Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Schede Paese

Antigua e Barbuda

Stato autonomo, sotto il profilo politico-istituzionale, risulta composto da due omonime isole dei Caraibi

Thumbnail
Antigua e Barbuda si trovano nel bel mezzo delle Isole Leeward nei Caraibi orientali, circa 17 gradi a nord dell'equatore. A sud vi sono sono le isole di Montserrat e Guadalupa, a nord e a ovest sono Nevis, St. Kitts, St. Barts, e Saint Martin. Antigua, la più grande delle Isole di lingua inglese, si estende su 108 miglia quadrate. Il punto più elevato dell'isola è Boggy Peak, situato nella parte sud-occidentale dell'isola. Barbuda è un'isola corallina con una superficie di appena 68 chilometri quadrati, situata a circa 30 miglia a nord che comprende anche l'isola di Redonda (0,6 chilometri quadrati) disabitata, oggi riserva naturale. La popolazione attuale è di circa 68mila abitanti.

La tassazione delle persone fisiche
Le imposte applicabili alle persone fisiche variano in base allo status del soggetto: i residenti permanenti sono soggetti a imposta onnicomprensiva per i redditi ovunque prodotti, i residenti sono soggetti ad imposta in relazione ai soli redditi di lavoro (autonomo o dipendente) e a quelli derivanti da beni di proprietà (ad esempio, canoni di locazione e royalties), mentre i non residenti lo sono per i soli redditi prodotti nelle isole. Una persona fisica è fiscalmente residente ad Antigua e Barbuda se: la sua dimora permanente è ivi situata e nell’anno precedente è stata fisicamente presente nelle isole (a prescindere dalla durata di tale presenza), o se è stato assente per ragioni legate ad esigenze mediche o educative, ovvero per esigenze di servizio legate ad incarichi governativi; oppure, se è stata fisicamente presente ad Antigua e Barbuda per almeno 183 giorni nell’anno di riferimento; ovvero, se è stata fisicamente presente nelle isole per almeno 30 giorni e detiene un certificato di residenza permanente. Sono considerate residenti permanenti le persone fisiche che dispongono di una dimora permanente ad Antigua e Barbuda, passano più di 30 giorni all’anno in tale Stato e hanno ottenuto un certificato di residenza permanente.
Gli interessi sui depositi, i dividendi e i capital gain sono esenti, insieme alle pensioni che non superano 24.000 dollari dei caraibi orientali (ECD) all’anno.
L’aliquota è pari a 0 per i redditi fino a 42.000 ECD. I redditi compresi tra 42.000 e 144.000 ECD scontano un’aliquota dell’8%, mentre quelli eccedenti 144.000 ECD sono soggetti all’aliquota del 25%. I pagamenti di somme a persone non residenti (dividendi, interessi, royalties ecc.) sono soggetti a ritenuta a titolo d’imposta nella misura del 25% .

La tassazione delle società
L’imposta sulle società si applica alle società costituite o registrate ai sensi della legislazione di Antigua e Barbuda e a quelle che vi esercitano un’attività commerciale per il tramite di un ufficio o una sede di affari.
Alcune categorie di redditi – dividendi, interessi, royalties, canoni di locazione – non confluiscono nel reddito d’impresa e sono tassate separatamente. I capital gain non sono imponibili, a meno che non rivestano carattere frequente e regolare; in tale ultimo caso, sono considerati reddito d’impresa e tassati come tali. Le distribuzioni di dividendi tra società residenti beneficiano di un credito d’imposta. In assenza di Convenzioni contro le doppie imposizioni, dividendi interessi e royalties pagati da una società residente a un soggetto non residente scontano una ritenuta alla fonte a titolo definitivo del 25%.
L’aliquota ordinaria dell’imposta sulle società è pari al 25%.
Le società costituite nella forma di International Business Companies (IBC) sono esenti. Anche le società estere che ottengono la qualificazione di IBC per operare in Antigua beneficiano dell’esenzione. Sono inoltre previsti diversi incentivi per promuovere gli investimenti ad Antigua e Barbuda o la produzione di determinati beni.
 
Le altre imposte

Imposta sulla proprietà immobiliare
L’imposta sulla proprietà immobiliare grava sui soggetti proprietari di immobili in base al valore di mercato del bene, come determinato dalle competenti autorità locali, e al suo uso. L’aliquota è pari 0,10% per i terreni agricoli, 0,20% per i terreni destinati ad uso residenziale, 0,30% per gli immobili residenziali, 0,40% per i terreni destinati ad un uso diverso da quello agricolo e 0,50% per gli immobili commerciali.

