Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Schede Paese

Ciad

Sei gli Stati confinanti con il Paese, dalla Repubblica centroafricana a Libia, Sudan, Camerun, Nigeria, Niger

Thumbnail
La Repubblica del Ciad è uno Stato dell'Africa Centrale che confina a nord con la Libia, a est con il Sudan, a sudovest col Camerun e la Nigeria, a ovest col Niger e a sud con la Repubblica Centrafricana; ha ottenuto l'indipendenza dalla Francia nel 1960.
L'economia del Ciad è basata principalmente sull’agricoltura che è praticata nelle regioni meridionali; trattasi, tuttavia, di un’agricoltura di sussistenza a cui si dedica la maggior parte della popolazione attiva. Tra i prodotti per l’autoconsumo prevalgono i cereali (sorgo, miglio e mais), la patata dolce, la manioca, i datteri, i fagioli, il sesamo; fra le colture per l’esportazione sono predominanti il cotone e la canna da zucchero. L’allevamento è diffuso nelle zone del Ciad settentrionale mentre la pesca è effettuata nel Lago Ciad e nei fiumi Chari e Logone. Le industrie sono limitate alla lavorazione dei prodotti agricoli e dell’allevamento. Tra le risorse minerarie domina il petrolio, con una raffineria a N’Djamena e un oleodotto che trasporta il greggio al porto di Kribi in Camerun, e il carbonato di sodio estratto dal lago Ciad.
 
Definizione di soggetto residente
Una persona fisica è considerata residente in Ciad se soddisfa una delle seguenti condizioni: ha la residenza permanente, come proprietario usufruttuario o affittuario; è stato presente in Ciad per un periodo di 183 giorni durante l’anno fiscale; le sue principali risorse economiche derivano da una fonte in Ciad.
Una persona giuridica è considerata residente se è costituita in forza della legge nazionale o se l’attività sociale è effettivamente esercitata in Ciad.
 
Imposta sul reddito personale
E’ tassabile il reddito derivato da qualsiasi attività lucrativa: redditi da lavoro dipendente, i redditi da lavoro autonomo o d'impresa.
In particolare, una persona fisica è soggetta all'imposta sul reddito da lavoro dipendente se è residente durante il rapporto di lavoro, indipendentemente dal fatto che l’effettiva attività lavorativa sia esercitata nel Ciad, o se il datore di lavoro si trovi o meno in Ciad. I redditi di un soggetto non residente, invece, sono imponibili se il datore di lavoro è residente o ha una stabile organizzazione in Ciad e le attività sono svolte in Ciad. È irrilevante, invece, ai fini fiscali il luogo dove il contratto di lavoro è stato firmato o remunerazioni sono pagate.
Il reddito da lavoro dipendente comprende stipendi, salari, quasi tutti i pagamenti in contanti e non, indennità e benefici derivanti dal lavoro. I benefici imponibili derivanti dal lavoro dipendente sono i seguenti:
Alloggio: il beneficio imponibile da abitazioni concesse dal datore di lavoro corrisponde al 15% del reddito da lavoro dipendente o al valore dell’affitto pagato dal datore di lavoro.
I veicoli a motore: il valore del beneficio di un veicolo a motore dal datore di lavoro è l'8%.
Acqua ed elettricità: il beneficio imponibile è pari al 6% del reddito da lavoro dipendente.
Pulizie e domestici: il beneficio imponibile è pari al 4% del reddito da lavoro dipendente.
Portierato: la base imponibile è pari al 4% del reddito da lavoro dipendente.
Gas fornito dal datore di lavoro: il beneficio imponibile è pari a 1% del reddito da lavoro dipendente.
Telefono: il beneficio imponibile è pari al 3% del reddito da lavoro dipendente.
Esenzioni specifiche includono: le pensioni; le indennità speciali concesse ai dipendenti per quanto riguarda gli oneri e le spese relative alla loro funzione, a condizione che l'importo di tali indennità non superi il 15% del salario lordo comprensivo di tali indennità; assegni familiari versati dal datore di lavoro, l'importo della franchigia per tali indennità è limitata a XAF 5.000 per ogni figlio al mese; le indennità di disoccupazione; le borse di studio; le indennità di trasporto versate a tutti i dipendenti; le stock option della società quando sono concesse a tutti i dipendenti; le mance pagate ai dipendenti che ricevono onorificenze per l’anzianità di servizio maturata o per l'eccezionale qualità dei loro servizi.
Il lavoro autonomo e reddito d'impresa comprendono tutti i redditi maturati o derivati da fonti in Ciad. Per un soggetto residente è imponibile il reddito realizzato dallo svolgimento di un’attività professionale svolta sia all'interno che all'esterno del Ciad.
Le aliquote dell'imposta sul reddito sono progressive e sono applicate al reddito globale annuo imponibile (reddito da lavoro dipendente e lavoro autonomo o reddito d'impresa) dei soggetti residenti e non residenti come indicato nella seguente tabella:
 
Reddito imponibile
superiore a fino a aliquota
0 XAF 300.000 20%
XAF 300.001 XAF 800.000 25%
XAF 800.001 XAF 1.000.000 30%
XAF 1.000.001 XAF 1.500.000 40%
XAF 1.500.001 XAF 2.000.000 45%
XAF 2.000.001 XAF 3.000.000 50%
XAF 3.000.001 XAF 6.000.000 55%
XAF 6.000.001 e oltre 60%

Corporate Tax
L'aliquota standard è del 35%. Il sistema fiscale prevede, inoltre, l’applicazione di una imposta minima su base mensile la cui aliquota è pari all’1,5% del fatturato del mese precedente. Il pagamento dell’imposta deve essere effettuato entro il quindicesimo giorno del mese successivo a quello della realizzazione  del fatturato.

