Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Dal mondo

Tunisia: in cinque mesi +16%
per le entrate tributarie

Il dato, pubblicato nei giorni scorsi, evidenzia un balzo in avanti rispetto ai valori dello stesso periodo 2013

Thumbnail
Le entrate tributarie della Tunisia hanno registrato un aumento del 16,1% nei primi cinque mesi del 2014, se confrontate con lo stesso periodo del 2013 e raggiungono 7.613 milioni di dinari tunisini (pari a 3.333 milioni di euro) contro i 6558 dell’anno scorso, secondo gli indicatori del ministero dell’Economia e delle Finanze.
 
Aumento delle entrate nella nuova legge finanziaria 
L’ Assemblea nazionale costituente (Anc) tunisina ha adottato la legge di finanza complementare per l'anno fiscale 2014 entrata in vigore lo scorso 28 agosto. Questa legge prevede la mobilizzazione di 18.897 dinari di entrate tributarie nel 2014, in aumento del 7,8% rispetto all’anno precedente. L’insieme delle entrate fiscali raccolte fino a maggio 2014 che proviene dal sistema fiscale onshore (sistema che prevede di pagare l'imposta sul capitale e sull'utile) si attesta sui 5804 dinari tunisini contro i 1808 provenienti dal sistema offshore, valido per le società senza sede operativa.
Riguardo alla raccolta delle imposte dirette, queste ultime raggiungono i 3.431 milioni di dinari tunisini contro i 4.181 delle imposte indirette. Le imposte dirette si ripartiscono tra i 1.714 milioni di dinari provenienti dalle imposte sui redditi e 1.716 milioni di dinari delle imposte sulle società con aumenti rispettivamente dell’11,5% e del 41%. Le imposte sul reddito hanno registrato un aumento del 9,6%, arrivando a 1.714 milioni di dinari, in confronto con lo stesso periodo dell’anno precedente. Queste imposte dovranno aumentare ancora durante questa fase che vede l’entrata in vigore della misura relativa alla trattenuta sui redditi e sulle pensioni. La misura si inscrive all’interno del contributo alla variazione congiunturale ed eccezionale del budget dello Stato e permetterà di movimentare 320 milioni di dinari tunisini in più a beneficio del budget. Per quel che riguarda le entrate ricavate dall’Iva, sono stimate alla fine dei cinque primi mesi di quest’anno in 2.080 milioni di dinari contro i 1.800 milioni dell’anno scorso. Le misure fiscali previste dalla legge di finanza complementare dovrebbero contribuire allo Stato risorse fiscali pari a 740 milioni di dinari.
 
Tunisia verso una nuova tranche di credito dell’Fmi
Il Fondo Monetario Internazionale ha annunciato di recente il completamento della revisione del programma di prestiti destinato alla Tunisia. Il consiglio di amministrazione del FMI ha disposto il versamento immediato di 217,5 milioni di dollari come nuova tranche del proprio credito precauzionale. L’ente, infatti, ha osservato che le riforme strutturali del Paese sono sensibilmente aumentate e che passi significativi sono stati compiuti per ridurre la vulnerabilità del settore finanziario, compresa la riforma bancaria. Il consolidamento del bilancio dello Stato è essenziale per la stabilizzazione macroeconomica e per migliorare il clima degli investimenti. Inoltre, nonostante le difficoltà registrate nel 2013, il sistema fiscale tunisino ha contribuito alla tenuta degli equilibri finanziari e alla stabilità della pressione fiscale, pari al 21%.
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/articolo/tunisia-cinque-mesi-16-entrate-tributarie