Imposta di bollo
L’imposta di bollo grava su numerosi atti giuridici. Si applica, in particolare, sul prezzo di vendita di un bene immobile, ovvero sul valore determinato dall’autorità competente, se più alto. L’imposta è dovuta sia dal cedente (con aliquota del 7,5%), sia dal cessionario (con aliquota del 2,5%). Per i soggetti che non hanno la cittadinanza locale (ovvero per le società che non sono costituite secondo la legge locale, ovvero sono controllate da soggetti che non sono cittadini), inoltre, il rilascio del permesso di detenere beni immobili situati ad Antigua e Barbuda è subordinato al pagamento di una tassa pari al 5% del valore del bene. I soggetti che non sono cittadini pagano anche un’imposta del 5% sui plusvalori immobiliari realizzati in occasione del trasferimento della proprietà di immobili antiguani.
L’imposta di bollo è dovuta anche per i trasferimenti di azioni, nella misura del 5% del loro valore di mercato (o, se più alto, del valore contabile) per i cedenti, e 2,5% per gli acquirenti.
Le IBC sono esenti dalle imposte di bollo in relazione alle operazioni effettuate nell’ambito della loro attività internazionale.

Tasse sui premi assicurativi
Per le assicurazioni sulla vita, l’aliquota è pari al 3% del premio pagato, al netto della commissione dell’agente. Per le altre polizze, con esclusione di quelle relative a veicoli a motore, l’imposta è pari al 3% del premio netto. L’imposta non si applica alle IBC.

L’imposta sul valore aggiunto
A partire dal 2007, ad Antigua vige un’imposta sulle vendite (Antigua and Barbuda Sales Tax, ABST) assimilabile alle imposte sul valore aggiunto. L’imposta grava sui consumatori finali, ma è dovuta dai soggetti passivi in relazione alle operazioni (cessioni di beni e prestazioni di servizi) effettuate. L’ABST è calcolata come differenza tra l’ammontare di imposta gravante sulle vendite effettuate nel periodo di riferimento e gli acquisti del medesimo periodo finalizzati alla realizzazione di operazioni imponibili. Sono soggetti passivi dell’ABST le persone fisiche e quelle giuridiche registrate ai fini dell’imposta. L’obbligo di registrazione grava sulle persone che hanno effettuato o è probabile che effettuino operazioni del valore di almeno 300.000 ECD in un periodo pari a 12 mesi consecutivi. Determinati enti – quali, ad esempio, gli enti governativi – devono registrarsi ai fini della ABST a prescindere dal raggiungimento della soglia di 300.000 ECD di fatturato. L’imposta grava anche sulle importazioni. Le esportazioni sono considerate operazioni imponibili con aliquota pari a zero (e, dunque, sono di fatto trattate come le operazioni non imponibili dell’IVA europea). Tra le operazioni esenti vi sono i servizi finanziari, i trasporti locali, le prestazioni mediche. L’aliquota ordinaria è 15%.
 
Dichiarazioni, obblighi strumentali e versamento delle imposte
Per le persone fisiche il periodo d’imposta coincide con l’anno solare. Le persone fisiche che hanno più di un datore di lavoro, i lavoratori autonomi, gli imprenditori individuali e i soggetti residenti che hanno redditi provenienti da più fonti devono presentare una dichiarazione mensile ed effettuare i relativi versamenti entro il 15 del mese successivo. In aggiunta, i lavoratori autonomi e che quelli che conseguono redditi da fonti diverse da un rapporto di lavoro subordinato devono presentare una dichiarazione annuale entro il 31 marzo dell’anno successivo al periodo d’imposta. Le medesime scadenze valgono per le dichiarazioni e i versamenti dovuti dai datori di lavoro in relazione alle ritenute effettuate sui redditi corrisposti ai propri dipendenti.
Anche per le società il periodo d’imposta coincide, in linea di principio, con l’anno solare, a meno che l’amministrazione finanziaria non approvi l’uso di un altro periodo d’imposta. La dichiarazione dei redditi, completa del bilancio, deve essere presentata entro tre mesi dalla fine del periodo d’imposta. In assenza, l’amministrazione finanziaria può calcolare l’imposta dovuta sulla base di stime. Le società pagano l’imposta sul reddito in acconti mensili basati sull’imposta dovuta nell’esercizio precedente. Il saldo è dovuto entro il termine di presentazione della dichiarazione.
 
 
 
Capitale: St. John’s
Lingua ufficiale: inglese
Moneta: dollaro dei Caraibi orientali (Eastern Caribbean Dollar, ECD).
Forma di governo: monarchia costituzionale (nell’ambito del Commonwealth britannico)











Fonti informative utilizzate:
  • portale del Governo di Antigua e Barbuda
  • sito della Commissione di Regolazione dei servizi finanziari 
  • portale della legislazione e dei progetti di legge di Antigua e Barbuda 
  • portale del Global Forum sulla trasparenza fiscale e lo scambio di Informazioni 



La presente Scheda ha scopi esclusivamente informativi, non impegna in alcun modo né la direzione del giornale né l’Agenzia delle Entrate.



aggiornamento: agosto 2017 (per aliquote fiscali)
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/schede-paese/articolo/antigua-e-barbuda