Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Schede Paese

Laos

Gli scaglioni di reddito per le persone fisiche sono sette mentre l’aliquota dell’imposta sulle persone giuridiche è pari a 24%

Thumbnail
L’ordinamento locale non dispone di una distinzione specifica per individuare l’individuazione dei soggetti passivi residenti e non residenti  e, pertanto, tutte le persone fisiche che percepiscono redditi nel territorio dello Stato devono assoggettarli ad imposta , prescindendo dal numero di giorni di permanenza nella Repubblica di Laos.
La tassazione delle persone fisiche.
L’imponibile è determinato cumulando tutti i redditi percepiti, quali salario, stipendio, rendite, provvigioni  bonus,  indennità, premi, compensi in natura e monetari. Anche i capital gains concorrono alla formazione dell’imponibile, tuttavia sono previste delle eccezioni nei casi di cessioni azionarie o vendite di proprietà immobiliari: nel primo caso l’aliquota può variare dal 10% al 2% e nel secondo caso dal 5% al 2%. L’ordinamento prevede, tra l’altro, anche una deduzione di un milione di Kip Laotiani dal salario mensile percepito dai lavoratori dipendenti a titolo di indennità di contingenza.
Il sistema impositivo è progressivo e gli scaglioni sono i seguenti:

 
Reddito imponibile* Aliquota marginale
Fino a 1.000.000 0%
Da 1.000.001
a 3.000.000
5%
Da 3.000.001
a 6.000.000
10%
Da 6.000.001
a 12.000.000
12%
Da 12.000.001
a 24.000.000
15%
Da 24.000.001
a 40.000.000
20%
Da 40.000.000
in poi
24%
  * Importi in unità di Kip Laotiano
I dividendi sono sottoposti a una ritenuta del 10% e le royalties sono sottoposte alla ritenuta del 5% sia se il percettore è residente ovvero non residente, salvo l’applicazione di aliquote più favorevoli se lo Stato di residenza fiscale del percettore ha parafato una convenzione contro le doppie imposizioni. Gli interessi derivanti da depositi bancari non sono assoggettati ad alcuna ritenuta alla fonte.

Tassazione persone giuridiche
L’aliquota dell’imposta sulle persone giuridiche è pari a 24%.
I soggetti passivi sono tutte le entità residenti che prestano servizi ed esercitano attività manifatturiera e commerciale e le società non residenti, incluse le filiali estere. Una branch estera può essere costituita solo in determinati settori dell’economia locale, mentre non ci sono condizioni restrittive per l’insediamento di banche estere, istituzioni finanziarie, compagnie di assicurazioni e compagnie aeree. La Tax Law n°70/NA del 15 dicembre 2015, in vigore dal 26 maggio 2016 e la VAT Law del 23 luglio 2014, in vigore dal 3 luglio 2015,  non prevedono  una precipua definizione né di residenza, né di stabile organizzazione ai fini fiscali.
La base imponibile è rappresentata  dai redditi prodotti  sul reddito  dello Stato di Laos.  L’ordinamento riconosce la deduzione dei costi correlati al perseguimento dell’oggetto sociale, come  spese di trasferta sino ad un massimo dello 0,60% del reddito di periodo, ammortamenti dei beni utilizzati per l’esercizio dell’attività; gli interessi passivi, purché documentalmente esperibili ed economicamente ragionevoli; le erogazioni a favore di determinati enti caritatevoli sino allo 0,3% del reddito di periodo; le spese pubblicitarie entro il limite dello 0,5% del risultato di esercizio. Mentre non sono deducibili i costi non inerenti all’attività imprenditoriale, multe ed ammende. La perdita può  essere riportata  in abbattimento dell’utile di periodo per 3 periodi di imposta successivi all’esercizio in cui è maturata.
Dividendi e interessi sono assoggettati a ritenuta del 10% e le royalties ad una ritenuta del 5% sia se il percettore è residente, sia se non è residente; tuttavia, qualora sia stato parafato un Trattato contro le doppie imposizioni, si applicano le aliquote convenzionalmente pattuite.

L’imposta sul valore aggiunto
L’imposta sul valore aggiunto colpisce il consumatore finale dei beni e servizi e colpisce le importazioni e la maggior parte delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi operate nel territorio dello Stato. L’aliquota applicata è del 10%. L’ordinamento prevede che determinate operazioni siano assoggettate ad aliquota zero, quali le cessioni di beni destinati alle esportazioni e le prestazioni di servizi fuori dal territorio nazionale; mentre alcuni beni e servizi non sono imponibili, quali prodotti dell’agricoltura, sementi, fertilizzanti, servizi medici, finanziari, assicurativi, religiosi ed educativi. Il computo del debito si determina dalla differenza fra imposta sugli acquisti ed imposta sulle vendite. Gli operatori economici che hanno un volume di affari maggiore di 400 milioni di Kip laotiano sono obbligati a registrarsi ai fini IVA, mentre se è inferiore, l’assolvimento di tale onere è volontario. Tuttavia, l’eventuale IVA a credito può essere richiesta a rimborso solo qualora si è provveduto a registrarsi presso il competente ufficio.

Dichiarazioni, obblighi strumentali e versamento delle imposte
Il periodo di imposta coincide con l’anno solare sia per le persone fisiche che per le persone giuridiche.
I datori di lavoro devono operare mensilmente una ritenuta alla fonte sugli emolumenti corrisposti alle persone fisiche, trasmettere la dichiarazione ed il versamento entro il giorno 15 del mese successivo a quello cui la ritenuta si riferisce. Il sostituto d’imposta che opera ritenute su dividendi, interessi, pagamenti per proprietà intellettuali, premi e lotterie deve versare l’imposta e dichiarare le ritenute entro 10 giorni dal pagamento al percettore.
Le persone giuridiche devono versare trimestralmente degli acconti determinati con il metodo storico entro il 10 Aprile, 10 Luglio ed il 10 Ottobre del periodo d’imposta in corso. La trasmissione del modello dichiarativo  ed il versamento finale del saldo devono  avvenire entro il 10 gennaio  dell’anno successivo a quello cui la dichiarazione si riferisce. Eventuali eccedenze di pagamento sono riconosciute come crediti e possono essere utilizzate in abbattimento dei debiti d’imposta dei successivi esercizi o possono essere richiesti a rimborso.







Capitale: Vientiane
Lingua ufficiale: Lao
Moneta: Kip laotiano
Forma istituzionale: Stato Socialista
Principali trattati stipulati con l’Italia: ad oggi, la Repubblica italiana e la Repubblica del Laos non hanno sottoscritto alcuna convenzione per evitare le doppie imposizioni e per prevenire le evasioni fiscali in materia di imposte sul reddito.
 
 
 
 


Fonti informative
Ministero delle Finanze: http://www.tax.gov.la
The World Fact Book: https://www.cia.gov/library/publications/the-world-factbook/geos/la.html
 
Riferimenti giuridici
Sistema impositivo (persone fisiche e giuridiche)
Normativa Iva



La presente Scheda ha scopi esclusivamente informativi, non impegna in alcun modo né la direzione del giornale né l’Agenzia delle Entrate.



aggiornamento: agosto 2017
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/schede-paese/articolo/laos