Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Schede Paese

Tagikistan

Il sistema tributario si basa, principalmente, sul nuovo codice fiscale entrato in vigore dall'1 gennaio 2013

Thumbnail
Il Tagikistan è uno Stato dell'Asia centrale che confina a sud con l'Afghanistan, ad est con la Cina, a nord con Kirghizistan e Uzbekistan e ad ovest ancora con l'Uzbekistan. Ex Stato federato dell' ex Urss, il Tagikistan è indipendente dal 1991.
Il Tagikistan, la cui economia è tradizionalmente fondata sulla produzione di alluminio e sulla coltivazione di cotone, ha un rilevante potenziale estrattivo (oro, argento, stronzio, zinco e in misura minore carbone, tungsteno e uranio) e importanti risorse idriche, non ancora adeguatamente sfruttate. Il principale settore produttivo resta l’agricoltura, che impiega circa il 66% della forza lavoro e contribuisce per il 24% alla formazione del Pil. Oltre al cotone, si producono cereali (frumento, orzo, mais, avena), patate, ortaggi e frutta. Il settore industriale, che rappresenta il 31% del PIL, è fortemente bisognoso di ristrutturazione e diversificazione. Esso è dominato, infatti, dalla produzione di alluminio, Per il resto, sono presenti solo pochi stabilimenti destinati a produzioni agroalimentari e tessili e alcune imprese straniere operanti nel settore minerario.
La bilancia commerciale è costantemente deficitaria: Il Tagikistan ha uno dei più bassi PIL tra le ex repubbliche sovietiche. I principali partner commerciali restano i paesi dell’ex URSS, ma è in aumento l’interscambio sia con i paesi dell’Europa occidentale sia con la Cina.
 
Il principio del world wide income e l’imposizione fiscale diretta
Il sistema tributario si basa, principalmente, sul nuovo codice fiscale, in vigore dal 1° gennaio 2013, che disciplina tutte le imposte nazionali, dirette e indirette. Il codice prevede la registrazione ai fini fiscali di tutti i residenti (persone fisiche e giuridiche) e non residenti (persone fisiche e giuridiche) che hanno una stabile organizzazione in Tajikistan presso l’autorità fiscale del luogo in cui risiedono ovvero hanno sede. Il sistema fiscale è gestito dalla Commissione tributaria del governo del Tagikistan e i suoi uffici distrettuali. Le autorità fiscali sono responsabili della registrazione dei contribuenti, dell’accertamento e della riscossione delle entrate e promuovono il rispetto delle leggi fiscali.
Il sistema fiscale del Tagikistan è informato al principio del world wide income per cui il reddito dei soggetti residenti è tassato in Tagikistan ovunque prodotto, mentre per i soggetti non residenti il reddito è assoggettato a tassazione nel Paese soltanto se deriva da una fonte del Tagikistan.
Tutti i cittadini Tagikistan sono considerati residenti; in aggiunta la normativa fiscale prevede che le persone fisiche, che risiedono in Tagikistan per più di 182 giorni in un periodo consecutivo di dodici mesi, siano considerate residenti.
Le persone giuridiche sono divise in entità nazionali ed estere. Enti nazionali sono le persone giuridiche costituite secondo la legge del Tagikistan mentre i soggetti stranieri sono aziende, società, imprese, fondazioni, istituzioni o altre formazioni istituite secondo le leggi di uno Stato estero o da organizzazioni internazionali.
Gli enti nazionali e le persone giuridiche la cui gestione o il controllo sono effettivamente esercitati nella sede in Tagikistan, sono considerati soggetti residenti a fini fiscali.
I soggetti stranieri, a loro volta, sono divisi in entità estere che operano attraverso una stabile organizzazione in Tagikistan, e gli enti stranieri che ne sono privi.
Secondo le disposizioni generali del codice fiscale, qualsiasi attività svolta attraverso una sede fissa sul territorio del Tagikistan, compresa l'attività svolta tramite un agente dipendente, a prescindere dalla durata di tali attività, dà luogo ad una stabile organizzazione di un non residente. Una società estera che opera attraverso una stabile organizzazione in Tagikistan è considerata come un contribuente nazionale, ancorché non residente.
 
