Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Notizie flash

Tasse alle tv private per sostenere la tv pubblica

La tv del Paese deve ricoprire un ruolo sociale fondante e non può operare secondo mere logiche di cassa. Bisogna abolire gli spot commerciali dalla tv pubblica francese e tassare gli utili pubblicitari dei canali privati per ridurre il deficit. Con questo proclama, alquanto "rivoluzionario", Nicolas Sarkozy ha iniziato la conferenza stampa di inizio anno 2008, tenuta all’Eliseo, prospettando un completo rinnovamento culturale del servizio radio-televisivo d’oltralpe. La tv di Stato, secondo il Presidente, deve mirare esclusivamente alla qualità e non dovrebbe funzionare soltanto con criteri mercantili e puramente commerciali. Sarkozy, quindi, ha ribadito che intende modificare profondamente i requisiti della televisione pubblica considerando la possibilità di eliminare totalmente le pubblicità dai canali pubblici. Per finanziare la televisione di Stato, poi, potrebbe essere introdotta una tassa aggiuntiva sulla raccolta pubblicitaria delle tv private e una tassa infinitesimale sul volume d’affari dei nuovi mezzi di comunicazione, come Internet o la telefonia mobile.

La situazione in Italia. Anche la Radiotelevisione Italiana come tv di Stato è obbligata (dalla legge) a produrre trasmissioni di servizio e di pubblica utilità. Per raggiungere tali obiettivi la Rai si finanzia tramite un canone annuale (una tassa sul possesso di un qualunque apparecchio atto, o confacente, alla ricezione di programmi televisivi) e mediante la pubblicità (spot, telepromozioni e via dicendo). Le tv private domestiche, diversamente, si autosostentano esclusivamente con la pubblicità (oltre ad un apposito abbonamento come nel caso delle pay tv).

La televisione britannica. La televisione inglese Bbc, invece, segue un particolare modello di autofinanziamento, basato integralmente sul canone (fra i più alti nel panorama europeo). Tale sistema consente al network britannico di possedere canali privi di qualsiasi spot pubblicitario (e una maggiore autonomia dal potere politico). Unica eccezione è rappresentata dal canale satellitare Bbc World, dove, al contrario, la pubblicità è consentita.

Reazioni in borsa. Dopo le parole di Sarkozy il valore delle azioni dell’emittente commerciale Tf1 è aumentato del 10 per cento; quello di M6 di circa il 7 per cento.
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/notizie-flash/articolo/tasse-alle-tv-private-sostenere-tv-pubblica