Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Dal mondo

Vietnam: al via progetto industriale
grazie anche alla leva fiscale

Gli esperti del settore lo hanno definito come il più grande investimento straniero realizzato nella provincia

Thumbnail
Ingrana il progetto del più grande investimento cinese in Vietnam. A beneficiarne sarà la provincia vietnamita di Quang Ninh. Il gruppo tessile cinese TexHong ha infatti iniziato la costruzione di una installazione industriale per la produzione di fibra tessile nella città di Mong Cai con un investimento di 330 milioni di dollari.
La fabbrica, grazie al più grande investimento straniero fino ad oggi realizzato nella provincia vietnamita del nord, sarà edificata su una estensione di 40 ettari nella zona industriale di Hai Yen.
Una volta in funzione, nel terzo trimestre del 2013, l’istallazione avrà una capacità di produzione di 140 mila tonnellate all’anno e creerà impiego per 7 mila lavoratori locali.

Agevolazioni e regime fiscale
Agevolazioni fiscali e concessione di terreni a condizioni privilegiate Sono alcuni dei fattori chiave delle strategie di attrazione commerciale su cui il governo vietnamita, a partire dal 2006, ha puntato  per favorire gli investimenti da parte dei gruppi esteri. In particolare con l'approvazione della Investment law, del 2006, che ammette gli operatori vietnamiti e quelli stranieri allo stesso regime di incentivi. Tra le novità anche l’applicazione di una tassa sui redditi d’impresa calcolata, con un’aliquota preferenziale e applicabile per un numero di anni variabile tra dieci e quindici; esenzioni dalle tasse sui redditi d’impresa per un periodo tra due e quattro anni da quando l’investimento diventa redditizio e un abbattimento dell’aliquota del 50% per un periodo compreso tra tre e nove anni. Infine c’è da segnalare che le imprese straniere e quelle vietnamite sono sottoposte allo stesso regime fiscale.

La banca inglese HSBC prevede una crescita economica
La banca d'affari britannica HSBC in un report, pubblicato di recente, prevede per il commercio vietnamita una crescita del 187% nel periodo 2012-2015, quasi il doppio di quello mondiale. La nazione indocinese raggiungerà un incremento annuale dell’8,2% nei prossimi cinque anni e dopo manterrà un ritmo di sviluppo simile fino al 2021, fino a diminuire al 5,3% nel periodo 2022-2026.
Secondo un rapporto informativo, sempre di HSBC, l’indice di fiducia delle imprese in Vietnam ha registrato 116 punti nei primi sei mesi del 2011 e si manterrà in futuro a un livello alto e stabile.

Anche i giapponesi in campo
Quasi in contemporanea, le autorità della provincia vietnamita del sud di Binh Duong hanno annunciato la concessione di una licenza d’impresa alla multinazionale giapponese Meiwa per realizzare una fabbrica di componentistica tecnologica. Il centro, stimato in 6 milioni di dollari, avrà una capacità annuale di produzione nell'ordine 120 milioni di chip, 8 mila robot industriali, 40 mila macchinari di ferramenta, pezzi di ricambio automobilistici di diverso tipo ed equipaggiamenti di tipo medico. La Meiwa ha annunciato che intende iniziare la produzione su scala dal 2013. A oggi la provincia di Binh Duong ha già attratto capitale straniero per 830 milioni di dollari, che equivale al 30% della cifra totale della produzione interna del Paese.

Vietnam e Thailandia insieme per la cooperazione commerciale
Vietnam e Thailandia, in occasione della prima sessione del Comitato misto per la cooperazione commerciale, hanno deciso di mettere a punto una serie di misure destinate a dare impulso a rapporti di stretta cooperazione all’interno dell’Associazione delle Nazioni del Sudest Asiatico e nei forum internazionali. In particolare sullo scambio di informazioni e sulla promozione di contatti per favorire le già buone relazioni commerciali. Secondo Vu Huy Hoang, ministro dell’Industria del Commercio del Vietnam, Bangkok è il secondo maggior socio commerciale di Hanoi  e nei primi cinque mesi di quest’anno le transazioni commerciali hanno toccato la fatidica soglia dei 3.800 milioni di dollari con un aumento del 2,1% rispetto allo stesso periodo del 2011.
Soltanto nel 2011, secondo fonti ufficiali, il valore dello scambio mercantile bilaterale ha raggiunto la cifra di 9 milioni di dollari circa con un incremento del 20,5% rispetto al 2010.

Fonti:
Argenpress – Panorama economico de Vietnam
Ice – Investire in Vietrnam
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/articolo/vietnam-al-via-progetto-industriale-grazie-anche-alla-leva-fiscale