Withholding Taxes (WHT)
Può trattarsi di un pagamento finale o di un acconto. I dividendi e gli interessi derivanti da investimenti in Ciad sono soggetti ad una ritenuta alla fonte nel corso dell'anno in cui sono maturati. Le aliquote fiscali relative alle ritenute applicate ai pagamenti effettuati a favore di soggetti non residenti sono indicate nel seguente prospetto:
 
Dividendi 20% 
Interessi 25%
Le commissioni di gestione e professionali, spese di formazione 25%
Locazione di immobili 20%
Servizio di telecomunicazione 25%
Royalties 15%
Vincite di gioco, scommesse 25%

Tali ritenute sono normalmente imposte finali sui redditi maturati in Ciad.
Le aliquote fiscali relative alle ritenute applicate ai pagamenti effettuati a favore di soggetti residenti sono descritte nella seguente tabella:
Dividendi 20%
Interessi* 20%
Vincite di gioco, scommesse 20%
Plusvalenze mobiliari 20%
* Gli interessi derivanti da conti di risparmio conti presso banche agricole o associazioni, da titoli del Tesoro quinquennali, da conti presso le società cooperative, fino a XAF 5 milioni o da conti presso le Poste Savings Bank, fino a XAF 5 milioni, sono esenti. 

Obblighi dichiarativi
L'anno fiscale in Ciad va dal 1° gennaio al 31 dicembre. I datori di lavoro devono presentare ogni mese una dichiarazione relativa alla ritenuta salariale operata sui redditi dei propri dipendenti. La dichiarazione deve essere inviata, unitamente al pagamento delle imposte, all’autorità fiscale entro il quindicesimo giorno del mese successivo.
In generale, i contribuenti sono tenuti ad effettuare un pagamento rateale dell’imposta dovuta, calcolata sulla base di un sistema di autovalutazione che si basa sul fatturato del mese precedente. Tale rata dell’imposta deve essere versata entro il quindicesimo giorno di ogni mese; tuttavia, i soggetti il cui reddito è costituito soltanto di redditi da lavoro e da capitale, tassati alla fonte, non sono tenuti a pagare tali rate.
Le persone fisiche residenti sono tenuti a presentare una dichiarazione dei redditi annuale entro il primo marzo successivo dell’anno successivo.
I datori di lavoro devono presentare una dichiarazione annuale degli stipendi versati ai propri dipendenti entro il 31 gennaio dell’anno successivo.
Le donne coniugate possono presentare le dichiarazioni dei redditi separatamente o congiuntamente, aggregando il proprio reddito al reddito dei loro mariti.
 
Imposizione indiretta
L’imposta sul Valore Aggiunto (IVA) si applica alle cessioni di beni e di servizi e alle importazioni con un’aliquota generale è del 18%. Le esportazioni e i servizi di trasporto internazionale correlati sono zero rating (0%). Lo zero rating si applica solo alle esportazioni accompagnate da una dichiarazione debitamente timbrata dai servizi doganali.
Le principali esenzioni riguardano: le vendite di prodotti che sono direttamente effettuati da agricoltori, allevatori di bestiame o pescatori, ai consumatori, le prestazioni sanitarie, l’istruzione, le operazioni di importazione e vendita di giornali e periodici, di introiti pubblicitari, attrezzature e beni specificamente destinati al petrolio e alla ricerca mineraria, le forniture idriche ed elettriche, l’affitto di locali vuoti utilizzati per alloggi, beni di prima necessità ecc.
La dichiarazione Iva deve essere presentata entro il decimo giorno del mese successivo a quello in cui l’operazione imponibile è stata effettuata per i contribuenti che hanno un fatturato superiore a 500 milioni di XAF, entro il quindicesimo negli altri casi. Qualora, nel corso di un mese, non siano state effettuate operazioni imponibili, una dichiarazione vuota con la dicitura (nessuna) deve comunque essere restituita all'autorità fiscale.
 

Capitale: N'DJAMENA
Popolazione: 12.830.000 circa.
Superficie: 1.284.000 km2
Lingue: arabo, francese e dialetti sudanesi 
Forma istituzionale: repubblica presidenziale
Moneta: franco CFA (XAF)
Accordi bilaterali: il Ciad ha siglato trattati contro le doppie imposizioni con i Paesi della Comunità economica e monetaria dell'Africa centrale (CEMAC) di cui il Ciad fa parte insieme con il Camerun, Repubblica Centrafricana, Repubblica democratica del Congo, Guinea equatoriale e Gabon.




Fonti di riferimento:
Governo del Ciad



La presente Scheda ha scopi esclusivamente informativi, non impegna in alcun modo né la direzione del giornale né l’Agenzia delle Entrate.



aggiornamento: settembre 2017
 
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/schede-paese/articolo/ciad