Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Notizie flash

Spagna, un fisco amico
per rilanciare il settore auto

Gli effetti della riforma tributaria al centro del salone internazionale di Barcellona

Thumbnail
Durante la partecipazione al Salone internazionale di Barcellona, il Segretario di Stato per le Finanze Ferre ha evidenziato l'effetto positivo grazie alla riforma fiscale introdotta nel settore automobilistico.

Come sottolineato dallo stesso Segretario la diminuzione del carico fiscale per singoli contribuenti e per le imprese ha l’effetto di aumentare il reddito disponibile e favorire la ripresa dei consumi anche grazie ai maggiori benefici fiscali legati alla riforma.                       
Il Segretario di Stato per le Finanze, Miguel Ferre, ha sottolineato a Barcellona l'effetto positivo che sta avendo la riforma fiscale, in vigore dal mese di gennaio, che ha dato uno slancio al settore automobilistico. "La riforma fiscale sta favorendo il settore automobilistico attraverso due canali: stimolare la domanda aumentando il reddito disponibile dei cittadini e, d'altra parte, la riduzione dei costi fiscali per le imprese, riducendo le aliquote fiscali", ha dichiarato lo stesso Ferre durante un evento tenutosi nel Salone internationale del Motor Show. Inoltre è stato stimato che l’impatto del progetto di riforma tributaria porterà una riduzione dell'imposta sul reddito tale da aumentare il reddito disponibile dei cittadini per un totale di circa 6.000 milioni di euro tra il 2015 e il 2016.

Il Segretario di Stato ha evidenziato la riduzione del tasso di imposta sul reddito delle società, riducendo i costi fiscali per le imprese a favore di nuovi investimenti volti finanche alla crescita dimensionale. Infatti, la riduzione dell’aliquota di imposta ordinaria dal 30% al 28% per quest’anno, classifica il regno di Spagna con un livello di tassazione inferiore rispetto a quello di paesi come l'Italia, la Francia o la Germania. Inoltre, il prossimo anno il tasso generale di imposta sulle società sarà ridotto al 25%.
                                                   
Quanto al capitolo degli investimenti in ricerca e sviluppo, per i quali Ferre ha evidenziato come il nuovo incentivo, incorporato nella riforma fiscale, sostiene le aziende per uno sforzo maggiore proprio negli investimenti in ricerca, sviluppo e innovazione. In numeri, gli importi stanziati hanno un valore superiore al 10% del fatturato aziendale che registrerà un aumento di circa 3-5 milioni all'anno solo monetizzando il valore della detrazione per spese in ricerca e sviluppo.         
                                                                                                                               
Una considerazione merita il nuovo trattamento fiscale riservato ai veicoli ad alta efficienza energetica, quando sono concessi dalle aziende ai propri lavoratori. Al riguardo, la riforma fiscale prevede il passaggio dei veicoli, dati come remunerazione di lavoro in natura ai lavoratori, la riduzione fino al 30% dell'imposta sul reddito, nel caso di veicoli considerati come "efficienti" da un punto di vista energetico. La riduzione è del 20% se ai lavoratori sono assegnati veicoli ibridi alimentati da motori a combustione interna che possono utilizzare combustibili fossili alternativi. La riduzione è pari al 15% per i veicoli identificati come Euro 6 (minori emissioni di CO2 a 120 g / km).
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/notizie-flash/articolo/spagna-fisco-amico-rilanciare-settore-auto