Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Notizie flash

Osservatorio fiscale europeo,
l'Ue vara il nuovo organismo

Obiettivo: sostenere le politiche contro l’evasione e l’elusione fiscale

Thumbnail

Politiche, norme e regolamenti in materia fiscale sempre più all’avanguardia in modo da intercettare e porre così un freno a meccanismi e congegni elusivi anch’essi sempre più complessi e in continua trasformazione. E’ per raggiungere questa finalità che l'Unione Europea ha creato oggi un organismo di monitoraggio, un Osservatorio esattamente, per aiutare a guidare l’elaborazione e la definizione delle politiche comunitarie indirizzate al contrasto dell'evasione e dell'elusione fiscale. In particolare, il nuovo centro d’intelligence fiscale sarà guidato dall’economista francese, Gabriel Zucman, noto per le sue analisi e ricerche in materia di paradisi fiscali per le imprese e sull'accumulo, la distribuzione e la tassazione della ricchezza globale. Peraltro, nel 2018, Zucman ha ricevuto il premio come miglior giovane economista in Francia, proprio in riconoscimento della sua ricerca sull'evasione e sull'elusione fiscali e le relative conseguenze economiche. Attualmente è professore associato di economia presso la University of California, Berkeley.

Mission e composizione del neonato Osservatorio
Con sede presso la Paris School of Economics, e in contatto diretto con il Parlamento europeo, sponsor centrale dell’operazione, l’Osservatorio sarà finanziato dall'Unione europea. La sua mission istituzionale consisterà nel sostenere la definizione delle politiche dell'Ue attraverso una ricerca all'avanguardia, l'analisi e la condivisione dei dati, rappresentando una fonte di riferimento per la creazione di idee nuove per lottare contro l'elusione fiscale, oltre ad occupare un ruolo centrale a livello internazionale per lo studio d’una nuova tassazione in un mondo globalizzato. L'Osservatorio sarà pienamente indipendente nello svolgimento della sua attività di ricerca, fornendo informazioni obiettive ai decisori politici ed utilizzando il suo “potere” di proposta avanzando e presentando iniziative in grado di affrontare meglio l'evasione e l'elusione fiscali nonché la pianificazione fiscale aggressiva. Naturalmente, oltre a Zucman, prenderanno parte ai lavori dell’Osservatorio un nutrito numero di accademici.

Il neo-Osservatorio e la global minimum tax
Non sfugge il fatto che il varo dell’Osservatorio fiscale europeo coincide con il rafforzarsi della spinta globale che si fa strada per cambiare il trattamento fiscale dei ricavi delle multinazionali, soprattutto di quelle che operano nel settore digitale e dell’high-tech. In particolare, il nuovo impulso verso un accordo internazionale in corso di negoziazione presso l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, Ocse, è stato alimentato dalle proposte avanzate di recente dall’Amministrazione del presidente Usa, Joe Biden, che includono una tassa minima globale per le società di almeno il 15 per cento.

URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/notizie-flash/articolo/osservatorio-fiscale-europeo-lue-vara-nuovo-organismo