Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Notizie flash

Fatca: ok all’accordo fiscale
tra gli Stati Uniti e Panama

Via libera alla cooperazione e alle informazioni sugli account di cittadini americani

Thumbnail
L’Internal Revenue Service, l’Agenzia americana delle Entrate, potrà ottenere informazioni sugli account dei cittadini americani aperti a Panama.
 
Il governo panamense raccoglierà gli elementi necessari all’identificazione dei cittadini statunitensi, compresa la seconda nazionalità, e di coloro i quali abbiano la residenza negli Stati Uniti. Quello americano, a sua volta, si impegna ad ottenere tutte le notizie in merito ai conti gestiti da istituti finanziari statunitensi detenuti da residenti della Repubblica di Panama e a scambiarle con il governo panamense.
 
La stipula di questo accordo intergovernativo testimonia la volontà del governo degli Stati Uniti d’America e della Repubblica di Panama di voler costruire un rapporto in materia di cooperazione fiscale e di voler contrastare in maniera concreta il fenomeno dell’evasione.
 
La nuova collaborazione rientra nell’ambito delle iniziative realizzate per l’applicazione e il potenziamento del Foreign Account Tax Compliance Act (FATCA), la legge con cui le istituzioni finanziarie in tutto il mondo sono invitate a fornire annualmente all’autorità fiscale statunitense dei rapporti sui conti degli americani all’estero.
 
Il FATCA è stato istituto negli USA il 18 marzo 2010 con l’obiettivo di identificare coloro che possano evadere le tasse tramite investimenti effettuati attraverso istituti finanziari o altri enti stranieri. La legislazione fiscale americana, infatti, prevede che i contribuenti compilino la propria dichiarazione, indicando tutti i redditi percepiti nell’anno fiscale - compresi quelli prodotti in Stati esteri - anche nel caso in cui siano fiscalmente residenti in un altro Paese, al di fuori degli Stati Uniti.
 
L’implementazione di questa normativa è solitamente regolata da accordi intergovernativi (IGA - Intergovernmental Agreement) negoziati da ciascun Paese con gli Stati Uniti. Questi IGA rendono obbligatorie la raccolta e la segnalazione delle informazioni bancarie e finanziarie all’autorità fiscale nazionale, che li trasmette a sua volta all’Internal Revenue Service, o la segnalazione direttamente a quest’ultima, a seconda della tipologia di accordo sottoscritto.
 
Sono oltre 400 le istituzioni finanziarie di Panama che hanno dato l’approvazione per condividere le informazioni dei loro titolari di conto corrente con il Tesoro americano. Per effetto dell’intesa, saranno condivise tutte le informazioni relative al 2014 e agli anni successivi. I dati, tutti altamente riservati, dovranno essere scambiati entro nove mesi dalla fine dell’anno civile al quale si riferiscono e dovranno essere utilizzati ai soli fini fiscali. 
 
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/notizie-flash/articolo/fatca-ok-allaccordo-fiscale-stati-uniti-e-panama