Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Emilia Romagna

Calcio dilettantistico:un convegno a Bologna

L’Agenzia incontra la Figc per fare il punto sulle agevolazioni fiscali e i meccanismi di controllo

Thumbnail
Chiarire direttamente al mondo del calcio dilettantistico della Regione Emilia-Romagna la normativa fiscale, con tutti i benefici, ma anche i pericoli di abuso in materia di associazionismo dilettantistico. Questo l’obiettivo dell’incontro che si è tenuto nei giorni scorsi a Bologna, presso l’Associazione Italiana Arbitri. 
Gli interventi hanno illustrato, ad una platea estremamente attenta e partecipativa, la normativa fiscale di notevole favore di cui godono le associazioni sportive dilettantistiche (grazie soprattutto alla legge 398 del 1991) unitamente agli stringenti obblighi cui le associazioni devono adempiere per non decadere dai benefici, nonché le tipologie e i meccanismi del controllo posto in essere dalle varie istituzioni rappresentate nella conferenza.
  Ad inaugurare l’intenso dibattito è stato il responsabile fiscale di FIGC-LND, Edmondo Caira, il quale ha evidenziato la preziosa opportunità di un incontro tra attori istituzionali ed associazioni, auspicando che continui a sussistere la reciproca volontà delle parti verso un confronto in grado di arrivare ad una sintesi proficua dei diversi punti di vista.
  Il Direttore Regionale dell’Agenzia delle Entrate Emilia-Romagna, Antonino Gentile, ha sottolineato la disponibilità al dialogo tra mondo associativo ed Agenzia delle Entrate, precisando che l’Agenzia è consapevole del ruolo sociale svolto dallo sport dilettantistico. I controlli posti in essere sono mirati a soggetti su cui è stata precedentemente effettuata un’analisi del rischio e rispetto ai quali sussistono gravi indizi di situazioni altamente patologiche. L’Agenzia, ha continuato il Direttore Regionale, non vuole perseguire le mere violazioni formali degli obblighi fiscali, ma solo le situazioni di abuso sostanziale dei benefici tributari. Ciò proprio al fine di salvaguardare lo sport “pulito” ed evitare che gli abusi sottraggano fondi che il legislatore ha voluto espressamente destinare allo sviluppo dello sport dilettantistico.
  Il Direttore della sede SIAE di Bologna, Salvatore Cannella, si è quindi associato a quanto sostenuto dal Gentile, precisando che anche i controlli posti in essere dalla SIAE sono nella realtà finalizzati alla tutela delle stesse associazioni sportive dilettantistiche. A questo proposito, la Responsabile dell’Ispettorato SIAE di Bologna, Silvia Wertheimer, ha approfondito le tipologie di rilievi più frequenti che si riscontrano nel corso dei controlli posti in essere sulle associazioni che scelgono il regime agevolato di cui alla legge 398 del 1991. Di notevole interesse per il pubblico delle associazioni si è rivelata, inoltre, l’illustrazione tecnica della normativa fiscale da parte dei funzionari dell’Agenzia delle Entrate, che ha fatto una panoramica su tutti i diversi regimi tributari applicabili, a partire da quello degli enti non commerciali fino a quello degli enti associativi.
  Molti sono stati gli interventi in merito all’annosa problematica della differenza tra pubblicità e sponsorizzazione, problematica questa, di estrema rilevanza sia per le associazioni che per le imprese sponsor; e alla tracciabilità dei pagamenti, obbligo cui sono sottoposte tutte le associazioni sportive dilettantistiche che optano per il regime agevolato previsto dalla legge 398 del 1991. Il Tenente Colonnello della Guardia di Finanza, Corrado Loero, infine, ha focalizzato l’attenzione sul diverso e ulteriore tema dell’illecito sportivo, sottolineando i confini, non sempre chiari, nel nostro ordinamento giuridico, tra illiceità sportiva, civilistica e penale, con conseguente differenziazione in ordine ai diversi organi di giustizia cui dover ricorrere nel caso in cui venga commesso un illecito.
  La partecipazione e l’interesse del pubblico presente al convegno ha mostrato l’importanza di un tale momento di incontro tra Agenzia delle Entrate e contribuenti, i quali hanno manifestamente apprezzato gli interventi volti a chiarire la disciplina fiscale, che talvolta, indubbiamente, presenta difficoltà applicative, nonché la disponibilità a risolvere le problematiche tecnicamente più complesse ed eventualmente elaborare vere e proprie proposte per la modifica di disposizioni legislative.
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dalle-regioni/emilia-romagna/articolo/calcio-dilettantisticoun-convegno-bologna