Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Dati e statistiche

Entrate 2011: Germania e Irlanda
in testa per crescita del gettito

È una delle indicazioni rilevabili dalla lettura dei dati sulle entrate tributarie del Dipartimento delle Finanze

Thumbnail

L'indebolimento del quadro congiunturale ha influenzato l'andamento delle entrate tributarie nei principali Paesi dell'area euro nel periodo compreso tra gennaio e dicembre 2011. È l'indicazione più marcata che emerge dalla lettura del bollettino delle entrate tributarie internazionali del Dipartimento delle Finanze, diramato oggi, che ha preso in considerazione i risultati ottenuti da cinque Paesi: Francia, Germania, Irlanda, Portogallo e Spagna.
 

Le variazioni rilevate in linea generale
Una forbice di 7,4 punti percentuali è quella che divide i maggiori Paesi dell'area euro con una oscillazione che varia dal +0,5% della Francia al 7,9% della Germania. Germania (+7,9%) e Irlanda (+7,2%) registrano il tasso tendenziale di crescita più elevato mentre Portogallo e Regno Unito evidenziano tassi di variazione in crescita rispetto al mese precedente (dicembre su gennaio) nell'ordine dello 0,2%. In flessione i tassi di variazione in Francia (-2,7%), Irlanda (-0,7%) e Germania (-0,6%).
 

La crescita del gettito
La Germania chiude con un +7,9% il periodo preso in considerazione con il tasso di variazione più elevato e un incremento di 2,4 punti percentuali rilevato nel mese di dicembre rispetto al valore fatto registrare in gennaio. A seguire l'Irlanda che, con un +7,2%, registra tra i Paesi dell'eurozona uno dei tassi più elevati di variazione tendenziale delle entrate in crescita di ben 5,3 punti percentuali nel confronto tra i due mesi di dicembre e gennaio 2011. Regno Unito (-10,1%), Portogallo (-9,2%), Francia (-7,7%) evidenziano, invece,  sempre nel confronto tra i due mesi di dicembre e gennaio 2011, una forte oscillazione negativa.
 

Le performance dell'Iva
L'Irlanda, tra gli Stati membri dell'area euro, è l'unico ad aver registrato un tasso di crescita dell'Iva con un segno meno (-3,6%). In particolare il tasso di variazione mostra segni negativi a partire dal mese di febbraio.
Per tutti gli altri Paesi, nel periodo gennaio-dicembre 2011, i valori sono positivi rispetto a quanto rilevato nello stesso periodo dell'anno precedente. Da sottolineare, evidenzia la nota del Dipartimento, che il deterioramento del ciclo economico sembra aver influito, nel confronto tra fine e inizio anno, su tutti i Paesi presi in considerazione. Si va dal -1,4% del Portogallo al -0,2 Regno Unito passando per la Germania (0,5%), Irlanda e Francia (-0,2%). I tassi di variazione dell'Iva presentano poi forti oscillazioni a cominciare da quella più marcata (+16,2) fatta registrare nel Regno Unito. Caso a parte è la Francia che, per effetto della flessione degli incassi del gennaio 2011, presenta la crescita più elevata del tasso di variazione del gettito rispetto all'andamento di inizio d'anno (+18,6 punti percentuali).
 

Analisi dei singoli Paesi
I Paesi presi in considerazione e oggetto di analisi del bollettino, sul versante delle entrate tributarie, sono alcuni Paesi tutti appartenenti all'area dell'euro.
 

La Francia: buon andamento dell'economia e fiscalità
Al netto di rimborsi e sgravi nel 2011 le entrate tributarie ammontano a 255 miliardi di euro contro i 254 del 2010 che significa un incremento percentuale dell'0,5%. Alla fine dell'anno scorso il maggior gettito è stato, rispetto all'anno precedente, di 1,5 miliardi di euro. Nel solo mese di dicembre l'incremento tendenziale delle entrate è stato dello 0,1%. A influire sulla performance positiva delle entrate due sono stati i fattori determinanti: il buon andamento dell'economia registrato dal primo trimestre dell'anno; le misure di carattere fiscale introdotte nella legge di bilancio.
 

La Germania: gli effetti delle misure della legge di bilancio
Andamento positivo dell'economia ed effetti delle misure introdotte con la legge di bilancio 2010 sono i due elementi che più hanno contributo a incidere sul risultato positivo delle entrate tributarie. L'anno si chiude per la Germania con incremento del 7,9% rispetto allo stesso periodo del 2010. Sulla dinamica positiva, ricorda la nota del Dipartimento, hanno influito le maggiori entrate (+8,4%) relative alle imposte in compartecipazione tra il governo federale (Bund) e gli enti territoriali (Regioni, Comuni) e le maggiori entrate delle imposte riscosse a livello federale (+6,1%) e delle imposte dei Lander (+7,8%).
 

L'Irlanda: il ruolo della fiscalità
34 miliardi di euro circa è il risultato ottenuto globalmente in termini di gettito dalle entrate tributarie. Una crescita, rispetto a quanto registrato nel 2010, di circa 2,3 miliardi, con un incremento del 7,2%.  Sul risultato positivo hanno influito le maggiori imposte sui redditi personali (compresi i contributi sociali) che si sono attestate intorno ai 13,8 miliardi di euro con un aumento di 2,5 miliardi (+22,4%) rispetto al 2010. Un dinamica, ricorda il bollettino del Dipartimento, connessa agli effetti dell'introduzione di misure finalizzate a obiettivi di consolidamento fiscale introdotte nel 2010 tra cui si segnalano la variazione degli scaglioni di reddito, la riduzione di alcune esenzioni fiscali e l'aumento dei contributi sociali per lavoratori dipendenti ed autonomi tramite il nuovo sistema Universal Social Charge.
 

Il Portogallo: imposta sui redditi personali e societari
Crescono del 7% le entrate tributarie rispetto allo stesso periodo del 2010. Un dinamica positiva sostenuta dalle imposte dirette (+10,4%) e da quelle indirette (+2,8%). Due i fattori che hanno influito sulle imposte dirette: la crescita del gettito dell'imposta sui redditi personali (+9,6%) connessa alla sovrattassa straordinaria del 3,5% applicata a tutti gli scaglioni di reddito e all'aumento dell'1,5% della ritenuta alla fonte; l'aumento all'11,9% dell'imposta sui redditi delle società per effetto di una addizionale (2,5%) per i profitti che eccedono i 2 milioni di euro. L'andamento positivo delle imposte indirette (+2,8) è stato influenzato dalla crescita dell'Iva (+7%) e dalla tassa di circolazione sugli autoveicoli (+14,8%).
 

La Spagna: lavoro, Iva e accertamenti
Nel periodo compreso tra gennaio e novembre 2011 le entrate tributarie evidenziano un andamento positivo del +0,5% anche se in flessione rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente dove era stato registrato un +1,3%.  Un risultato di lieve crescita motivato dal buon andamento delle ritenute sul lavoro, dell'Iva e delle entrate da accertamenti sulle società. Positivi i valori relativi all'imposta personale sui redditi (+4,2%), all'andamento delle ritenute sui capitali (+3,1%) e delle ritenute sul lavoro dipendente (+1%). Positivo anche il gettito dell'Iva che risulta in crescita (+2,5%).


URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/dati-e-statistiche/articolo/entrate-2011-germania-e-irlanda-testa-crescita-del-gettito