Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Schede Paese

Bangladesh

Confina con l’India a nord, est e ovest, a sud-est con il Myanmar, a sud si affaccia sul Golfo del Bengala

Thumbnail
L’economia registra un elevato tasso di crescita, sostenuto in particolare dalle lavorazioni di prodotti tessili per conto di grandi multinazionali. In seguito, infatti a ingenti flussi di investimenti stranieri, ha avuto grande sviluppo l’industria tessile e delle confezioni, indirizzata all’esportazione. Tuttavia, l’inflazione, i bassi salari e le dure condizioni di lavoro suscitano proteste e disordini. Inoltre, sovrappopolazione, corruzione, calamità naturali e carenze infrastrutturali rimangono rilevanti ostacoli allo sviluppo. La produzione agricola, soprattutto cerealicola, è destinata al consumo interno; la principale coltura industriale è quella della iuta. Rilevante la pesca, i cui prodotti sono in buona parte esportati. Le risorse minerarie, non adeguatamente sfruttate, comprendono petrolio, gas naturale e sale. Le principali attività industriali sono legate alla trasformazione dei prodotti agricoli (tabacco, tè, cuoio); vi sono inoltre stabilimenti chimici, petrolchimici e siderurgici, automobilistici, cantieristici, del cemento, della gomma e del vetro.
 
The National Board of Revenue (NBR)
Il Consiglio nazionale delle Entrate (NBR), istituito nel 1972, è l'autorità centrale per l'amministrazione fiscale in Bangladesh. A livello amministrativo, è sotto la Direzione delle Risorse Interne (IRD) del Ministero delle Finanze (MOF). Il Segretario dell' IRD è anche Presidente dell' NBR.
Il NBR è responsabile per la formulazione e la continua rivalutazione delle politiche e leggi fiscali, della negoziazione di trattati fiscali con i governi stranieri, fornisce al Governo consulenza tecnica nella determinazione delle politiche fiscali e dell'Amministrazione fiscale. Le attività principali del NBR sono l’accertamento e la riscossione delle entrate nazionali, principalmente, dazi, accise, IVA e imposte sul reddito, per conto del Governo.
 
Concetto di residenza e imposizione fiscale diretta
L'imposta sul reddito è dovuta sul reddito complessivo derivante da qualsiasi fonte, esclusi redditi esenti. Tuttavia, l'imposizione fiscale varia in base allo status di residenza del soggetto passivo in un anno fiscale: i contribuenti sono classificati come residenti o non residenti ai fini fiscali.
Una persona fisica è considerata residente in Bangladesh: se vi abita normalmente, se è presente in Bangladesh per un periodo pari o superiore a 182 giorni in un anno fiscale ovvero a un periodo pari o superiore a 90 giorni in un anno fiscale se vi ha già risieduto per un periodo superiore a 365 giorni nel corso dei quattro anni precedenti.
Una persona giuridica è considerata residente se: è costituita in base alla legge bengalese, la sede principale ovvero la gestione o il controllo sono in Bangladesh, se si tratta di enti pubblici o di joint venture di sviluppo immobiliare.
Il sistema fiscale del Bangladesh è informato al principio del world wide income per cui il reddito dei soggetti residenti è tassato in Bangladesh ovunque prodotto, mentre per i soggetti non residenti il reddito è assoggettato a tassazione nel Paese soltanto se deriva da fonti bengalesi. Tuttavia, i cittadini stranieri, anche se considerati residenti ai fini fiscali, sono generalmente tassati solo sul reddito da lavoro in Bangladesh e sul reddito estero derivante da fonti bengalesi.
 
 
Imposta sul reddito personale
La normativa fiscale individua sette classi di reddito imponibile:
  • salari
  • interessi su titoli
  • reddito derivante da abitazione
  • reddito agricolo
  • reddito da lavoro autonomo e d’impresa
  • plusvalenze
  • proventi da altre fonti.
In generale, tutte le remunerazioni e benefici ricevuti da un dipendente residente in Bangladesh sono imponibili. Sono compresi: stipendi, salari, bonus, provvigioni, indennità di alloggio, prestazioni di trasporto, l'indennità scolastica per i bambini, l'assistenza sanitaria e le spese mediche pagate dal datore di lavoro, ecc.
Nel 2015, il Governo del Bangladesh ha introdotto le nuove aliquote fiscali differenziate per le persone fisiche. In particolare per gli individui diversi da contribuenti di sesso femminile, i contribuenti di età pari o superiore a 65 anni, pensionati e feriti di guerra l'imposta è calcolata applicando al reddito imponibile, le seguenti aliquote progressive:


 
Reddito totale (TK) aliquota
primi 250.000 0%
successivi 400.000 10%
successivi 500.000 15%
successivi 600.000 20%
successivi 3.000.000 25%
restante importo 30%


Ai contribuenti di sesso femminile e a quelli di età pari o superiore a 65 anni sono applicate le aliquote progressive indicate nel seguente prospetto:

 
Reddito totale (TK) aliquota
primi 300.000 0%
successivi 400.000 10%
successivi 500.000 15%
successivi 600.000 20%
successivi 3.000.000 25%
restante importo 30%

Per i pensionati la soglia di reddito esente è elevata a TK.375.000 mentre per i feriti di guerra è pari a TK 425.000.