Imposta sul reddito delle persone fisiche
I contribuenti dell’imposta sono i cittadini del Tagikistan, i residenti stranieri e i non residenti che ricevono un reddito da una fonte del Tagikistan, e le persone fisiche o giuridiche che corrispondono un reddito derivante da una fonte del Tagikistan.
L'imposta sul reddito è dovuta sul reddito complessivo derivante da qualsiasi fonte, esclusi i redditi esenti. Sono, dunque, oggetto della tassazione: redditi da lavoro dipendente e autonomo, redditi d’impresa, redditi da capitale, ecc.
La base imponibile è il reddito risultante dalla differenza tra il reddito annuo lordo, dei redditi esenti e delle deduzioni previste dalla legge. Sono esenti: pensioni statali, proventi in contanti o in natura ricevuti da persone fisiche come eredità o regalo, indennità di assicurative, alimenti, le plusvalenze derivanti della vendita di beni immobili, ecc.
Le aliquote sono progressive e vanno dall’8% al 13%. L'imposta è generalmente trattenuta alla fonte dal datore di lavoro che opera come sostituto d’imposta per i redditi da lavoro dipendente.
Le persone fisiche non residenti sono tassate sui redditi maturati in Tajikistan attraverso una ritenuta alla fonte al momento della corresponsione del reddito; il reddito da lavoro dipendente dei non residenti è imponibile con una ritenuta del 25%.
 
Imposta sui reddito delle persone giuridiche
I soggetti passivi dell’imposta sono le società residenti e le società estere che operano attraverso una stabile organizzazione.
Il reddito imponibile è costituito dagli utili e ed è calcolato sottraendo dal reddito lordo il reddito esente e gli importi ammessi in deduzione. In generale, le spese documentate sono deducibili ai fini fiscali se sono sostenute interamente ed esclusivamente allo scopo di generare reddito. Le perdite operative possono essere riportate in avanti e compensate con gli utili nei seguenti tre anni consecutivi. Non ci sono regole particolari sulle plusvalenze: i redditi derivanti dalla vendita di azioni, obbligazioni, diritti di partecipazione, sono imponibili come reddito ordinario.
L'aliquota fiscale è pari al 25% del reddito imponibile. Le società produttrici di beni sono tassate con l’aliquota agevolata del 15%. Nel nuovo codice fiscale, si prevede una progressiva riduzione dell’aliquota d’imposta che dovrebbe raggiungere il 23% (il 13% per le imprese che producono beni) nel 2017.
Oltre all’imposta sul reddito delle persone giuridiche, le stabili organizzazioni sono soggette all’imposta sui profitti della filiale ad un tasso del 15% dell'utile netto dopo l’applicazione dell’imposta sul reddito.
Il sistema fiscale del Tagikistan impone un’imposta minima sul reddito imponibile. In particolare, l’ammontare dell’imposta dovuta non può essere inferiore all’1% del reddito complessivo. Tale imposta minima è alternativa all’imposta sul reddito e si applica quando l’imposta sul reddito è inferiore all’importo dell’imposta minima.
Va, poi, rilevata l’applicazione di un regime fiscale semplificato alle le piccole imprese. Trattasi delle società o imprese individuali, il cui reddito annuo complessivo non supera i 500.000 TJS. In generale, i contribuenti che pagano l'imposta secondo la procedura semplificata non sono responsabili per le imposte sul reddito, ad eccezione delle ritenute alle fonte e dell’IVA sulle importazioni. La base imponibile per l'applicazione delle imposte secondo la procedura semplificata è il reddito aggregato. Per le attività legate alla produzione di beni, l'aliquota è del 5%; per altre attività, l'aliquota è del 6%.
Le società straniere che non hanno una stabile organizzazione che ricevono redditi derivanti da una fonte del Tagikistan sono generalmente soggetti a ritenuta fiscale.
 
