telefonica-e-via-app