 
Corporate Tax
Nel 2017 sono state introdotte delle modifiche alle aliquote fiscali anche per le aziende, riportate nella seguente tabella:
 
Tipo di società aliquota
società quotata 25%
società non quotata 35%
banche, assicurazioni e compagnie finanziarie 42,5%
banche, assicurazioni e compagnie finanziarie (quotata) 40%
società di produzione di sigarette 45%
società di telefonia mobile 45%

Va segnalato che se una società quotata in Borsa dichiara oltre il 30% dei dividendi in contanti, l’aliquota è del 25% mentre se dichiara meno del 10% dei dividendi, aliquota è del 35%; se una società non quotata in Borsa trasferisce almeno il 20 % delle azioni del capitale sociale versato tramite IPO (Offerta Pubblica Iniziale) ha diritto al 10% di riduzione sul totale dell'imposta dovuta per l'anno del trasferimento.


Withholding Taxes (WHT)
Le ritenute sono applicate in genere ai pagamenti in favore di soggetti residenti e non residenti. Al sostituto d’imposta è affidata la responsabilità di dedurre l'imposta alla fonte da determinati redditi e di riversarla all’autorità fiscale. Il contribuente riceve un certificato dal sostituto d’imposta e, sulla base delle risultanze dello stesso, ottiene un credito di imposta. Nel seguente prospetto sono riepilogati i principali redditi oggetto di ritenuta:

Tipologia di reddito
tipologia di pagamento aliquota
interessi 20%
dividendi 20%
royalties 20%
canoni di locazione 15%
commissione per i servizi tecnici 20-30%


Obblighi strumentali, dichiarazioni, versamenti
L'anno fiscale in Bangladesh va dal 1° luglio al 30 giugno. Le persone fisiche devono presentare una dichiarazione dei redditi annuale entro il 30 settembre del successivo anno fiscale. La data di presentazione può essere prorogata fino a tre mesi dall’Autorità Fiscale su richiesta del contribuente, e di ulteriori tre mesi, su richiesta della stessa dall’Autorità Fiscale.
I datori di lavoro sono tenuti a trattenere mensilmente l'imposta sul reddito dei propri dipendenti. I datori di lavoro devono, inoltre, presentare una dichiarazione annuale che mostra retribuzione e imposta trattenuta per ciascun dipendente nell'anno fiscale.
In generale, i sostituti d’imposta devono presentare una dichiarazione separata delle ritenute alla fonte effettuate entro il 15° giorno di ottobre, gennaio, aprile, luglio, salvo proroga, fino a 15 giorni, concessa dall’Autorità fiscale
Le persone giuridiche devono presentare le dichiarazioni dei redditi entro il 15 luglio dell’anno fiscale successivo ovvero, se il quindicesimo giorno del mese di luglio cade prima della scadenza di sei mesi dalla fine dell'anno fiscale, prima della scadenza di tali sei mesi.
Ogni contribuente è tenuto a pagare le imposte in anticipo in quattro rate uguali entro il 15 settembre, 15 dicembre, 15 marzo e il 15 giugno di ogni anno, se l'ultimo reddito accertato supera i 400.000 Taka.
 
Imposizione indiretta
L’imposta sul valore aggiunto (Iva) si applica alle cessioni e alle importazioni di beni e di servizi, con un’aliquota generale del 15%.
Sono tuttavia previste delle eccezioni: l’aliquota è dell’1,5% sulle costruzioni edilizie; 2% su oro e argento; 2,25% sul trasporto di petrolio e beni correlati; 4,5% sui servizi abilitati di informazione tecnologica; 5% sulle forniture elettriche; 7,5 % sui servizi di mediazione e sponsorizzazione, ecc. Le esportazioni di beni e servizi sono ad aliquota zero (0%).
Le principali esenzioni riguardano, invece, l’istruzione, le prestazioni sanitarie, le prestazioni relative a servizi finanziari, cessioni immobiliari, beni primari, servizi veterinari, fornitura di giornali e riviste, fornitura di beni o servizi ad un’organizzazione no-profit, culturale o religiosa, beni e servizi relativi all’agricoltura, pesca e allevamento ecc.
La registrazione è obbligatoria se il valore fatturato netto annuo è pari o superiore 8 milioni di TK ovvero si preveda che il fatturato imponibile annuale raggiunga tale soglia. La registrazione è facoltativa se il fatturato annuale è al di sotto di tale soglia. Le imprese che cessano di svolgere operazioni imponibili devono annullare la registrazione chiedendone la cancellazione all’autorità fiscale.
La presentazione della dichiarazione Iva e il versamento dell’imposta, che hanno cadenza mensile, trimestrale o semestrale, devono essere effettuate entro 15 giorni della fine del periodo d’imposta determinato dall’Autorità fiscale.
 
 
Capitale: Dacca
Popolazione: 160.000.000 circa.
Superficie: 147.570 km2
Lingue: bengalese (ufficiale), inglese 
Forma istituzionale: repubblica parlamentare
Moneta: taka bengalese (TK)
Accordi bilaterali: il Bangladesh ha siglato trattati contro le doppie imposizioni con India, Malesia, Tailandia, Vietnam, Singapore, Corea del Sud, Regno Unito, Svezia, Canada, Pakistan, Romania, Sri Lanka, Francia, Giappone, Germania, Paesi Bassi, Italia, Danimarca, Cina, Belgio, Polonia, Filippine, Turchia, Norvegia, USA, Indonesia, Svizzera, Oman, Arabia Saudita, Mauritius, Emirati Arabi Uniti, Myanmar, Bielorussia e Kuwait.
 


Fonti di riferimento:
National Board of Revenue 




La presente Scheda ha scopi esclusivamente informativi, non impegna in alcun modo né la direzione del giornale né l’Agenzia delle Entrate.



aggiornamento: settembre 2017
 
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/schede-paese/articolo/bangladesh