Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Emilia Romagna

La strada per l’equità fiscale parte dai Comuni

Si rafforza l’alleanza tra l’Agenzia Entrate e l’Anci. Un bilancio dell'attività svolta in un convegno a Reggio Emilia

Thumbnail
Una collaborazione sempre più efficace tra Agenzia delle Entrate e Comuni, messa in campo con l’obiettivo di recuperare l’evasione fiscale e promuovere una più diffusa tax compliance. Per rafforzare l’intesa, il Direttore dell’Agenzia delle Entrate, Attilio Befera, e il Presidente dell’Anci, Graziano Delrio, hanno illustrato a Reggio Emilia le novità della collaborazione. All’incontro hanno partecipato anche il Segretario generale dell’Anci, Angelo Rughetti, ed i vertici regionali dell’Anci, Daniele Manca, e dell’Agenzia delle Entrate, Antonino Gentile.
 
Il bilancio dell’alleanza in Emilia-Romagna - Positivi i risultati dell’esperienza condotta in Emilia-Romagna. Secondo i dati aggiornati al 31 dicembre 2011 – illustrati dal Direttore regionale dell’Agenzia delle Entrate Emilia-Romagna, Antonino Gentile – l’alleanza anti-evasione in regione ha restituito a tassazione 110 milioni di euro, con un incremento del 96% rispetto ai 56 milioni del 31 dicembre 2010 e con una maggiore imposta accertata pari a 24 milioni di euro (+108%).  I numeri dell’intesa mostrano un incremento sostanziale anche delle segnalazioni inviate dai Comuni, passate dalle 7.274 del 2010 alle 13.662 del 2011 (+87%). È però ancora più significativo il risultato registrato sul fronte delle somme riscosse, ora pari a 7,5 milioni di euro (+138%), segno di una crescente qualità dei controlli: se al riscosso si aggiungono le rate da versare su accertamenti già chiusi, l’incasso complessivo sale a 9,7 milioni di euro.
Si allarga, infine, la schiera dei Comuni anti-evasione (270 su un totale di 348), che raccolgono una quota della popolazione residente pari al 94% del totale regionale (+ 10% rispetto al dato del 2010).
 
Dichiarazione del Direttore dell’Agenzia delle Entrate - “I Comuni hanno dimostrato di saper effettuare indagini in grado di scovare fenomeni evasivi o addirittura fraudolenti alcune volte non facilmente individuabili dalle nostre strutture, grazie alla loro conoscenza del territorio e alle informazioni dell'Anagrafe Tributaria che l'Agenzia delle Entrate mette loro a disposizione – afferma il Direttore dell’Agenzia, Attilio Befera. Da queste indagini possono scaturire segnalazioni qualificate in grado di innescare accertamenti fiscali significativi e ridurre la propensione all'evasione”.
 
Dichiarazione del Direttore Regionale dell’Agenzia delle Entrate - “I Comuni  emiliano-romagnoli che hanno inviato segnalazioni appartengono a tutte le fasce demografiche, segno di una partecipazione diffusa – afferma il Direttore Regionale, Antonino Gentile. Questo mi sembra il primo elemento significativo che emerge dai dati al 31 dicembre 2011, insieme a un generale miglioramento dei risultati. Cito tra gli altri il dato del riscosso, incrementato rispetto al 2010 del 138%, e l’indice di definizione degli accertamenti, che raggiunge il 78%: significa che su 100 controlli, 78 sono chiusi con l’accordo del contribuente. Questo livello qualitativo, tuttavia, non si sarebbe potuto ottenere senza la capacità di ‘fare sistema’ nel territorio. Ci avviamo ora verso la definitiva implementazione del sistema di collaborazione, che sarà sempre più uno strumento di supporto per l’equità fiscale e la compliance. Un grazie ai miei collaboratori e ai funzionari comunali”.
 
Dichiarazione del Presidente dell’ANCI - Per il presidente dell’Anci e sindaco di Reggio Emilia, Graziano Delrio, “la collaborazione fra Comuni e Agenzia delle Entrate nella lotta all’evasione fiscale, che in Emilia-Romagna ha già dato risultati molto importanti, va estesa e consolidata. E’ una battaglia per l’equità e la giustizia contributiva, che porta in sé il principio costituzionale dell’uguaglianza. Nello stesso tempo, è uno strumento rilevante per il recupero di risorse, che i Comuni possono poi investire sul territorio, per la qualità della vita delle città e delle comunità”.
 
Dichiarazione del Presidente dell’ANCI Emilia-Romagna -“In una fase come questa è indispensabile, per coniugare il rigore con l’equità, lo sforzo di tutte le amministrazioni dello Stato per contrastare ogni forma di evasione ed elusione fiscale – afferma il Presidente dell’Anci Emilia Romagna, Daniele Manca. E’ questo il presupposto per costruire una nuova fedeltà fiscale nei confronti dei cittadini-contribuenti e per rafforzare la credibilità delle istituzioni nel rapporto con la società. L’esperienza avviata in Emilia Romagna, con la grande partecipazione dei Comuni e la collaborazione stretta e proficua con l’Agenzia delle Entrate, apre la strada ad un lavoro ulteriore, ancora più puntuale, da affrontare nei prossimi anni. Occorre infatti rafforzare le competenze degli uffici Tributi dei Comuni, inserendoli tra le funzioni da gestire in forma associata tra più enti, garantendo loro dotazioni tecniche adeguate ad un lavoro nuovo, in particolare riferito alla nuova Imposta Municipale Unica”.
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dalle-regioni/emilia-romagna/articolo/strada-lequita-fiscale-parte-dai-comuni