Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Notizie flash

Ue: con Monaco scambio informazioni
automatico a partire dal 2018

Con il via libera all'accordo con il Principato, cade in via definitiva il segreto bancario

Thumbnail
Il Parlamento europeo ha dato il via libera oggi allo scambio di informazioni fiscali con il Principato di Monaco, approvando un accordo che favorirà la trasparenza finanziaria e darà filo da torcere ai cittadini dell’Unione che nascondono denaro al fisco nei conti bancari monegaschi. Già dal 2018, gli Stati membri Ue e il Principato scambieranno automaticamente informazioni relative ai conti detenuti sui loro territori dai rispettivi residenti, partendo dai dati raccolti dal 1° gennaio 2017.
Si tratta di un importante passo avanti nella lotta alle frodi e all’evasione fiscale internazionale, che migliora notevolmente l’accordo del 2004 che garantiva l’applicazione, da parte di Monaco, di misure equivalenti a quelle contenute nella direttiva Ue relativa alla tassazione dei redditi da risparmio.
 
Cosa prevede l’accordo
Secondo l’accordo, che nasce con l’obiettivo di migliorare la cooperazione e il rispetto degli obblighi in ambito fiscale a livello internazionale, il Principato di Monaco adotterà misure rafforzate equivalenti a quelle previste dal quadro giuridico dell’Unione (tenendo conto della modifica della direttiva sulla cooperazione amministrativa, "DAC2") e si renderà conforme alle procedure per lo scambio automatico di informazioni finanziarie ai fini fiscali previste dallo standard globale dell’Ocse del 2014. I benefici dell’intesa riguarderanno anche direttamente il Principato, che ha recentemente avviato una riforma del proprio sistema fiscale nazionale, introducendo un’imposta sui redditi delle persone fisiche residenti.
Le amministrazioni dei rispettivi Stati saranno in grado di identificare correttamente ed inequivocabilmente i contribuenti interessati, applicare e far osservare la propria normativa fiscale in situazioni transfrontaliere, valutare la probabilità di un’evasione fiscale ed evitare ulteriori indagini superflue. Le informazioni scambiate, infine, non riguarderanno solo i redditi quali interessi e dividendi, ma anche i saldi di conto e i proventi delle vendite di attività finanziarie.
 
I prossimi step
Il testo dell’intesa è stato siglato il 22 febbraio scorso, da un rappresentante della Commissione europea e del governo del Principato e la firma ufficiale è prevista prima della pausa estiva, non appena sarà autorizzata dal Consiglio.
Questa collaborazione consolida il processo di miglioramento della trasparenza fiscale in ambito europeo e si inserisce nel solco già tracciato in questa direzione da accordi analoghi siglati con la Svizzera, il Liechtenstein, San Marino e Andorra.
 
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/notizie-flash/articolo/ue-monaco-scambio-informazioni-automatico-partire-dal-2018