Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Dal mondo

Svizzera, sul "soldo del pompiere"
spento il fuoco del fisco

Il Consiglio federale favorevole a esentare da imposta sui redditi anche la "paga"dei vigili del fuoco non professionisti

Thumbnail

Parificare ai fini dell'imposta federale diretta e delle imposte cantonali sul reddito la paga corrisposta al vigile del fuoco non di professione a quello del militare di leva e di chi opta per il servizio civile. È l'obiettivo di una mozione presentata nel 2004 a cui, dopo una lunga procedura di consultazione, il Consiglio federale elvetico ha dato il proprio parere positivo. Spetta ora al Dipartimento federale delle finanze elaborare un progetto di legge e modificare alcuni aspetti dell'attuale normativa. La nuova legge è chiamata a risolvere anche il problema del finanziamento delle attività dei pompieri abolendo l'attuale disparità nella ripartizione dei costi delle due categorie (professionisti e volontari) che non corrisponde a una differenza qualitativa nel servizio offerto.
 

La normativa vigente
Sono due i riferimenti legislativi che considerano proventi esenti da imposta federale e cantonale sul reddito il soldo del servizio militare e civile e l'importo giornaliero per le piccole spese versato al servizio civile. La prima è legge federale sull'imposta federale diretta (LIFD) e la seconda è quella sull'armonizzazione delle imposte dirette dei Cantoni e dei Comuni (LAID). Entrambe non considerano invece provento esente il "soldo dei pompieri di milizia", cioè dei vigili non professionisti. Con il pronunciamento del Consiglio federale, ai fini dell'imposta federale diretta e delle imposte cantonali sul reddito, il soldo dei pompieri dovrà essere equiparato quello corrisposto per il servizio militare e all'importo giornaliero per le piccole spese versato al servizio civile.
In questo senso trova accoglimento una mozione presentata 2004 con cui si chiedeva una modifica della legge federale del 14 dicembre 1990 sull'imposta federale diretta (LIFD) e della legge federale del 14 dicembre 1990 sull'armonizzazione delle imposte dirette dei Cantoni e dei Comuni (LAID).

Obbligo di prestare servizio nei vigili del fuoco
Con le sole eccezioni dei Cantoni di Zurigo, Ginevra e Ticino, in tutta la Svizzera per uomini e donne vige l'obbligo di prestare servizio nel corpo di milizia dei vigili del fuoco o versando una tassa annuale d'esenzione. L'entità della tassa annuale sostitutiva è disciplinata a livello comunale ed è molto differenziata mentre l'età, la condizione fisica e psichica (resistenza allo stress) sono elementi determinanti per valutare la capacità di adempiere all'obbligo.

Assenza di una definizione giuridica
In Svizzera il settore dei pompieri è disciplinato a livello cantonale e la competenza è delegata ai Comuni. Di conseguenza non esiste una definizione uniforme del concetto di soldo dei pompieri. Con una sentenza del 19 marzo 2004 il Tribunale amministrativo del Cantone di Friburgo, ad esempio, ha stabilito che il "soldo dei pompieri e le indennità analoghe sono esclusi dall'imposta per definizione e non in virtù di una speciale norma legislativa purché possano essere considerati come mere compensazioni di costi. Gli importi che vanno al di là di questo limite non costituiscono compensazioni di costi ma reddito accessorio". Il Tribunale federale svizzero, invece, ritiene che sia il soldo per un esercizio, sia quello per un intervento effettivo rientrano della nozione di "indennità analoghe al soldo nei servizi pubblici antincendio  e non costituiscono un reddito da attività lucrativa (salario determinante)".
Per questi motivi il Consiglio federale, nella sua proposta di esenzione fiscale del soldo dei pompieri, tiene conto dei compiti fondamentali dei pompieri di milizia. Sarà esentato da imposta il soldo che viene versato per il salvataggio di persone e animali, per la lotta contro gli incendi, i sinistri in generale e i danni causati dagli elementi naturali. Saranno esenti da imposta anche i pagamenti del soldo per altri lavori necessari all'adempimento di questi compiti fondamentali come il servizio di picchetto, la partecipazione a corsi e ispezioni. Ad essere escluse le indennità di funzione, gli importi forfetari per i quadri, le indennità per i lavori amministrativi che continuano a essere tassati come reddito accessorio. Le indennità versate ai vigili del fuoco di professione continuano invece a essere imponibili.

Sicurezza e protezione della popolazione in Svizzera
La Costituzione federale della Confederazione Svizzera prescrive che la Confederazione e i Cantoni provvedano alla sicurezza del territorio e alla protezione della popolazione nei loro rispettivi ambiti di competenze. La sicurezza della popolazione è garantita da un sistema di protezione che riunisce cinque organizzazioni partner. La polizia, i pompieri, i servizi di sanità, tecnici e la protezione civile.

URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/articolo/svizzera-sul-soldo-del-pompiere-spento-fuoco-del-fisco