Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Schede Paese

Nuova Zelanda

L’aliquota sulle persone giuridiche è stata ridotta dal 30% al 28% dal periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2011

Thumbnail
Le persone fisiche che hanno il domicilio in Nuova Zelanda o sono presenti sul territorio per almeno 183 giorni in un anno sono considerati fiscalmente residenti. I contribuenti residenti sono tassati sui redditi ovunque prodotti e l’ordinamento domestico riconosce loro un credito per imposte pagate su redditi esteri pari al minor valore fra l’ammontare dell’imposta estera corrisposta o quella che sarebbe stata dovuta se tale reddito fosse stato tassato in Nuova Zelanda, mentre i soggetti non residenti sono tassati sui redditi originati nel territorio dello Stato.

La tassazione delle persone fisiche
La base imponibile è formata da ogni reddito percepito e avente natura di salario, stipendio, rimborso fiscale, indennità, sussidio, capital gains. Determinati benefici accordati dal datore di lavoro al dipendente non concorrono alla formazione del reddito imponibile. In particolare, non concorrono alla formazione dell’imponibile precipui benefici quali uso di autovetture  aziendali, tassi di interesse agevolati connessi ad erogazioni di prestiti a favore del lavoratore e prezzi vantaggiosi per l’acquisto di specifici beni e servizi, mentre sono tassati i benefici derivanti da assegnazioni di alloggi o proprietà immobiliari. L’ordinamento non prevede deduzioni per il sostenimento di spese mediche sostenute per mezzo di contributi assicurativi, tuttavia riconosce delle detrazioni forfetarie ai soggetti residenti, - e.g. un credito del 33,3% delle donazioni a favore di enti caritatevoli, ed esclude dalla materia imponibile i contributi erogati dallo Stato alle famiglie con reddito medio - basso.
Il sistema impositivo prevede l’applicazione di aliquote progressive secondo il seguente schema:

 

REDDITO IMPONIBILE

ALIQUOTA MARGINALE

Fino a NZ$ 14.000

10,5%

Da NZ$ 14.001 a 48.000

17,5%

Da NZ$ 48.001 a 70.000

30%

Da NZ$ 70.001

33%



I dividendi e gli interessi sono assoggettati rispettivamente a ritenuta del 33% e del 28% ovvero 33% se il percettore è residente; mentre se il percettore non è residente, si applicano le aliquote del 30% e del 15%, ovvero delle aliquote inferiore, qualora sia stata stipulata una Convenzione contro le doppie imposizioni. Le royalties spettanti ad un soggetto residente non sono assoggettate ad imposta; viceversa, se il titolare non è residente, si applica una ritenuta del 15%, o inferiore, qualora sia stato stipulato un Trattato contro le doppie imposizioni che, generalmente, oscilla fra il 5 ed il 15%.


La tassazione delle persone giuridiche
L’aliquota dell’imposta sulle persone giuridiche è pari a 28%. I soggetti passivi sono tutte le entità residenti e non residenti ai fini fiscali, incluse le filiali estere.
Una società è fiscalmente ivi residente se è costituita nel territorio delle Stato, ovvero se la sede principale o il management è in Nuova Zelanda.
La base imponibile, per le entità residenti, è rappresentato dai redditi ovunque prodotti, mentre i soggetti non residenti sono tassati sul reddito originato in Nuova Zelanda. In particolare, l’imponibile include, fra l’altro, i capital gains, e l’ordinamento riconosce, fra le deduzioni,  i costi di Ricerca e Sviluppo, gli interessi passivi, i debiti insoluti, le erogazioni a favore di determinati enti caritatevoli che operano in Nuova Zelanda ed il 50% delle spese di rappresentanza. Le ammende e le sanzioni non sono generalmente deducibili se comminate a fronte di violazionidi regolamenti o statuti. La società è legittimata al riconoscimento di credito di imposta con l’estero che, però, non può superare l’imposta che sarebbe dovuta in Nuova Zelanda sul reddito che ha scontato imposta all’estero. Le perdite possono essere riportate ad abbattimento degli esercizi futuri senza limite di tempo, a condizione che permanga almeno la continuità del 49% dell’azionariato, mentre non è previsto il riporto all’indietro.
I dividendi e gli interessi sono rispettivamente assoggettati a ritenuta del 33% e del 28% se il percettore è residente; mentre se il percettore non è residente, si applicano le aliquote del 30% e del 15%, ovvero delle aliquote inferiori, qualora sia stata stipulata una Convenzione contro le doppie imposizioni . Le royalties spettanti ad un soggetto residente non sono assoggettate ad imposta; viceversa, se il titolare non è residente, si applica una ritenuta del 15%, o inferiore, qualora sia stato stipulato un Trattato contro le doppie imposizioni che generalmente oscilla fra il 5% ed il 15%

