Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Schede Paese

Isole Cayman

Territorio d’oltremare del Regno Unito, dispone di una speciale autonomia in vari settori compreso quello fiscale

Thumbnail

L’arcipelago, localizzato nel mar dei Caraibi a sud di Cuba, dispone di un proprio Governo e di un proprio Parlamento monocamerale. L’esecutivo locale è presieduto da un Governatore, che è nominato dalla Regina e agisce quale suo rappresentante. Le isole Cayman sono un territorio d’oltremare del Regno Unito, cui è attribuita una speciale autonomia in diversi settori, incluso quello tributario.
L’economia nazionale si caratterizza per il forte sviluppo del settore finanziario. Le Cayman sono sede di numerose società, banche, fondi di investimento, società di assicurazioni di tipo “captive” e trust. Il sistema fiscale si basa sulle imposte di consumo. I redditi delle persone fisiche e giuridiche non sono soggetti a nessun tipo di tassazione. Allo stesso modo, non vi sono imposte sui capital gain, né sul patrimonio (nemmeno nella forma di imposta sulle successioni e donazioni).
 
La tassazione delle persone fisiche
Le Cayman non hanno un sistema di imposizione sui redditi. Di conseguenza, nessuna imposta è prelevata sui redditi delle persone fisiche residenti o sui redditi di fonte locale delle persone fisiche non residenti.
Si considerano non residenti i soggetti che non hanno la cittadinanza delle Isole Cayman. I pensionati “benestanti” (wealthy retirees), gli imprenditori e gli investitori possono ottenere un certificato di residenza valido 25 anni. Lo status di soggetto residente, tuttavia, non ha implicazioni di carattere tributario.
 
La tassazione delle società
Le Cayman non hanno un sistema di imposizione sui redditi. Di conseguenza, nessuna imposta è prelevata sui redditi delle società e altri enti residenti o sui redditi prodotti dalle filiali o branch locali di società estere.
Ai fini della locale legislazione societaria, le società operanti nelle Cayman si considerano “ordinariamente residenti” se svolgono la loro attività principalmente nell’arcipelago, e non residenti se svolgono la loro attività principalmente al di fuori dello stesso. Tale distinzione, tuttavia, non ha rilevanza ai fini fiscali.
Le società che ottengono lo status di società “esenti” (exempted companies) non possono svolgere attività commerciale nelle Cayman ad eccezione di quanto strettamente funzionale allo svolgimento di un’attività al di fuori dell’isola. Le exempted companies possono ottenere un certificato che garantisce l’esenzione da ogni imposta che potrebbe essere introdotta nelle Cayman nei successivi 30 anni.
 
L'imposta sul valore aggiunto
Le Isole Cayman non hanno un’imposta sul valore aggiunto paragonabile all’Iva europea.
 
Le altre imposte
La maggioranza delle entrate delle Isole Cayman proviene dalle tasse di registrazione applicate alle società, dalle tasse sulle licenze commerciali, dalle imposte di bollo e dai dazi doganali.
I dazi si applicano sui beni importati nelle Isole Cayman, con aliquote variabili in base al tipo di bene. Il Governo può esentare i beni destinati alla costruzioni di edifici pubblici o strutture turistiche, e i beni importati per l’effettuazione di opere che ritiene forniranno benefici a lungo termine per la popolazione locale.
 
Tassa sui trasferimenti
L’imposta grava sui trasferimenti di azioni rappresentative del capitale di società che possiedono beni immobiliari nelle Cayman. L’aliquota ordinaria è pari al 7,5% del valore imponibile del trasferimento. È prevista, tuttavia, un’aliquota maggiorata del 9% se il 50% o più del valore di mercato della proprietà immobiliare trasferita si trova in determinate aree delle Cayman. Il valore imponibile di un trasferimento viene calcolato in base alla proporzione tra il valore nominale delle azioni trasferite, il valore nominale complessivo delle azioni emesse dalla società e il valore di mercato complessivo dei beni immobili posseduti dalla società al momento del trasferimento.
 
Tassa sulle licenze commerciali
Lo svolgimento di un’attività industriale o commerciale nelle Isole Cayman è subordinato al rilascio di una licenza annuale, con l’eccezione dei soggetti che ne sono specificamente esentati. La licenza è obbligatoria sia per le persone fisiche sia per quelle giuridiche, a prescindere dalla residenza o dalla nazionalità.
La licenza è rilasciata dietro pagamento di una tassa il cui ammontare varia tra 150 (per i piccoli dettaglianti) e 125.000 dollari delle Cayman. Per le attività svolte nelle isole minori (Cayman Brac e Little Cayman), la tassa è ridotta del 50%.
 
Tasse turistiche
Gli ospiti delle strutture alberghiere delle Isole Cayman sono soggetti a una tassa sul prezzo pagato per il soggiorno. La tassa, che ha un’aliquota del 10%, è inclusa nella fattura.
 
Imposta di bollo
L’imposta è dovuta sulla maggior parte degli atti giuridici, inclusi gli atti di vendita o di concessione in locazione di beni immobiliari, gli atti societari e i mutui.
 
 

Capitale: George Town
Lingua ufficiale: inglese
Moneta: dollaro delle Cayman (KYD), soggetto a cambio fisso con il dollaro statunitense: 1 USD = 0.82 KYD
Stato sovrano: Regno Unito
Forma di governo: monarchia parlamentare (dipendenza della Corona britannica con un proprio autonomo Parlamento)

 
 
 
 
 
 
 
 
Fonti informative:

  • Portale del Governo delle Isole Cayman 
  • Sito della Commissione di Regolazione dei servizi finanziari 
  • Sito istituzionale delle Dogane 
  • Portale del Global Forum sulla Trasparenza Fiscale e lo Scambio di Informazioni 

 

 

 

 


La presente Scheda ha scopi esclusivamente informativi, non impegna in alcun modo né la direzione del giornale né l’Agenzia delle Entrate.



aggiornamento: maggio 2015

 

 

URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/schede-paese/articolo/isole-cayman