Withholding Taxes (WHT)
I redditi di un soggetto non residente che derivano da fonti in Tagikistan sono tassati alla fonte, al momento del pagamento, con le alle seguenti aliquote:

 
tipologia di pagamento aliquota
dividendi 12%
interessi 12%
royalties, reddito da locazione 15%
premi assicurativi (assicurazione o di riassicurazione) 6%
spese di gestione 15%
servizi di trasporto internazionale 5-6%
servizi di telecomunicazioni 5-6%


Obblighi strumentali, dichiarazioni, versamenti
L'anno fiscale in Tagikistan coincide con l’anno solare. I soggetti residenti che percepiscono redditi da lavoro dipendente non devono presentare una dichiarazione dei redditi annuale, salvo percepiscano reddito anche da altre fonti. I sostituti d’imposta devono presentare dichiarazioni semestrali relative ai pagamenti e alle relative trattenute entro il 15° giorno del mese successivo al semestre di riferimento.
I soggetti residenti che ricevono redditi non soggetti a ritenuta alla fonte e coloro che hanno conti bancari all’estero devono presentare la dichiarazione dei redditi entro il 1° aprile del successivo anno fiscale.
Le persone giuridiche devono versare degli acconti d’imposta mensili. Tali acconti sono dovuti entro il 15° giorno di ogni mese. La dichiarazione dei redditi annuale deve essere presentata entro il primo aprile dell'anno successivo a quello di riferimento. L’eventuale pagamento del saldo d’imposta risultante dalla dichiarazione è dovuto entro il 10 aprile del successivo periodo d'imposta.
 
Imposizione indiretta
L’imposta sul valore aggiunto (Iva), si applica alle cessioni di beni e di servizi e alle importazioni di beni in Tagikistan con un’aliquota generale del 18%.
Sono, tuttavia, soggette ad aliquota 0% le esportazioni fatta eccezione per il cotone grezzo, garze di cotone, gioielli, metalli e pietre preziose. Il codice fiscale stabilisce l’esenzione per le operazioni di vendita, il trasferimento, o affitto di beni immobili; servizi finanziari; servizi sanitari; editoria; i beni e i servizi che non sono forniti in Tagikistan. Sono inoltre, esenti le importazioni relative alla fornitura di alcuni tipi di apparecchiature, la valuta nazionale ed estera, le risorse naturali come oro, argento, platino e altre materie prime, i beni legati alla produzione di alluminio, fibra di cotone, ecc.
Ai fini dell’applicazione dell’imposta, la registrazione Iva deve essere effettuata dai contribuenti che effettuano operazioni imponibili da cui derivi un fatturato annuo superiore a 500.000 di TJS.
La dichiarazione Iva, insieme alle fatture emesse e ricevute, deve essere presentata mensilmente entro il 15° giorno del mese successivo a quello in cui l’operazione imponibile ha avuto luogo. L’imposta deve essere versata entro la stessa data.
 
 
Capitale: Dushanbe
Popolazione: 8.208.000 circa.
Superficie: 143.100 km2
Lingue: tagiko (lingua di stato), russo
Forma istituzionale: repubblica presidenziale
Moneta: somoni tagiko (TJS)
Accordi bilaterali: il Tagikistan ha siglato trattati contro le doppie imposizioni con Armenia, Austria, Azerbaijan, Cina, Repubblica Ceca, Finlandia, Germania, India, Iran, Kazakhstan, Kirghizistan, Lettonia, Lussemburgo, Moldavia, Pakistan, Polonia, Romania, Russia, Svizzera, Turchia, Turkmenistan e Ucraina.

 
Fonti di riferimento:
http://minfin.tj/




La presente Scheda ha scopi esclusivamente informativi, non impegna in alcun modo né la direzione del giornale né l’Agenzia delle Entrate.



aggiornamento: agosto 2017
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/schede-paese/articolo/tagikistan