Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Notizie flash

Spagna: dalla riforma della PA
primi risparmi per 10 mld di euro

A indicarlo è stato il premier Rajoy nel rapporto del CORA presentato all'assemblea annuale

Thumbnail
Il risparmio accumulato con il piano di riforme dei servizi per la Pubblica Amministrazione ammonta a tutt' oggi a un totale di 10 miliardi di euro, di cui 2,69 riguardano il Governo centrale, 5,54 miliardi i governi regionali e 2,2 miliardi gli enti locali. Ad annunciarlo è stato il premier Rajoy in occasione della presentazione della relazione annuale della Commissione per la riforma dei servizi della Pubblica Amministrazione (in acronimo CORA).
 
Il premier ha anche sottolineato che la piena attuazione delle misure proposte si tradurrà in un risparmio globale di 37,6 miliardi di euro, di cui  “si avvantaggeranno quei cittadini che mantengono i servizi della Pubblica Amministrazione attraverso la tassazione”. Una delle ragioni per cui, ha ricordato Rajoy, “il Governo ha deciso di intervenire sul livello di imposizione fiscale anche se in una situazione complessa come quella attuale".
 
Oltre ai risultati raggiunti nella attuazione di questo primo stock di riforme, Rajoy ha annunciato nuove misure per ridurre la burocrazia e semplificare le attività amministrative rendendo più facile il rapporto tra la Pubblica Amministrazione e i cittadini. I provvedimenti si inseriscono a pieno titolo, ha ricordato il premier, nel progetto riformista di cui il governo si è fatto promotore e fautore sin dall'inizio della legislatura con l’obiettivo di modernizzare la Spagna, garantire una ripresa dell’economia, ritornare a una crescita equilibrata e favorire la creazione di posti di lavoro.
 
Mariano Rajoy ha annunciato che il Consiglio dei ministri presenterà entro la fine del mese una nuova serie di interventi finalizzati a evitare le ridondanze "amministrative" e abbattere gli "ostacoli burocratici" e semplificare il rapporto con la Pubblica Amministrazione per le famiglie e le imprese. Dal progetto di riforma della legge sul sistema normativo che disciplina i servizi della Pubblica Amministrazione e le procedure comuni, sino ad arrivare alla approvazione di un manuale sulla semplificazione amministrativa, una piattaforma digitale comune per il settore pubblico che permetterà ai contribuenti di interfacciarsi con la Pubblica Amministrazione attraverso la comunicazione elettronica.
 
Il premier ha sottolineato che questo nuovo blocco di interventi permetterà di dare maggiore voce alle istanze dei cittadini e rispondere in modo più rapido ed efficiente alle richieste dei contribuenti. E questo grazie alla eliminazione di enti pubblici che, di fatto, sono superati dai tempi e non sono più necessari alla causa e che spesso, nel passato, si sono frapposti al raggiungimento deigli oboettivi creando confusione oltre a una inevitabile conflittualità di competenze. "La Spagna è un grande Paese e i grandi Paesi meritano di avere ottimi servizi di amministrazione e cittadini di prima classe, come ad esempio gli spagnoli meritano dei servizi pubblici di prima classe", ha concluso Rajoy, che ha espresso la sua gratitudine per il duro lavoro e lo spirito di dedizione di tutti coloro che lavorano per la Pubblica Amministrazione.
 
All’incontro hanno partecipato anche il direttore generale dell'Istituto Nazionale Previdenza Sociale, María Eugenia Martín, il direttore generale dei servizi della Pubblica Amministrazione, María de los Reyes Zatarain, il sindaco di Santander e presidente della Federazione spagnola delle Municipalità e Province, Iñigo de la Serna.
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/notizie-flash/articolo/spagna-dalla-riforma-della-pa-primi-risparmi-10-mld-euro