Gst – goods and services tax
La GST è simile all’imposta sul valore aggiunto ed assoggetta a tassazione le importazioni e la maggior parte delle cessioni di beni e prestazioni di servizi operate nel territorio delle Stato a favore di soggetti residenti e non residenti. L’aliquota ordinaria applicata è pari al 15%. L’ordinamento prevede una aliquota pari allo 0%, riservata alle esportazioni ed al trasposto internazionale di passeggeri, e l’esenzione totale per la prestazione di determinati servizi finanziari ed assicurativi.
La dichiarazione può essere mensile, bimestrale ovvero semestrale in ragione del volume di affari del soggetto passivo, mentre il versamento deve essere corrisposto il ventottesimo giorno del mese successivo a quello di chiusura del periodo di imposta di riferimento. Generalmente il pagamento deve avvenire entro il giorno 28 del mese successivo a quello di chiusura del periodo di imposta di riferimento della dichiarazione. L’obbligo di registrazione è previsto se il volume di affari superi NZ$ 60.000, viceversa, l’assolvimento dell’onere è volontario.
È previsto il meccanismo del Reverse Charge per l’imposizione di precipui servizi a favore di determinati contribuenti registrati presso l’Ufficio locale preposto.

Dichiarazioni, obblighi strumentali e versamento delle imposte
Il periodo di imposta si estende dal 1° aprile al 31 marzo dell’anno successivo. Le persone fisiche residenti devono trasmettere il modello dichiarativo entro il 7 luglio di ogni anno e non è prevista la presentazione congiunta per i coniugi. Inoltre, sono esonerati da tale onere i contribuenti che percepiscono solo reddito da lavoro dipendente ovvero reddito soggetto a ritenuta alla fonte. Sono previsti i versamenti di tre acconti uguali la cui base di calcolo è rappresentata dal 105% dell’imposta dovuta nel precedente periodo al netto dei crediti, ma al lordo degli acconti. Se l’ammontare degli acconti dovuto è stato sottostimato, il contribuente dovrà corrispondere all’Amministrazione degli interessi al tasso corrente di  9,21%. Viceversa, se l’importo versato risulta superiore a quello realmente dovuto, l’Amministrazione dovrà versare al contribuente degli interessi al saggio corrente di  2,63%. Gli interessi pagati saranno deducibili mentre quelli ricevuti concorreranno alla formazione dell’imponibile. Il pagamento del saldo deve essere regolato entro il 7 febbraio del successivo periodo di imposta.
Parimenti, le persone giuridiche devono inoltrare la dichiarazione entro il 7 luglio di ogni anno, ovvero entro il settimo giorno del quarto mese successivo alla chiusura del proprio bilancio di esercizio. Il saldo del debito di imposta deve essere pagato il 7 febbraio, ovvero il settimo giorno dell’undicesimo mese successivo a quello in cui si chiude il periodo di imposta. Gli acconti sono determinati considerando come importo base il 105% dell’imposta dovuta nel periodo precedente e l’ordinamento prevede che il versamento avvenga in 3 rate, segnatamente entro il giorno 28 del settimo e del terzo mese prima del regolamento del saldo  relativo al periodo di imposta di riferimento ed entro il giorno 28 del mese prima del saldo che deve essere versato entro il 7 febbraio dell’anno successivo rispetto a quello  del periodo di imposta in argomento, qualora si estenda dal 1 aprile al 31 marzo. Se l’ammontare degli acconti dovuto è stato sottostimato, il contribuente dovrà corrispondere all’Amministrazione degli interessi al tasso corrente di  8,27%. Viceversa, se l’importo versato risulta superiore a quello realmente dovuto, l’Amministrazione dovrà versare al contribuente degli interessi al saggio corrente di  1,62%.




Capitale: Wellington
Lingua ufficiale: inglese, maori
Moneta: dollaro neozelandese
Forma istituzionale: monarchia parlamentare
Principali trattati stipulati con l’Italia: Convenzione per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e per prevenire le evasioni fiscali, con protocollo, firmato a Roma il 6 dicembre 1979, entrato in vigore il 23 marzo1983




Fonti informative
Inland Revenue Department




La presente Scheda ha scopi esclusivamente informativi, non impegna in alcun modo né la direzione del giornale né l’Agenzia delle Entrate.  




aggiornamento: marzo 2017
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/schede-paese/articolo/nuova-zelanda