Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Notizie flash

Colombia: presentato in bozza
il progetto di riforma fiscale

Molte sono le novità a fronte di interventi che potrebbero generare maggiori risorse

Thumbnail
Dopo vari ripensamenti, ritardi e modifiche dell’ultim’ora, mercoledì 19 ottobre il Governo colombiano ha presentato una proposta di legge con l’ambizioso progetto di riformare il sistema tributario del Paese.
 
Il testo, incardinato con urgenza al Congresso della nazione sudamericana dal ministro delle Finanze colombiano Mauricio Cárdenas, probabilmente non avrà vita facile. Le misure previste non sono popolari, e sono fortemente avversate da una parte del Paese. Nelle ultime settimane una parte della campagna referendaria delle forze che si opponevano all’accordo di pace con le Farc si è giocata anche sul rifiuto dell’annunciata riforma fiscale. I nemici del presidente Santos, a cominciare dal suo predecessore Álvaro Uribe, hanno giocato volutamente in maniera ambigua la propria partita sui due No.
 
D’altro canto, per i suoi sostenitori la riforma tributaria contiene elementi che potrebbero generare maggiori risorse da destinare alla spesa sociale. Le principali proposte sono il carcere per gli evasori e l’aumento dell’aliquota ordinaria dell’Iva di tre punti percentuali. L’imposta sul valore aggiunto passerebbe quindi dall’attuale 16% al 19%. 
 
Per quanto riguarda il primo punto, le pene da istituire per i reati tributari varierebbero tra i 4 e 9 anni e la soglia minima per attivare un procedimento penale sarebbe 100 milioni di pesos, al di sotto del quale resterebbero applicate le sanzioni amministrative.

In campo Iva, invece, secondo le stime governative, nel 2017 l’innalzamento dell’imposta porterebbe maggiori entrate per 8,2 miliardi di pesos. Cárdenas ha assicurato che d’altro canto per i farmaci e i beni alimentari di prima necessità continueranno a essere esenti dal tributo.
 
Anche un’altra novità molto discussa, il monotributo sostitutivo delle varie imposte che gravano attualmente sulle piccole attività commerciali, entrerà in vigore nel 2017.
 
La riforma prevede anche il potenziamento del contrasto all'evasione e all'elusione fiscale. Sono previste modifiche operative che incideranno sul funzionamento dell’Agenzia delle Entrate colombiana (la Dian), e novità in materia di controlli sull'evasione internazionale. Da questi interventi, il Governo si aspetta maggiori entrate per 3,6 miliardi di pesos nel 2019 e di 7,2 miliardi nel 2022.

Un altro punto contenuto nelle 183 pagine del disegno di legge riguarda le modifiche previste per i percettori di redditi maggiori a 2,7 milioni di pesos (circa 840 euro). Dal momento dell’approvazione del progetto di riforma, anche questi soggetti dovranno presentare la dichiarazione dei  redditi.  
 
Infine, nell'ambito della riforma strutturale il Governo propone una tassa sulle bevande zuccherate (dell’importo di 300 pesos per ogni litro). Tra le ragioni che giustificano il nuovo prelievo, disincentivare il consumo di prodotti nocivi per la salute, come accade per il tabacco e i liquori.
 
Alejandro Gaviria, Ministro della Salute e della previdenza sociale, ha dichiarato che il maggior gettito derivante dalla riscossione di queste imposte verrà utilizzato interamente per finanziare la spesa sanitaria.
 
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/notizie-flash/articolo/colombia-presentato-bozza-progetto-riforma-fiscale