Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Emilia Romagna

Evasori "balneari" sotto la lente del Fisco

Oltre 5mln di euro non dichiarati, le Entrate di Rimini controllano stabilimenti, alberghi e ristoranti

Thumbnail
Quasi cinque milioni di euro non dichiarati al Fisco, cento controlli eseguiti sui locali della Riviera romagnola: questo il primo bilancio della campagna anti-evasione portata avanti dall’ufficio dell'Agenzia delle Entrate di Rimini. In particolare gli accertamenti sui redditi di impresa per gli anni di imposta dal 2005 al 2007 hanno riguardato 9 ristoranti, 33 alberghi e 55 stabilimenti balneari dell’area riminese. Tra questi, otto soggetti dichiaravano redditi pari a zero e 22 risultavano addirittura essere in perdita, nascondendo un imponibile accertato di oltre 2 milioni di euro.   Ristoranti. I ristoratori sottoposti a controllo dichiaravano un reddito medio annuo di 15mila euro, a fronte degli oltre 100mila accertati. Per risalire ai ricavi reali, gli 007 dell’amministrazione finanziaria hanno seguito, nella maggior parte dei casi, il metodo “analitico-induttivo”: a partire dalle materie prime utilizzate, sono stati calcolati il numero di piatti serviti e i relativi incassi. È il caso di un noto locale di Riccione, al quale è stato contestato un maggior reddito accertato di oltre 400mila euro per l’anno di imposta 2006 e di 300mila euro per il 2005.   Stabilimenti balneari. Il reddito medio dichiarato dai gestori dei lidi riminesi non arrivava a 5mila euro annui, soltanto un sesto di quello accertato dall’Agenzia delle Entrate (30.553 euro). Anche in questo la ricostruzione del reddito effettivo si è basata sul calcolo delle attrezzature balneari disponibili (lettini, ombrelloni) e sulla valutazione delle condizioni meteo nell’arco temporale di riferimento. Questi elementi hanno consentito di scoprire che un villaggio balneare della zona di Viserba ha occultato oltre 110mila euro nel 2005, quando dichiarava una perdita di 24mila euro; stesso imponibile evaso per un lido del capoluogo che nonostante i 125mila euro incassati ha dichiarato al fisco appena 15mila euro.   Alberghi. I 33 albergatori controllati denunciavano un reddito annuo medio di 2.694 euro, contro gli oltre 65mila euro accertati. C’è chi solo nel 2006 presentava una dichiarazione pari a zero, mentre il reddito effettivo era di 400mila euro, e chi nel triennio 2005-2007 ha dichiarato un reddito di 17mila euro, nascondendo all’erario incassi per oltre 430mila euro. In questo caso, sotto la lente dell’Agenzia delle Entrate di Rimini sono finiti anche i movimenti bancari dell’albergatore.   “I risultati finora ottenuti dimostrano la qualità del lavoro svolto dai funzionari dell’Agenzia delle Entrate e ci spingono a continuare in questa direzione – dichiara il Direttore Regionale, Antonino Gentile. Nei prossimi mesi intensificheremo l’impegno nella lotta all’evasione fiscale, ancor più importante in un momento di crisi economica e di tagli alla spesa pubblica, concentrando gli sforzi sulle categorie a maggiore rischio di evasione”.       
I CONTROLLI NELLA RIVIERA RIMINESE (al 30 giugno 2010)  
  Ristoranti Alberghi Strutture balneari TOTALE/MEDIA
Soggetti controllati 9 33 55 97
Soggetti che dichiarano redditi pari a zero - 8 - 8
Soggetti che dichiarano perdite 2 10 10 22
Reddito medio annuo dichiarato € 4.997 € 2.694 € 15.173 € 5.157
Reddito medio annuo accertato € 102.080 € 65.019 € 30.553 € 48.916
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dalle-regioni/emilia-romagna/articolo/evasori-balneari-sotto-lente-del-fisco